Recensione
And Soon the Darkness

And Soon the Darkness: visiona la scheda del film Quando una squadra di ben tre sceneggiatori si mettono in pista per elaborare uno script, uno si aspetterebbe quantomeno una storia complessa, densa di svolte e colpi di scena, magari implausibili, magari confezionate in modo solamente esibizionistico e aventi il solo obiettivo di intrattenere l’occhio di chi guarda.

Invece, purtroppo, non succede affatto così, e non succede per niente neppure in questo noioso And Soon The Darkness, che vorrei re-intitolare piuttosto, e per l’occasione: And Soon the Sleep (la ronfata arriva presto).

E’ probabile che Clemens, Derwingson e Nation, i tre sceneggiatori, si siano fatti ispirare nel corso della scrittura dal noto romanzo Desperation di Stephen King, pensando di riformularne in chiave più moderna l’idea di base. Tale ispirazione si ferma ad un puro atto parassitario verso un romanzo il cui livello non è neppure lontanamente paragonabile a questa floscia pellicola.

Rimane comunque il fatto incontrovertibile che il film di Marcos Efron (al suo primo lungometraggio) fa semplicemente venir sonno, almeno fino all’80mo minuto di partita, e considerato che la “partita” dura 91 minuti…

Efron prova a mantenere aperti gli occhi dello spettatore solo nei primi venti minuti, allorché ci piazza davanti i corpi ubertosi e silvani delle due belle, giovani e sode protagoniste, Amber Heard (All the boys love Mandy Lane) e Odette Yustman (Cloverfield, Il mai nato), davvero notevoli in costume, mentre prendono il sole accanto a una remota cascata.

Poi basta.
Cala il sipario su tutto, e arrivano davvero le tenebre su tutto il resto del film, cioè tutto finisce nelle braccia di Morfeo, e noi con tutto il resto, naturalmente.

La carenza totale di un qualche tipo di rimando immaginario filmico di minimo spessore, di tensione, di idee, vorrebbe essere sostituita dalle meravigliose location naturalistiche che davvero belle sono, ma che potremmo anche visionare in un qualsiasi documentario della National Geographic Society. Bei tramonti fotografati e patinati, laghi desertici circondati da alberi secchi da cartolina di viaggio di nozze, valli piene di sole, dove le due ragazze americane trascorrono tranquille le loro vacanze in bicicletta, alla ricerca di un aitante e virile argentino da portarsi a letto, perché, si sa, gli ormoni hanno ragioni che la ragione non conosce.

E l’Argentina dei Videla? Dei Desaparecidos? Della feroce dittatura degli anni ’70? Che fine fa tutto ciò?
Non si vede proprio, e quand’anche avessimo ipotizzato, nei primi cinque minuti di pellicola, che Efron desiderasse ambientare il suo film proprio in Argentina, anche per voler produrre un qualche embrione di riflessione storico sociale su quel paese, tale ipotesi si volatilizza molto rapidamente.

Inutile dire che lo spessore psicologico e le caratterizzazioni dei personaggi sono elementi sottili come carta velina che vola via e si perde in un giorno di pioggia.

And Soon The Darkness è un film iper-patinato, vellutato come la pelle di pesca delle due giovani protagoniste, che il regista esibisce come in un banale videoclip pubblicitario, ma il cui valore estetico non va oltre tale velleità micro-estetica.

Non è neanche un "film horror".
E' la pubblicità di un'agenzia turistica che sponsorizza vacanze trekking sul Chaco, o sul fiume Bermejo.

Non parlerò nemmeno dell’andamento narrativo del prefinale e del finale, che dire scontatissimi e banalissimi è come usare altrettanto scontati eufemismi.

And Soon The Darkness: spero soltanto che le “tenebre” si posino su questo stesso film, il cui titolo sembra essere la sua pietra tombale, facendolo al più presto scivolare nell’oblio.


Recensione originale apparsa il 27/12/2010 su Ulteriorità Precedente, il blog di Angelo Moroni.


Titolo: And Soon the Darkness
Titolo originale: And Soon the Darkness
Nazione: Argentina, USA, Francia
Anno: 2010
Regia: Marcos Efron
Interpreti: Odette Yustman, Amber Heard, Karl Urban, Adriana Barraza, Gia Mantegna, Michel Noher, Javier Luna, César Vianco, Daniel Figuereido, Hugo Miranda, Luis Sabatini

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film And Soon the Darkness
Recensione scritta da: Angelo Moroni
Pubblicata il 31/12/2010

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy