Recensione
Cursed - Il Maleficio

Cursed - Il Maleficio: visiona la scheda del film Un sottile filo rosso (rosa?) unisce questo Cursed: il Maleficio (Cursed) a pellicole come Jeepers Creepers 2 (Il Canto del Diavolo 2), una tensione omoerotica che rende lecito immaginare una possibile carriera hollywoodiana anche per un regista come David DeCoteau e i suoi prodotti di nicchia a base di boy band, zombie e violenza gay.

Questo ci viene da pensare di fronte a due o tre sprazzi di una pellicola sospesa fra lupi mannari e cannibalismo sociale, quando corpi maschili si scontrano e si avviluppano, quando un ragazzo tenta di baciare un suo coetaneo (la gag sul patio fra i due attori è semplicemente irresistibile) dopo sfilze di battute su quanto è gay il cane dell'altro.
Il maschio(?)-horror trova nell'outing l'unica via possibile: in tempi di castranti stermina-zombi residenteviliane e di vampire dominanti in latex e pelle, i giovani zombi, atterriti da tanto potere femminile, si rifugiano nell'amore fraterno...

Wes Craven, complice il suo sceneggiatore preferito, si accorge ben presto di non avere le armi necessarie (produttive e probabilmente artistiche) per confrontarsi con la recente e passata cinematografia mannara, e allora la butta sullo scherzo, sulla citazione esplicita, sul divertissement, sul vaudeville...
Uno dei registi più discontinui (ma da noi comunque amato alla follia) del genere pone la sua firma su una pellicola sconnessa, mal montata e fotografata da cani(-lupo), che viaggia a corrente alternata fra momenti di comicità più o meno volontaria e lungaggini da teen comedy anni novanta (ehi! sono passati più di dieci anni, i teen non si comportano più così, se mai lo hanno fatto...).

Craven ci regala una insistita panoramica iniziale sulle mille luci di Los Angeles che, guarda caso, tracciano una vaga forma di stella a cinque punti, "subdolo" indizio su quel che di malefico accadrà ai nostri due fratellini... E da lì si parte con la solita, arcinota sarabanda di topoi del genere, da chi si sveglia nudo in giardino (John Landis anyone?) a chi sviluppa un nicholsonesco appetito sessuale, da chi vuol mangiare carne cruda a chi la carne la vuole viva, ben pettoruta e lungocosciuta.

Fra labirintiche stanze degli specchi sempre pronti a svelare la feroce doppia natura umana e doverosi omaggi al werewolf di Lon Chaney, la vicenda si dipana senza scosse o innovazioni: le scene di combattimento sono quanto di più goffo si sia potuto vedere negli ultimi tempi, e c'è da stendere un velo pietoso sulla qualità del make up e delle animazioni in CGI, con la KNB EFX Group e Patrick Tatopoulos in evidente crisi involutiva. Colonna sonora cacofonica e inascoltabile di un irriconoscibile Marco Feltrami. Quattro persone in sala montaggio, probabilmente si picchiavano invece di schiacciare i pulsanti dell'Avid...

Christina Ricci si trova impacciata in questa alternanza schizofrenica di horror, sex-comedy e umorismo (ma ne esce facendo appello alla professionalità), mentre Jesse Eisenberg, memore della prova in Roger Dodger, riesce a gestire meglio il personaggio.

Rendiamo credito al grande Wes di averci provato. Con la travagliata storia produttiva e i penosi draft di sceneggiatura a disposizione per Cursed: il Maleficio forse non si poteva davvero fare di più e il maestro cerca perlomeno di ricordarci in ogni istante che it's only a movie!, senza mai prendersi sul serio.

Purtroppo la commistione fra risata e brivido è una delle arti alchemiche più difficili da padroneggiare, in Cursed il risultato è quello di farci assistere a una gigantesca puntata di Scooby Doo in carne e ossa, con tanto di tentativi di depistaggio sull'identità del mostro e mani che calano dall'alto per strappare di peso vittime innocenti fuori dai bordi della vignetta.

Se cercate una guida ai luoghi comuni dell'orrore guardate Scream, se inseguite musiche da luna piena affittate Un lupo mannaro americano a Londra, se siete dei cultori del make up il titolo per voi è L'ululato, se desiderate un trattato sul cannibalismo nel mondo dello spettacolo andate a rivedervi Il giorno della locusta...


Revisione 2.0 | Recensione pubblicata originariamente il 30/03/2005


Titolo: Cursed - Il Maleficio
Titolo originale: Cursed
Nazione: USA
Anno: 2004
Regia: Wes Craven
Interpreti: Christina Ricci, Jesse Eisenberg, Joshua Jackson, Milo Ventimiglia, Portia de Rossi, Shannon Elizabeth, Kristina Anapau

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Cursed - Il Maleficio
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 01/12/2010

Concorsi letterarii in Italia
Il Catalogo delle Bici Elettriche 2018

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139