Recensione
H2: Halloween 2

H2: Halloween 2: visiona la scheda del film Di fronte a certi disastri epocali come questo Halloween 2 non si sa mai che reazione avere, una volta superato lo sconcerto.
Discuterne, non discuterne, favorirne l’oblio? Limitarsi d’ora in poi a segnalare solo le perle sommerse o sprecare dello spazio anche per l’immondizia che le ricopre?

Ma come si può tacere di fronte all’hype e alla distribuzione di un film simile che ha rubato tempo, soldi e sale a ben altre produzioni?
Se i fratelli Weinstein si lamentano ancora dei loro scarsi incassi, invio loro a spese mie uno specchio magico.
Da cui spero che esca Candyman.

Dopo aver fatto scempio del capolavoro di John Carpenter, Rob Zombie aveva dichiarato che il finale era stato cambiato perchè Michael Myers doveva morire definitivamente; ma non aveva specificato che era morto come Elvis Presley e quindi, sodomizzando ogni possibile verosomiglianza, ecco che il piccolo Michael torna.

La serie Halloween è nata, deceduta e sepolta col primo episodio. Tutto ciò che è venuto dopo è semplicemente inqualificabile, scarti per bulimici dell’horror in astinenza che ormai si stavano assuefacendo a qualunque canovaccio venisse trasposto su pellicola, persone che si sono rassegnate persino all’era post-Scream fino a ricominciare a respirare aria nuova negli ultimi anni.

Halloween II, nel 2009, è difficilmente catalogabile.

Abbandonato il recupero di Tobe Hooper aggiornato all’era di Natural Born Killers, abbandonato l’on-the-road anni ‘70, Rob Zombie ha intrapreso una strada che non conduce da nessuna parte.

Il primo episodio, caratterizzato dalla banalizzazione psicologica di Michael Myers, ridotto da metafora del nuovo male che covava nella provincia americana a nerd in odore di omosessualità edipica, si era già evidenziato per l’annullamento di qualsiasi ricerca artistica, spingendo il tasto verso un’estetica da videoclip sciatto e casalingo, un po’ per seguire una moda, un po’ per risparmiare, un po’ per incapacità di decidere come confrontarsi con un colosso.

La visione del seguito è una tortura inflitta allo spettatore.
Non esiste trama, non esiste pathos, non esiste angoscia, le soluzioni narrative adottate sono infantili (il massacro che si rivela essere un incubo) e le uniche soluzioni autoriali proposte non riguardano i meccanismi della paura, ma l’infarcimento del film con allucinazioni abbacinanti e stroboscopiche il cui unico scopo pare essere quello di far lavorare la moglie del regista, raggiungendo il fine di inquietare e disgustare per al massimo un paio di minuti.

Presi singolarmente alcuni spezzoni potrebbero anche funzionare, soprattutto se volete mettere alla prova il vostro nuovo sub-woofer; il problema è che nell’arco di circa 90 minuti per almeno 89 avviene solo questo: urla senza fine-fracasso-urla senza fine-fracasso.
Aggiungete la voglia di strappare a Rob Zombie la telecamera di mano, l’insofferenza per un’immaginario così statico e ridicolo che affonda le sue radici nelle feste da collegiali alla vigilia di Ognissanti, l’impossibilità di provare empatia per Laurie, un Macolm McDowell che compare sporadicamente, e sembra più demente di Myers, e un uso delle luci preso di peso da Adrian Lyne, e componete il quadro.

L’unico modo per tollerare Halloween II è assumere prima della visione una tonnellata di Optalidon (in alternativa ai tappi per le orecchie) e un antiepilettico (efficacissimo anche per la serie Saw).

Di slasher pessimi negli ultimi trent’anni se ne sono visti a dozzine e questo film si candida alla guida della lista.
Se non per altro perchè Michael Myers si dissolve, vaporizzato da grida sfondatimpani di donzelle odiose, da una psicologia d’accatto, dal diventare solo un coltello nell’ombra, privato di qualsiasi aura malvagia, un brutale braccio armato troppo lento nel togliere di mezzo tutto quel branco di scimmie urlatrici che ci viene venduto come personaggi.

Soprassiedo in preda a vero timor panico all’inguardabile finale che (temo) voglia citare quello di Psycho e lascia intravedere sviluppi futuri talmente imbarazzanti che nessuno sano di mente potrebbe concepirli.


Recensione originariamente apparsa su +LoveIsTheDevil+, il blog ufficiale di Lenny Nero.


Titolo: H2: Halloween 2
Titolo originale: H2: Halloween II
Nazione: USA
Anno: 2009
Regia: Rob Zombie
Interpreti: Scout Taylor-Compton, Tyler Mane, Sheri Moon Zombie, Malcolm McDowell, Matt Bush, Danielle Harris, Brad Dourif, Brea Grant, Margot Kidder, Chase Wright Vanek, BIll Mosely, Carolyn Williams, Ezra Buzzington, Howard Hessman

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film H2: Halloween 2
Recensione scritta da: Lenny Nero
Pubblicata il 14/10/2009

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy