Recensione
Il Demone sotto la Pelle

Il Demone sotto la Pelle: visiona la scheda del film Dopo gli esperimenti underground di Stereo e Crimes of the future e alcuni lavori televisivi, David Cronenberg decide nel 1974 di cimentarsi con il cinema commerciale: il risultato sarà Il Demone sotto la Pelle (conosciuto come Shivers e Parasite Murders).

Raccolti 179.000 dollari mette in scena una sua sceneggiatura horror intitolata Orgy of the Blood Parasites, Cronenberg si dedica alle riprese, che durano un mese, tra agosto e settembre 1974.

Il film esce l’anno dopo, in prima assoluta, in 10 sale di Montreal: la carriera del profeta della nuova carne ha finalmente inizio.

Già in questo primo lungometraggio sono presenti i temi cari al regista che, seppur declinati di volta in volta in maniera diversa, troveremo in tutti i titoli della sua filmografia.

Parlare di Cronenberg come di un "regista di horror" è riduttivo e piuttosto impreciso, il cinema viene da lui utilizzato come strumento di indagine della realtà e per mettere su pellicola tematiche profondamente sentite. Oggetto della riflessione dell’autore canadese è principalmente il corpo, e soprattutto quello che si agita al suo interno; nella mente come nelle viscere.

L’ossessione per la corporeità è tale che spesso anche gli oggetti e l’ambiente in generale hanno caratteristiche organiche (si pensi al televisore "carnoso" di Videodrome). Ne Il Demone Sotto La Pelle è il complesso abitativo "Arca di Noè" ad avere caratteristiche corporee: le finestre possono far pensare a occhi con cui guardare l’esterno, i corridoi colorati di rosso sembrano ricondurre per analogia alle vene, i sotterranei possono essere visti come visceri e nel locale spazzatura si ammassano i rifiuti proprio come avviene negli intestini umani in cui si formano gli escrementi in attesa di essere espulsi.

Il film, in ottemperanza alle regole aristoteliche di unità di tempo spazio e luogo, si svolge nell’arco di una giornata e tutto all’interno de "Arca di Noè", che di fatto è la vera protagonista del film.

All’inizio in una serie di diapositive pubblicitarie viene descritta come il non plus ultra della perfezione e della pulizia, poi quando inizia il film vero e proprio scopriamo subito la sua natura intimamente corrotta: in una delle sue stanze il dottor Hobbes fa a pezzi una ragazzina.

Cronenberg ci mostra lo scarto esistente tra l’apparenza e la realtà più profonda, attraverso lo strumento cinematografico, contrapposto alla falsità delle immagini pubblicitarie dell’incipit e alle inutili informazioni provenienti da radio e televisione. Un discorso simile a quello affrontato da Gorge A. Romero nella sua trilogia sui morti viventi, nella quale i media sono solo fonte di confusione e notizie approssimative.

Il Demone Sotto La Pelle è infatti influenzato dall’opera romeriana, i suoi mostri sono una sorta di zombi un po’ particolari. Li si potrebbe definire zombi "sessuali", il cui scopo è quello di rendere tutta l’umanità simile a loro, ma il contagio non è repellente come quello dei veri e propri morti viventi, più che "contagiare" il loro scopo è liberare gli uomini dalle convenzioni sociali e dalla repressione implicita in ogni forma di società organizzata, in modo da fondare un nuovo ordine basato sull’appagamento dei sensi e guidato unicamente dal principio di piacere.

Cronemberg merita un plauso per essere riuscito a tratteggiare queste bizzarre e lascive creature senza scadere nel ridicolo, con un soggetto del genere il rischio di andare sopra le righe era dietro ogni angolo (meglio non pensare neanche a quello che avrebbe combinato il pur valido Joe D’Amato con una storia del genere!).

La dicotomia attrazione/repulsione è presente anche nelle forme del parassita, il cui aspetto è sia "fecale" in quanto può essere espulso dai corpi, sia con delle caratteristiche tipicamente falliche, famosissima a questo riguardo la scena in cui risalendo lo scarico di una vasca da bagno si insinua tra le gambe di Barbara Steele (una scena poi ripresa da Wes Craven per il suo Nightmare. Dal profondo della notte).

Non è casuale la scelta di chiamare "Hobbes" uno dei personaggi. Il riferimento è proprio al filosofo dell’ "homo hominis lupus", il teorico dello stato assoluto a cui gli uomini cedono la propria libertà per essere salvati dal loro innato istinto distruttivo. Il dottor Hobbes del film cerca di arginare il contagio uccidendo la sua amante, ma il suo sarà uno sforzo vano, il morbo continua a diffondersi e i contagiati sono addirittura felici di esserlo.

Cronenberg sembra dirci che per quanto si cerchi di arginare i nostri istinti essi sono pur sempre in agguato e in attesa di scatenarsi, non c’è società in grado di metterli realmente a tacere.

Tutte queste tematiche sono presenti in quello che apparentemente potrebbe sembrare un semplice horror. Ma l’horror è un genere potente e trasgressivo, e in mano ad artisti come Romero, Craven, Ferrara e, per l’appunto, Cronenberg, riesce benissimo a veicolare riflessioni a carattere sociale e politico. E la coscienza di queste potenzialità rende ancora più deprimente il constatare come oggi il genere si sia ridotto ad innocuo trastullo per teen agers.

Il film è fruibile a più livelli, se volete semplicemente un horror malsano e inquietante l'opera è notevole anche sotto questo aspetto, nonostante il budget non proprio faraonico comprometta lievemente la resa finale.

Il Demone Sotto La Pelle: come tutti i film di Cronenberg la sua visione è praticamente obbligatoria.


Titolo: Il Demone sotto la Pelle
Titolo originale: Shivers
Nazione: Canada
Anno: 1975
Regia: David Cronenberg
Interpreti: Barbara Steele, Joe Silver, Paul Hampton, Lynn Lowry, Allen Magicovsky, Ronald Mlodzik, Susan Petrie

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Il Demone sotto la Pelle
Recensione scritta da: Massimiliano Marongiu
Pubblicata il 20/09/2012

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy