Recensione
Dylan Dog: Dead of Night

Dylan Dog: Dead of Night: visiona la scheda del film Sarò franco: questo Dylan Dog: Dead of Night, versione cinematografica del noto personaggio creato da Tiziano Sclavi uscito per la prima volta in edicola nel lontano ottobre 1986, è veramente brutta, mal scritta e mal girata.

Soprattutto perchè il Dylan Dog impersonato da Brandon Routh (Superman Returns, Karla) nulla ha a che vedere con lo spirito originario che ha generato il personaggio del fumetto: un personaggio assolutamente londinese, ruperteverettiano, proto-emo, proto-dark, molto all'antica nel senso di antimoderno per eccellenza, mosso da pulsioni tardo-adolescenziali che si mescolano a rimandi gotici e ossianici.

Il "vero" Dylan Dog è cioè un personaggio molto creativo, che attraversa un universo di associazioni immaginarie e culturali assai spesse, e lo attraversa con passo leggiadro, aggraziato e simultaneamente perturbante.

Qui, nel film di Kevin Munroe (TMNT), ci troviamo di fronte a un Dylan Dog trasformato in macchietta da serie televisiva pomeridiana per preadolescenti annoiati, una specie di "Tom Cruise in minore" per palati facili statunitensi di provincia. Una vera pena doverselo sorbire, dopo aver letto molti numeri di quel mitico fumetto italiano, e viene da chiedersi come mai Sclavi non sia insorto mediante apposite conferenze stampa, allo scopo di negare qualsiasi vicinanza a questo obbrorio filmico.

Il resto della ciurma di attori - Peter Stormare (Constantine, The Horsemen, Insanitarium, Anamorph - I Ritratti del Serial Killer), Sam Huntington (Superman Returns), Taye Diggs (Equilibrium, Il mistero della casa sulla collina), Anita Briem (The Nun) - suddivisa in modo equo tra buoni e cattivi, è pedissequa e (ancora) televisiva al duecento per cento.

E' cosa buona e giusta stendere un pietoso velo di silenzio sulla storia, scritta a quattro mani da Joshua Oppenheimer e Thomas Dean Donnelly (che hanno firmato l'imminente Conan the Barbarian). I due writers, dopo questa nefasta performance, penso fermamente siano da evitare come un'orda di serpenti velenosi, e sono loro, naturalmente, più che il regista, i principali responsabili di questa disastrosa riduzione cinematografica del fumetto originale.

Mettono sul piatto una storia senza capo nè coda, chiamando a raccolta zombies, vampiri e licantropi, cioè tutti i mostri dell'immaginario horror mondiale di tutti tempi, sperando di poterli contenere in uno script che non esploda nel vuoto pneumatico su cui è costruito. Speranza vana, ovviamente, poichè i mostri in guerra messi in scena posseggono una credibilità estetica pari a quella di un imbianchino di Voghera (marito della famosa casalinga) messo a restaurare la Cappella Sistina.

Dialoghi da asilo, musiche da pubblicità di pandoro natalizio, CG e reparto effettistico tipo "art attack" per bambini, riducono il film a uno psedurutilante sfondo di cartapesta, che nel corso del minutaggio si inclina fino a cadere del tutto sbriciolandosi in mille pezzi.

La pellicola non spaventa neanche per un secondo, e neppure si avvicina mai alla sottile vena ironica e al senso del macabro che caratterizzano le storie a fumetti originali.

Dylan Dog: Dead of Night: sconsigliatissimo, issimo, issimo.


Recensione originale apparsa il 10/07/2011 su Ulteriorità Precedente, il blog di Angelo Moroni.


Titolo: Dylan Dog: Dead of Night
Titolo originale: Dylan Dog: Dead of Night
Nazione: USA
Anno: 2010
Regia: Kevin Munroe
Interpreti: Brandon Routh, Peter Stormare, Anita Briem, Taye Diggs, Sam Huntington, Brian Steele, Kurt Angle, Randal Reeder, James Hébert, Courtney Shay Young

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Dylan Dog: Dead of Night
Recensione scritta da: Angelo Moroni
Pubblicata il 11/07/2011

Concorsi letterarii in Italia
Il Catalogo delle Bici Elettriche 2018

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139