Recensione
Ragazzi Perduti

Ragazzi Perduti: visiona la scheda del film Una donna da poco divorziata, si trasferisce con i suoi due figli, Michael e Sam, a Santa Carla, nell'abitazione di suo padre. Ben presto i due ragazzi scopriranno il segreto della cittadina californiana.

È notte a Santa Carla, un'immaginaria cittadina costiera della California, un luna park sulla spiaggia, tanti giovani che se la spassano, quattro ragazzi non proprio raccomandabili, e un assassinio: questo il prologo di Ragazzi Perduti (The Lost Boys), il film di Joel Schumacher (Linea Mortale, Blood Creek, The Number 23).

Si apre poi la scena seguente, dove Micheal e Sam giungono nell'assolata "Capitale mondiale dell'omicidio", Santa Carla appunto (ispirata molto probabilmente a Santa Cruz), da sottofondo People Are Strange dei Doors rivisitata dagli Echo and the Bunnymen, colonna sonora perfetta accostata alle inquadrature di una serie di giovani “freaks” del luogo e inquietanti volantini di missing childs.

Micheal, per far colpo su Star, una bella ed enigmatica ragazza che, guarda caso, sembra essere proprio la pupa del boss dei ragazzi del prologo, si ritroverà presto a dover fare i conti con questo nuovo ambiente e i suoi strani abitanti, tra corse in moto e particolari riti d'iniziazione. Sam, invece, conoscerà in una fumetteria, i fratelli Ranocchi, due bizzarri ragazzini, Rambo bonsai, ma non troppo coraggiosi, dispensatori di consigli su fumetti e molto altro.

Subito veniamo incuriositi dalle analogie con l'opera del 1902 di J.M. Barrie, Peter Pan, o il ragazzo che non voleva crescere.
Il titolo del film è già citazione del testo di Barrie, i lost boys infatti, sono quei bambini che si sono perduti a causa delle disattenzioni degli adulti e che per questo vivono sull'Isola che non c'è con Peter Pan.

Il mondo filmico poi è quello adolescenziale, Michael, Sam, il gruppo di vampiri e mezzi vampiri, i fratelli Frog, i giovani sulla spiaggia, la fumetteria, il luna park. E addirittura la caverna cripta, ritrovo dei succhia-sangue, ricorda la camera di un teenager, intima tana, decorata da poster, in questo caso un simbolico Jim Morrison. E ancora il continuo richiamo al volo con le molte riprese che lo simulano, il cane Nanouk è ispirato a Nana, il cane di Wendy, ma soprattutto Peter Pan non invecchierà mai.

Vari omaggi sono poi disseminati nel corso del film, Sam ha la sensazione di trovarsi sul set di Non aprite quella porta (The Texas Chain Saw Massacre, Tobe Hooper, 1974) per via del passatempo dello strampalato nonno che si diverte a impagliare animali. I fratelli Ranocchi si chiamano Edgar e Allan in onore dello scrittore maestro dell'horror Edgar Allan Poe.

Ragazzi Perduti - The Lost Boys è un mix di horror e commedia, molto commedia all'inizio e un po' più horror, tendente allo splatter nel finale, mix in questo caso abbastanza godibile con scene a mio parere incisive.

Il tema principale del film è la ribellione dei giovani verso le regole e il mondo degli adulti che spesso non li considera e li costringe a cavarsela da soli, ribellione che richiama anche nelle scorribande serali in moto il famoso Gioventù bruciata (Rebel without a cause, 1955) di Nicolas Ray con il "bello e maledetto" James Dean.

Il film ormai è un cult per gli amanti del genere, e rientra in quella tendenza che ha portato al rinnovamento della figura del vampiro, non più creatura austera e aristocratica, ma più spesso personaggio molto giovane, sempre di più impersonato da ragazzi e ragazze da copertina, impegnato in attività che possiamo considerare quotidiane o da teenager, proprio perché sono film che si rivolgono per lo più a quella fascia di pubblico.

A questo filone appartengono anche pellicole come Il buio si avvicina (Near Dark di Kathryn Bigelow, 1987) e prima Ammazzavampiri (Fright night di Tom Holland, 1985).

Questi lavori ispirano i contemporanei e soprattutto fanno parte di quella moda, come dicevamo, tuttora in voga, di raffigurare il vampiro come un teenager o con pochi anni di più, molto bello e fortemente caratterizzato a livello sessuale. Non possiamo non pensare a serie televisive come per esempio Buffy, the Vampire Slayer e il più recente The Vampire Diaries.


Titolo: Ragazzi Perduti
Titolo originale: The Lost Boys
Nazione: USA
Anno: 1987
Regia: Joel Schumacher
Interpreti: Corey Feldman, Jami Gertz, Corey Haim, Dianne Wiest, Kiefer Sutherland

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Ragazzi Perduti
Recensione scritta da: Cristina Oliva
Pubblicata il 15/04/2011

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy