Recensione
Black Death: Un Viaggio all'Inferno

Black Death: Un Viaggio all'Inferno: visiona la scheda del film Tra gli alfieri del cinema del terrore inglese, si può dire che finora Christopher Smith, seppur ben lontano dallo sfornare titoli memorabili, non abbia mai sbagliato un colpo: dall’horror puro di The Creep - Il Chirurgo e Triangle alla commedia macabra di Severance - Tagli al personale, una certa inquietudine è sempre stata materia prima dei suoi quattro lavori.

Con Black Death ci troviamo forse davanti alla sua opera più matura, nella quale Smith sa ben calibrare equilibri atmosferici con saliscendi soprannaturali in uno sporchissimo contesto da brivido.

L’ambientazione medievale è quindi, forse, protagonista assoluta della pellicola, resa nella sua atroce cupezza con una regia grezza e frenetica, che permette una sublime quanto marcia condivisione di dolori, fatiche e disagi con i cavalieri capitanati da uno Sean Bean (Silent Hill: Revelation 3D, The Hitcher, The Dark) ormai volto perfetto e immancabile per questo ruolo.

Pur partendo da una base ben consolidata quanto soporifera come il dualismo delle fede, Black Death non è l’ennesimo film che corre a gomiti alti denunciando la criminalità cattolica d’altri tempi, né tenta sterili moralismi con interrogativi quali la crudeltà di Dio nonostante l’amore verso l’uomo.

Attraverso una solida sceneggiatura, interessata prima di tutto a raccontare una buona storia, la pellicola sfrutta infatti l’inquisitorio religioso per insinuare dubbi soprannaturali di rara eleganza, dissemina il duro viaggio del giovane monaco Osmund di certezze continuamente infrante e riesce a creare una sinistra angoscia nel non puntare mai apertamente l’ago della bilancia verso limpido orrore o semplice, malvagia realtà.

Dagli ostacoli iniziali come l’attacco nei boschi o la presunta strega in attesa del rogo purificatorio, squarci di violenza utili per assimilare i fetori di superstizioni e paure, all’arrivo alla meta, questo villaggio dove la peste, la morte nera, sembra misteriosamente non mietere vittime per mezzo, forse, di un atto di stregoneria, ci si trova in un costante bilanciamento di umori e reazioni, resi vivi da una più che buona caratterizzazione dei cavalieri, non mere bidimensionalità necessarie a diversificare l’andamento del film, ma figure umane e ben contestualizzate, nelle loro credenze, scelte ed errori.

Forse un unico difetto macchia Black Death, una certa facilità/comodità narrativa per risolvere un altrimenti difficile snodo nel troncone conclusivo, ma ci si presta più che volentieri a simili esigenze filmiche se il risultato finale appare così ricco di fascino occulto.

Consigliato.


Recensione originale apparsa il 01/07/2011 su Midian, il blog ufficiale di Simone Corà.


Titolo: Black Death: Un Viaggio all'Inferno
Titolo originale: Black Death
Nazione: Gran Bretagna, Germania
Anno: 2010
Regia: Christopher Smith
Interpreti: Carice van Houten, Sean Bean, Rupert Friend, Eddie Redmayne, John Lynch, Tim McInnerny, Johnny Harris

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Black Death: Un Viaggio all'Inferno
Recensione scritta da: Simone Corà
Pubblicata il 01/07/2011

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy