Recensione
Super 8

Super 8: visiona la scheda del film Super 8 non appartiene al "genere horror", o per meglio dire appartiene al "perturbante spielberghiano", più che a quello cloverfieldesco alla J.J. Abrams, nonostante il regista sia comunque Abrams. Questa preliminare notazione non ridimensiona tuttavia il valore estetico di questo film, anzi lo sospinge verso sentieri luminosi in cui l'ibridazione artistica di generi piuttosto lontani tra loro, sa produrre un effetto interessante, decisamente poetico, "romantico", oserei dire.

Intanto la costruzione del gruppetto di ragazzini amanti del cinema, uniti dal progetto di "girare" un film con una videocamera super 8, oltre a ricordare lontanamente ma suggestivamente il romanzo IT di Stephen King, elabora questo tema preadolescenziale in modo mai stucchevole o da "film per ragazzi".

E.T. è infatti tornato, ma è cattivo, uccide lo sceriffo (nell'intensa e saggiamente ellittica sequenza del benzinaio di notte), rapisce inopinatamente cittadini del villaggio, obbliga le autorità locali a un piano di evacuazione biblico, genera conflitti tra esercito e polizia locale.

Parlavamo di "romanticismo", categoria estetico-filmica totalmente derelitta e soffocata dalle onde modaiole del mockumentary, peraltro reintrodotto dallo stesso Abrams, insieme a Matt Reeves, con Cloverfield (2008).

In Super 8 la finezza registica di Abramas consiste appunto nel ridimensionare quasi parodisticamente il tema del "mockumentary", invecchiandolo ad arte, facendolo cioè regredire a "gioco", a play winnicottiano, a prototipo culturale, nel momento in cui mette in mano una videocamera amatoriare video 8 a un gruppetto di ragazzi delle scuole medie.

Attraverso le pellicole che girano sul proiettore del giovane Joe Lamb (un'ispirato Joel Courtney), o di quello del suo grasso amico-regista Charles (Riley Griffiths), possiamo vedere tratti e movimenti del "mostro". Un mostro molto cloverfieldiano, che ci sarà mostrato con tranquilla tempistica nella bella sequenza dell'attacco all'autobus su cui viaggiano i ragazzi, e poi definitivamente in quella dei sotterranei del cimitero.

Il tutto è girato con toni appunto romantici, con amore per il cinema come intrattetimento e disvelamento lento, pacato, nel quale l'immagine e la fotografia "vere", niente affatto mockumentarizzate, ritornano a essere le vere protagoniste di un "vero" film. Abrams, dopo Lost e Cloverfield, ritorna cioè a ripensare il cinema sci-fi.

Decide di farlo all'interno di una produzione spielberghiana, come in un ritorno alle origini di cui sente, quasi proustianamente, il richiamo e il bisogno di attingervi ancora per trovare nuove energie creative. E le trova, decisamente.

Come descrivere altrimenti se non come "ritrovamento di ispirazione", la lunga sequenza finale delle automobili che volano in cielo, attratte dal magnetismo alieno? Oppure la sequenza iniziale dell'incidente ferroviario, vero colpo di genio che supera a duecento allora ogni banalità mockumentaristica odierna? Non è certo un caso che il film sia ambientato nel 1979, anni luce fa, vuole dirci Abrams attraverso questa location temporale.

Questo tipo di messaggio viene inscritto in una sceneggiatura molto ben curata, calibrata, forse un pò troppo melodrammatica in alcuni punti (vedi la descrizione del rapporto tra Joe e Alice-Elle Fanning), in particolare per i nostri gusti europei e italiani, ormai assuefatti al bunga-bunga. Si tratta di una melodrammaticità che però è in sintonia coi vissuti del pubblico americano medio, e in questo senso non eccede e non disturba lo sviluppo dello script.

La colonna sonora di Micheal Giacchino (Star Trek, Cars 2, Lost) e la fotografia di un Larry Fong (300, Watchmen) che sembra aver catturato le luci dei cieli notturni degli anni '70 e avercli portati sugli schermi odierni, accentuano un alone di nostalgia infantile molto ben raccontato e molto ben trasmesso emotivamente.

Consiglio la visione di Super 8, per le tante suggestioni e per i tanti stimoli che attiva, e perchè permette una vera riflessione sul cinema sci-fi, sulla sua storia, e sulle sue polimorfe e discutibili declinazioni espressive contemporanee.


Recensione originale apparsa il 12/06/2011 su Ulteriorità Precedente, il blog di Angelo Moroni.


Titolo: Super 8
Titolo originale: Super 8
Nazione: USA
Anno: 2011
Regia: J.J. Abrams
Interpreti: Kyle Chandler, Elle Fanning, Ron Eldard, Noah Emmerich, Joel Courtney, Riley Griffiths, Ryan Lee, Zach Mills, Gabriel Basso, AJ Michalka

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Super 8
Recensione scritta da: Angelo Moroni
Pubblicata il 09/09/2011

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy