Recensione
Hellboy

Hellboy: visiona la scheda del film Hellboy, uno dei migliori fumetti americani degli ultimi anni, era già da tempo nei sogni di Guillermo Del Toro (La spina del diavolo, Blade II, Il labirinto del Fauno) che è finalmente riuscito a portare su schermo, con rara efficacia, i sogni e gli incubi di Mike Mignola.

L'odierna crisi che attraversa l'horror non è certo dovuta alla mancanza di titoli in sala, anzi, le grandi produzioni hollywoodiane sembrano pervase da un crescente interesse verso il genere. Se bisogna individuare un elemento preciso questo è da ricercarsi nell'assenza di una nuova generazione di autori in grado di alternarsi ai vari David Cronenberg, John Carpenter, George A. Romero, Wes Craven, Tobe Hooper che sembrano ormai incapaci di dialogare e ragionare sulle tematiche di un tempo (e, beninteso, alcuni di loro non sono mai stati reali autori horror).

Ecco quindi che salutiamo con entusiasmo la conferma del giovane talento Del Toro che, pur con notevoli concessioni allo spettacolo e all'ibridazione dell'horror con altri generi, si conferma come possibile punto di riferimento nel campo, capace di portare avanti un discorso personale all'interno di tutti i suoi titoli.
E il regista lo fa innestando sul già portentoso testo di base (un misto di nazisti, esoteristi, creature lovecraftiane, supereroi d'antan, gotico, folklore, miti e dissacrante ironia..) tutte le sue fissazioni private.

Hellboy riesce a essere insieme trasposizione fedele di un fumetto (in particolar modo della mini serie iniziale Il seme della distruzione) e proseguimento di una personale ricerca estetica iniziata fin dai film d'esordio.

La mutazione del corpo, la creazione di nuove e singolari teratologie vista come proposizione di nuovi canoni estetici, i protagonisti spesso colti in una dimensione sospesa fra bene e male, fra umano e bestiale/demoniaco, l'ossessione per fluidi e liquidi dai vari gradi di vischiosità, una serie di antagonisti che spesso si rifiutano di essere dipinti come totalmente sgradevoli e maligni, gli interni descritti con minuzia quasi esasperata...

Sono questi tutti elementi caratteristici di del Toro e possiamo ritrovarli anche nel suo ultimo film che, in effetti, rappresenta la summa teorica di tutta la poetica del regista messicano.

Nodo centrale dell'opera è naturalmente il protagonista: il ragazzo infernale trova in Ron Perlman (Killer Rats, The Last Winter, Outlander: L'ultimo Vichingo, Mutant Chronicles) l'interprete adatto e il veicolo ideale (corpo massiccio, tratti del volto tagliati con l'accetta, un misto perfetto di ironia e amarezza) per lo stupefacente artigianato di Rick Baker e della sua Cinovation che, grazie a interminabili sedute di make up, riesce a dar vita concreta ai mostri di carta di Mignola.

Ma se è doveroso ricordare i meriti del truccatore bisogna a sottolineare che è anche grazie a una sceneggiatura dai dialoghi efficaci che riusciamo presto a "dimenticare" la condizione mostruosa di un Hellboy o di un Abe Sapien per vederli come semplici personaggi, rendendoci partecipi delle loro emozioni come raramente accade in pellicole di questo tipo. Perlman dà sfogo a tutta la sua verve grottesca con una serie di punch lines alle quali è impossibile resistere.
Gli effetti in CGI, pur risultando inferiori al lavoro di Baker non risultano mai eccessivi o fini a sé stessi grazie a un regista che, conoscendo bene il suo mestiere, sa quando affidarsi alla grafica computerizzata e quando rivolgersi all'elemento umano.

Proprio a tal proposito impossibile non sottolineare l'apporto di Guillermo Navarro, assiduo collaboratorre del regista, che riesce a creare una fotografia che oscilla fra le atmosfere torbide e malate di certi momenti e i passaggi dai colori e ombre decisi e violenti di chiara matrice fumettesca. Ottimo anche il lavoro alle scenografie, ancora più basilare del solito nello stabilire un continuum con certi ambienti proposti da Mignola su carta.

Il vertiginoso mix di tematiche e atmosfere di Hellboy può scoraggiare coloro che vanno in cerca dell'orrore tout court così come la pervicace ironia di fondo rischia di allontanare gli amanti del macabro a tinte fosche ma in definitiva non si può che plaudire una pellicola del genere che riesce con successo in vari campi, dalla portare sullo schermo un fumetto (operazione sempre rischiosa) al giocare in equilibrio fra i generi senza confondere lo spettatore.

Non mancano alcuni momenti dal forte impatto orrorifico resi con notevole gusto estetico (la rinascita di Rasputin su tutti) che entrano di diritto nelle scene da ricordare di questo 2004 cinematografico.

Hellboy: consigliato.


Versione 2.0 | Recensione pubblicata originariamente il 23/09/2004


Titolo: Hellboy
Titolo originale: Hellboy
Nazione: USA
Anno: 2004
Regia: Guillermo del Toro
Interpreti: Ron Perlman, Selma Blair, Rupert Evans, John Hurt, Karel Roden, Jeffrey Tambor

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Hellboy
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 23/10/2004

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Esperto Ambientale a Mestre

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139