Recensione
Taxidermia

Taxidermia: visiona la scheda del film Non serve un genere come l’horror, a volte, per mettere a dura prova la resistenza di occhi e stomaco, e Taxidermia, che con il terrore non ha poi molto a che fare, č un concentrato di poetiche devastazioni visive, difficili da assorbire, a volte tremende da digerire, ma deliziosamente appaganti sotto il notevole profilo artistico.

Pellicola ungherese di rara bellezza e armonia registica, l’opera di György Pálfi non punta esclusivamente sulle numerose componenti scioccanti, ma offre invece un intreccio ambizioso e alquanto insolito per progressione narrativa e uso dei personaggi, e una generale finezza visiva capace, piuttosto spesso, di stupire per intrepide soluzioni di camera (cosa succede nella vasca).

Tra commedia pungente ed erotismo deviato, diretto senza concedere nulla all’immaginazione, nel frammento iniziale Taxidermia offre i suoi elementi piů divertiti ed eccentricamente sfiziosi (la giŕ citata sequenza della vasca, le mansioni del soldato), capaci di far sorridere a patto di sopportare un certo disgusto (la lunga sequenza dell’uccisione del maiale per trasformarlo in salumi).

Una componente per certi versi allegra č sempre presente nell’opera, ed č riscontrabile sia nel secondo (il matrimonio) che nel terzo e conclusivo frammento (i continui sproloqui del padre obeso, la cassiera del supermercato), ma le atmosfere sono differenti, piů cupe e pesanti, pregne di nauseabondi piani sequenza (la vasca del vomito e l’intervento chirurgico) che pigiano sul tasto di una traumatizzante messa in scena, tutt’altro che necessaria ma a suo modo lodevole per estro creativo e coraggio.

La circolaritŕ narrativa di ferro č il punto di forza di una sceneggiatura priva di cedimenti, che brilla tanto nei momenti facili quanto in quelli saturi di superbo sfoggio tecnico, e che, raccontata con una colonna sonora minimale ma capace di esplodere con sonoritŕ dissonanti estremamente efficaci, costruisce un’ossatura incrollabile.

Taxidermia č una pellicola difficile, a tratti insostenibile, ma curata con esemplare maestria d’autore, che soddisfa pienamente. Impossibile da consigliare e un must-see allo stesso tempo: tutto dipende dal vostro grado di sopportazione.
L’unico suggerimento, da prendere davvero in considerazione, č di non mangiare né prima né durante la visione.


Recensione originale apparsa il 20/01/2010 su Midian, il blog ufficiale di Simone Corŕ.


Titolo: Taxidermia
Titolo originale: Taxidermia
Nazione: Austria, Francia, Ungheria
Anno: 2006
Regia: György Pálfi
Interpreti: Csaba Czene, Gergely Trócsányi, Piroska Molnár, Adél Stanczel, Marc Bischoff, Gábor Máté, Zoltán Koppány, Géza D. Hegedüs, Erwin Leder

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Taxidermia
Recensione scritta da: Simone Corŕ
Pubblicata il 20/01/2010

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafč
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer piů famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le piů spaventose leggende metropolitane

I 10 animali piů velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy