Recensione
La Notte del Giudizio

La Notte del Giudizio: visiona la scheda del film Il problema più grosso di questo La Notte del Giudizio (The Purge) è la sua durata: solo 85 minuti. Da un film che parla di assedio e invasione mi sarei aspettato qualche decina di minuti in più. E si sentono tutti questi minuti fantasma: si ha l'impressione che l'intera narrazione sia accelerata, con gli aspetti negativi che questo comporta.

Scarso approfondimento del background dei suoi protagonisti (gli arricchiti e imborghesiti James e Mary Sandin e i loro due figli Zoey e Charli), una parte centrale della pellicola un po' pasticciata dove si smarriscono alcuni interessanti elementi legati all'etica, alla moralità e alla giustizia, un finale che arriva troppo presto, quando ancora "ce n'era" da poter tirare fuori.

Ed è un peccato perché il film diretto dall'esordiente James DeMonaco - "specializzato" in tematiche d'assedio e di scontro tra fazioni rivali visto che è stato lo sceneggiatore de Il negoziatore, Skin Walkers - La notte della luna rossa e Assault on Precinct 13 - ha anche numerosi lati positivi che avrebbero meritato maggior fortuna.

La pellicola è infatti godibile, ma necessitava di maggior "spazio" per regalare più spessore alle sue premesse iniziali e più chiarezza ai suoi concetti più elevati. Qualche critico ha paragonato La Notte del Giudizio a una sorta di satira alla Paul Verhoeven che si tramuta via via in una scomoda catarsi alla Sam Peckinpah, ma io ci andrei cauto a fare certi nomi.

Verò è che il film mette sul tavolo componenti sociali e morali, ma non ha il tempo per andare fino in fondo per queste strade "mature" e si accontenta di mettere in scena uno spettacolo in grado di intrattenere lo spettatore, preferibilmente di giovane età.

La produzione è comunque quella "standard" da horror/thriller moderno che ambisce a un pubblico ampio: violenza sì ma poco sangue e poco gore, niente scene di sesso o nudità (in allineamento ai nuovi dettami di Hollywood), asticella di "comprensione" un poco più bassa della media.

Produttori e regista/sceneggiatore non hanno "osato" quindi, salvo forse nel finale, la parte che ho maggiormente apprezzato.

Le premesse di La Notte del Giudizio sono interessanti e rappresentano una piacevole variazione sul tema (oltre che un ottimo modo per liberarsi di classici "problemi" come polizia e cellulari), ma il film e i suoi snodi narrativi restano comunque prevedibili oltre che "già visti".

Certe scene sono ben realizzate (nulla da dire sulle doti del cast tecnico) ma non lasceranno certo sorpresi gli estimatori di altre pellicole home invasion quali Them - Loro sono là fuori, The Strangers o Cherry Tree Lane.

Buono il ritmo, buona la suspense, presenti due/tre momenti di "sorpresa" appaganti, ma certe situazioni risultano però "forzate", con alcune decisioni prese dai protagonisti troppo cinematograficamente mirate a "far succedere qualcosa".

Di spessore invece le interpretazioni dei tre attori principali.

Rhys Wakefield (Sanctum), è perfetto nella parte del leader psicopatico degli invasori.

Lena Headey (Rotto, Il nascondiglio del diavolo, I fratelli Grimm e l'incantevole strega), ormai universalmente nota come Cersei Lannister de Il trono di spade, è ottima nella parte della moglie che non vuole rinunciare al proprio benessere economico nonostante non provi conforto per come è stato raggiunto.

Ma è Ethan Hawke, che proprio con Assault on Precinct 13 nel 2005 cominciò ad avvicinarsi al cinema di paura , che ancora una volta sfodera una prova convincente. L'attore, divenuto famoso grazie a pellicole di ben altro genere e pubblico, dopo un'accoppiata di titoli come Daybreakers - L'ultimo vampiro e Sinister sembra ormai a proprio agio in produzioni nere o horror.

Si potrebbe stare ore a discutere se il bicchiere di questo La Notte del Giudizio sia mezzo pieno o mezzo vuoto, senza arrivare a una conclusione. Non mi sento di consigliarlo agli appassionati di produzione estreme o sanguigne, ma per tanti altri può rappresentare una discreta fonte di svago e divertimento, specie se le aspettative sono tenute basse in partenza.

In USA ha incassato così tanto nella sola prima settimana di programmazione - rispetto ai "miseri" 3 milioni di dollari con cui è stato prodotto - che è stato già messo in cantiere un sequel...


Titolo: La Notte del Giudizio
Titolo originale: The Purge
Nazione: USA
Anno: 2013
Regia: James DeMonaco
Interpreti: Lena Headey, Ethan Hawke, Edwin Hodge, Max Burkholder, Tony Oller, Rhys Wakefield, Adelaide Kane, Tom Yi

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film La Notte del Giudizio
Recensione scritta da:
Pubblicata il 15/06/2013

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Esperto Ambientale a Mestre

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139