Recensione
R-Point

R-Point: visiona la scheda del film R-Point (Al Pontieu) prende il suo maggior punto di forza proprio da quello che non è. Ma facciamo un piccolo passo indietro e andiamo per gradi.

Il genere horror è considerato da sempre mezzo privilegiato per dire altro rispetto a quello che i nostri occhi vedono sul grande schermo, una sorta di corsia preferenziale per la metafora sociologica. E questo lo sanno bene i maestri John Carpenter, David Cronenberg, Tsukamoto, Kurosawa e tutto il resto della compagnia dell’orrore politico. Altrettanto bene il giovane sud coreano Kong Su-chang sa di non essere assolutamente all’altezza di tali mostri sacri.

E, tornando alla boutade iniziale, da qui la sua forza maggiore.

Perché un film horror ambientato durante la guerra del Vietnam si sarebbe prestato troppo facilmente al ruolo di pamphlet antibellico dalla carica didascalica deflagrante, e difficilmente il regista di turno si sarebbe rivelato in grado di disinnescare tale esplosivo nefasto a favore di un messaggio un tantinello meno scontato. Da qui l’intuizione di sfruttare l’ambientazione solo per ricreare circostanze per cui si è obbligati tassativamente a fidarsi ciecamente di chi ti sta accanto. E tutti sappiamo quanto questo sia difficile. E a che livelli di tensione si possa arrivare contando unicamente sugli altri.

Tutto verte intorno a una semplice operazione di recupero, tanto basta per isolare dal resto dell’esercito una squadra di soldati svuotati da settimane di guerra in un ambiente ostile. Peccato che in agguato ci sia la solita minaccia ectoplasmatica (o forse no?). Psicologicamente esausti i nostri si ritroveranno prigionieri tanto di una villa diroccata, edificata nel cuore nero della giungla più madida, quanto di se stessi e dei propri demoni interiori, andando a scatenare una spirale di ansia claustrofobica letteralmente insostenibile.

Il film è formalmente ineccepibile, esattamente come ci si aspetterebbe da un prodotto coreano, unendo una regia scaltra nel costruire giochi di tensione pericolosissimi e una fotografia semplicemente perfetta. Nulla di strano se si considera il paese di provenienza del film in questione, le cui produzioni vengono spesso tacciate dai puristi come esempi di sconfinamento nel nefasto genere dello “spot BMW” detto anche “sindrome da porno Vivid”.

I problemi in R-Point invece sorgono quando le influenze vengono bellamente scippate dai diretti concorrenti (i giapponesi) e infilate nella sceneggiatura a forza. Naturalmente si sta parlando delle inutili incursioni della solita bambina nerocrinita. Oltre a spezzare la tensione in modo quasi imbarazzante, tali segmenti non sembrano neppure girati dallo stesso regista del resto del metraggio: completamente fuori ritmo, ridicoli e approssimativi.

Il fatto è che si stia parlando di un film dove tutto è talmente studiato a tavolino da far accapponare la pelle senza mostrare nulla, un opera dove si riesce perfino a insinuare spessore psicologico in un filone praticamente in balia dei clichès come il men-on-a-mission.

L’occasione di rendere la magnifica cornice tropicale un vero e proprio antagonista dei Nostri è sfruttato solo in parte, condividendo il ruolo di motore della paura con la presenza fantasmatica. Il terrore avrebbe potuto essere ancora più corporeo e concreto, il destabilizzante trip nella psiche devastata dei combattenti ancora più amaro.

Quindi turatevi il naso, ingoiate il boccone amaro e preparatevi a passare la notte all’R-Point. Ne vale comunque la pena. Decisamente.


Recensione originale apparsa su Evil Monkey says...


Titolo: R-Point
Titolo originale: Al Pontieu
Nazione: Corea del sud
Anno: 2004
Regia: Su-chang Kong
Interpreti: Kam Woo-seong, Son Byung-ho, Oh Tae-kyung, Park Won-sang, Lee Seon-gyun, Ahn Nae-sang, Kim Byeong-cheol, Jeon Kyeong-ho, Mun Yeong-dong

Recensione del film R-Point
Recensione scritta da: MA!
Pubblicata il 04/01/2008

Delitti al Thriller Café 2
Romanzo thriller storico Ottone: Il primo dei Visconti
Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy