Recensione
Resident Evil: Extinction

Resident Evil: Extinction: visiona la scheda del film Possiamo capire il livello di inetta e disastrosa mediocrità nel quale è cascato certo cinema d’intrattenimento quando il videogioco sovrasta per profondità di intreccio, atmosfere e sceneggiatura il film che ne è stato tratto.

Eccoci quindi, stremati, giungere fino al terzo episodio della franchise di turno a base di X eroina che combatte i cattivi, vestita in maniera più o meno provocante.
Questa volta, Resident Evil: Extinction, ritocca a Milla Jovovich che deve lottare contro i cattivi zombimutanti a botte di machete, calci rotanti ed espressioni grintose.

Con un soggetto (volontariamente?) ridotto a zero e una sceneggiatura di carta velina, l’occhio diventa libero di vagare per le rovine desertiche ben disposte da Eugenio Caballero (unico vero punto di forza del filmaccio) che fanno da sfondo per i salti della Jovovich.

Il concetto sa di rimasticato da precedenti visioni e giocare a invadere il campo di Mad Max avrebbe forse reso di più affidando il baraccone a qualche regista più versato nella cinematografia nomade mentre il tutto, nelle mani del bolso Russell Mulcahy (Higlander, l'ultimo immortale), ha la velocità e interesse dei cespugli rotolanti.

Il dinamismo dell'eroina protagonista, Alice, viene soffocato dalla staticità della regia e dalla scelta dei costumi, quanto di meno adatto per giocare sull’unica attrattiva possibile: le succulente e atletiche formette della Jovovich spariscono affogate in spolverini, sciarpone, gilet e altro ancora e la percentuale di epidermide esposta è ridotta a un minimo che immagino frustrante per lo spettatore medio di queste cialtronerie.

Paul W.S. Anderson (mister mediocre da sempre, Punto di non ritorno a parte e non del tutto) tira i fili nella veste di produttore e scrittore e cade nell’errore di pensare che lo script si possa risolvere in una serie di combattimenti insipidi intervallati da momenti di ricarica della stamina e baratta la psicologia per semplici momenti di evoluzione/mutazione dei poteri: ora Milla tira calci ai culi non morti anche psicocineticamente.

Il tutto, in effetti, è molto videoludico: fight the boss, collect treasure and xp, buy powers, go to the next level.
Ma, non avendo in mano il joystick e non offrendovi Milla l’opportunità di tenere in mano qualcos’altro, vi divertirete meno rispetto al videogame.
Particolarmente fastidiose le scene con cani e uccelli: la distanza che separa l'omaggio dall'offesa sembra essere in alcuni casi molto, molto piccola.

Se si sceglie di spostare ancora di più il baricentro della franchise verso l’azione e lontano dall’horror allora poi ci si attende, ehm, AZIONE e questa latita in lungo e largo, forse anche lei persa in mezzo alle sabbie o nei dedali delle basi Umbrella Corp.
E la Jovovich avrà anche un corpo da dea greca, ma l’espressività del viso è invece quella della statua di una dea greca, forse anche a causa dei massicci interventi in photoshop nei vari close up per nascondere la battaglia contro il Generale Tempo, al quale nessuno riesce a tirare colpi di machete.

Non aspettatevi comunque una seria Estinzione della franchise, in grado di fare ancora i suoi bei fracassi al botteghino e sul mercato dvd.

Già in cantiere gli episodi 4 e 5 nei quali l’esercito dei cloni di Milla combatterà contro la carica delle 101 Kate Beckinsale (in Residen Evil: Evolution vs Extinction), l’esercito vincitore si dovrà confrontare con una violenta e virulenta invasione di Uma Thurman non-morte e mannare (Kill Mill).

Vinca quella che, da nuda, riesce a fare il doppio calcio mortale più alto di tutte.
Spread eagle anyone?


Titolo: Resident Evil: Extinction
Titolo originale: Resident Evil: Extinction
Nazione: USA
Anno: 2007
Regia: Russell Mulcahy
Interpreti: Mike Epps, Milla Jovovich, Sienna Guillory, Oded Fehr, Iain Glen, Debra Marshall, Ashanti Douglas, Ali Larter, Chris Egan

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Resident Evil: Extinction
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 27/10/2007

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139