Recensione
L'incubo di Joanna Mills

L'incubo di Joanna Mills: visiona la scheda del film In occasione di L'Incubo di Joanna Mills - The return (The Return), suo esordio registico negli USA, l’inglese Asif Kapadia (The Warrior) sceglie uno script laconico e lacunoso del carneade Adam Sussman e si sforza di nobilitare in qualche modo il gruppo di personaggi appena abbozzati e una trama che vaga per la prima ora salvo poi accelerare a fine film per forzare spiegazioni e climax nella testa dello spettatore.

La produzione alle spalle di L'Incubo di Joanna Mills - The Return opta per lasciare tutto il peso della pellicola sulle esili spalle di Sarah Michelle Gellar (So cosa hai fatto, Scream 2, The Grudge, The Grudge 2) che non convince né come testarda ragazza texana né come donna d’affari drogata di lavoro: non bastano i capelli neri e la fronte corrugata per dare svolte importanti a una carriera che vive ancora sotto pesanti ombre buffyane.

Né gli ottimi professionisti che le si affiancano (è sempre un piacere vedere Sam Shepard rimasticare alcool e sogni infranti, mentre Peter O’Brien convince in un ruolo per lui inconsueto) riescono a tenere alte le sorti di una pellicola che prosegue senza infamia e senza lode verso un finale telefonato da tempo.

Kapadia opta per uno stile j-horror ma L'Incubo di Joanna Mills manca del ritmo tipico di molti registi giapponesi e risolve il tutto attraverso scialbi momenti di tensione (due o tre inseguimenti, gli abituali giochini con gli specchi e apparizioni improvvise) e un compendio di inquadrature anomale (la telecamera sulla fiancata dell’automobile, le innumerevoli plongée…) che, prive di legami con il narrato, finiscono solo con l’irritare lo spettatore.

La fotografia candeggiata di Roman Osin (fedelissimo di Kapadia) e gli ambigui arredamenti e scenografie non aiutano la lettura del film, generando una mono-atmosfera dove non è possibile distinguere fra gli istanti allucinatori e quelli reali.

Meglio allora affidarsi alla corrente, attendere la risoluzione (comprensibile ben prima del finale) e godersi gli strani, artici esterni di un Texas cinereo e desolato, costellato da solitarie baracche e capannoni che nascondono simboli acquatici (conchiglie, cavallucci marini) messi in scena più per gusto estetico che per reale attinenza con la trama.

Gli appassionati di gore, splatter e torture movie staranno alla larga da questo L'Incubo di Joanna Mills, i cultori dei film a incastro si annoieranno dopo i primi minuti e i divoratori di pop corn horror odieranno il girare a vuoto della protagonista, lasciando la pellicola in pasto ai collezionisti a oltranza e ai fan club di Sarah Michelle Gellar, se ancora ne esistono.


Titolo: L'incubo di Joanna Mills
Titolo originale: The Return
Nazione: USA
Anno: 2006
Regia: Asif Kapadia
Interpreti: Sarah Michelle Gellar, Peter O'Brien, Sam Shepard, Kate Beahan, J.C. MacKenzie, Adam Scott

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film L'incubo di Joanna Mills
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 14/01/2008

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Esperto Ambientale a Mestre

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139