Il significato astroteologico della figura della Vergine

L'interpretazione astroteologica è essenziale nel comprendere i miti, come la nascita di Gesù, che sono stati trasmessi fino a noi

Il significato astroteologico della figura della Vergine Qual è il significato astroteologico di una figura universale come quella della Vergine?

In tutti i sistemi religiosi presenti e passati ci imbattiamo nella figura della Vergine. Nel pantheon greco troviamo Atena descritta come Athena Parthenos (la vergine Atena). Ancora prima, in Egitto, la vergine era Iside. In oriente, il Buddha nasce da una madre vergine, Maya.

Perché proprio una vergine quindi?
Per trovare la risposta bisogna alzare la testa e guardare il cielo.

Il solstizio d'inverno si estende per tre giorni, dal 22 al 25 dicembre di ogni anno. Durante questo arco di tempo, il sole si trova nel punto più basso relativo all'orizzonte, ovvero -23,5°. La nascita del messia è quindi descrittiva di un fenomeno celeste. Il 26 dicembre, infatti, le giornate riprendono ad allungarsi. Il sole (Gesù) ri-nasce.

L'esoterista e massone Albert Pike scriveva:
«All'epoca del solstizio d'inverno, la vergine ascese (insieme al Sole) con il Sole (simboleggiato da Horus) in grembo... la Vergine era Iside (madre vergine di Horus) e la sua rappresentazione, con in braccio un bimbo (Horus), esibita nel tempio, recava questa iscrizione: Io sono tutto ciò che è, che era, e che sarà; e il frutto che ho generato sotto il Sole.»

Solstizio d'invernoPike si riferiva probabilmente a tempi molto remoti in quanto il sole oggi – nella data del 25 dicembre – non sorge più nella costellazione (grembo) della Vergine.

Altra intrigante possibilità è rappresentata dal fatto che 2000 anni fa la costellazione della Vergine – e per la precisione la sua stella Vindemiatrix – precedeva il sorgere del sole (nascita di Gesù) durante la fine di agosto e il mese di settembre.

La data della natalità del messia venne modificata diverse volte. In alcuni casi si crede corrispondesse proprio con il mese di settembre, ovvero il mese di Tišri, durante la festa detta delle Capanne (o Succot), una delle celebrazioni più importanti della cultura ebraica.

Vediamo così che l'interpretazione astroteologica è essenziale nel comprendere i miti, come la nascita di Gesù, che sono stati trasmessi fino a noi.


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Il significato astroteologico della figura della Vergine
Articolo scritto da da: Matteo Servili
Pubblicato il 14/06/2013

Da Abisso:

Genova e il G8 nelle parole di una scrittrice di noir
Reboot e Remake: quando il cinema ripropone se stesso
H.P. Lovecraft e l'Orrore Cosmico

Da Grandi Disastri e Tragedie:

3 febbraio 1959: il giorno in cui la musica morì
Il disastro dello shuttle Challenger del 1986
L'Eruzione del vulcano dell'isola di Thera (Santorini)


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy