Recensione
The Eye 2

The Eye 2: visiona la scheda del film Ricordate il periodo d'oro del cinema exploitation? Bei tempi, si mostrava fin troppo, si urlava con gli occhi, si lottava senza regole, forse contro le regole.
Ecco, a guardare questo The Eye 2 (Jian Gui 2), e in generale pensando a molto horror orientale degli ultimi tempi (e alcuni cloni occidentali) viene subito nostalgia per quell'epoca e, di conseguenza, nasce spontaneo coniare un nuovo termine, tentare una nuova classificazione.

Possiamo parlare di imploitation movies? Perché sonnecchiando di fronte allo schermo sembra di assistere a una vera e propria implosione: diegetica, visiva, contenutistica, tecnica...

I Fratelli Pang (The Eye, Re-Cycle, The Eye 3, Child's Eye) proseguono indefessi il loro percorso di occidentalizzazione sfornando una delle pellicole peggiori del 2005 fra damigelle che vedono la gente morta (da Il Sesto Senso in poi la vedono un po' tutti...), fantasmi (extra)uterini, superfici laccate e continui spot di cellulari.

In evidente affanno e critica involuzione tecnica (se possibile, rispetto al già sterile primo episodio) i Pang Bros sembrano aver assorbito solo l'aspetto più deleterio e facile dell'opera di registi quali Michael Mann e compagnia, finendo così con l'inondare l'opera di vetri, specchi e acqua e girando una noiosa pubblicità lunga quasi 100 minuti.

Il soggetto di The Eye 2, già risibile di per sé (le anime dei morti aspettano vicino alle partorienti per penetrare nel loro pancione e reincarnarsi), viene ulteriormente annichilito da una messa in scena priva di un singolo momento di tensione (a prescindere dai soliti 4 o 5 sobbalzi di routine), che oscilla fra il dramma d'amore fotoromanzesco e la lezioncella morale buddista/new age con tanto di saggio santone che appare ogni tanto a sparare qualche ovvietà sul dover accettare serenamente il proprio destino e affrontare il dolore come momento di prova e miglioramento.

Il montaggio prevedibile (soliti stacchi ogni 3-4 secondi) e un uso del sonoro scoordinato e assai inferiore alla media (spesso l'apparizione improvvisa della parte visiva spaventosa appare fuori sincrono con l'audio) si aggiungono a una fotografia più sgranata e fosca rispetto al primo film rendendo il prodotto poco interessante anche dal punto di vista strettamente tecnico. Splendida, adorabile, incredibilmente bella l'attrice protagonista, tale Qi Shu (The Transporter, peccato per le labbra che non sembrano, come dire, naturali al 100%), in grado di risvegliare qualche interesse perlomeno nel pubblico maschile.

Strambe la apparizioni dei fantasmi che, quando non hanno i soliti capelli lunghi e medusiani, volteggiano allegramente in aria per poi tuffarsi implacabili in grembo alle sventurate (fantasmi sì, scemi no!).

Mini-spoiler: letteralmente esilarante (le urla da stadio in sala si sono sprecate) una scena che vede la nostra eroina cercare di suicidarsi buttandosi dalla terrazza di un ospedale. Spiaccicata sull'asfalto la ragazza sbatte gli occhi, si rialza intontita e un po' sanguinante e... rientra nell'ospedale, risale le scale e si rituffa nel vuoto sperando di farcela la seconda volta!

The Eye 2: da evitare come la peste. Se siete in cerca di ectoplasmi riguardatevi Ghostbusters!


Titolo: The Eye 2
Titolo originale: Jian Gui 2
Nazione: Hong Kong - Thailandia
Anno: 2004
Regia: Oxide e Danny Pang
Interpreti: Eugenia Yuan, Qi Shu, Jesdaporn Pholdee, Philip Kwok

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film The Eye 2
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 01/04/2005

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy