Recensione
Husk

Husk: visiona la scheda del film Il punto debole, anzi debolissimo di Husk, uscito fresco fresco dall'After Dark Horror Festival 2011, risiede in una sceneggiatura che fa acqua da tutte le parti, come una bagnarola gettata in pieno oceano. E l'Oceano è nientemeno che quello, archetipico, dell'America rurale dei vari Jeepers Creepers et similia.

Brett Simmons, che è anche sceneggiatore, assumendosi quindi tutte le responsabilità relative alla scrittura filmica, non ha tuttavia la potenza visionaria di un Victor Silva (il regista di Jeepers Creepers e Jeepers Creepers 2), e si limita a costruire un improbabile labirinto di foglie in un campo di mais, nel quale far girovagare un cast altrettanto improbabile e per nulla convincente.

La sequenza iniziale in cui vediamo il SUV dei ragazzi bombardato da corvi che si schiantano in modo sanguinolento sul parabrezza, costringendoli a sbandare e a fermarsi ai bordi di un campo, farebbe ben sperare, senonchè Simmons decide di disperdere questi suoi "cinque personaggi in cerca d'autore", facendo loro vivere una diaspora inutile quanto priva di qualsiasi brivido tensiogeno.

L'ingresso nella famigerata casa dei contadini assomiglia molto più alla casetta di Dorothy ne Il Mago di Oz, che a qualsivoglia magione di un villain horror veramente degno di questo nome.

Gli sviluppi successivi dello script, a partire da questa dispersione iniziale dei personaggi nella selva di mais, si avvita toccando pretestuosamente temi soprannaturali buttati lì tanto per riempire un vuoto di ispirazione assoluto: inspiegabile, per esempio, sul piano della sceneggiatura, perchè Scott (Devon Graye, Dexter) a un certo punto scopre di avere poteri medianici e visioni paranormali.

Nessuna iniezione di suspense nei momenti in cui ce la aspetteremmo, arriva mai a confortarci durante la visione, e qualche chiodo piantato nelle dita di Johnny (Ben Easter, Leggenda mortale), oppure l'uccisione per accoltellamento (che ci viene tuttavia accuratamente nascosta alla vista) della bella Natalie (Tammin Sursok, Albino Farm), non ci faranno certo sobbalzare sulla sedia.

Husk, al termine della visione, produce l'effetto di un nanerottolo sulle spalle di ben altri giganti che hanno saputo raccontare con altro e superiore stile la mitopoesi perturbante del viaggio on the road nella solitudine infinita della campagna statunitense, dove il solito gruppo di teen-agers incontra il "lupo cattivo", o per meglio dire ascolta "il canto del diavolo".

La pellicola horror mette in scena, al contrario, uno spento girotondo di personaggi senza alcuno spessore, nè capacità espressiva, cercando di farci credere che la semplice location sia di per sè evocativa e perturbante.

Husk: film davvero inutile e da dimenticare.


Recensione originale apparsa il 27/03/2011 su Ulteriorità Precedente, il blog di Angelo Moroni.


Titolo: Husk
Titolo originale: Husk
Nazione: USA
Anno: 2011
Regia: Brett Simmons
Interpreti: Devon Graye, Wes Chatham, C.J. Thomason, Tammin Sursok, Ben Easter, Josh Skipworth, Nick Toussaint

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Husk
Recensione scritta da: Angelo Moroni
Pubblicata il 29/08/2011

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy