Recensione
Bloodrayne

Bloodrayne: visiona la scheda del film Con Bloodrayne Uwe Boll dimostra nuovamente di essere una creatura meravigliosa.
La perseveranza con cui trasforma trame nate in territori videoludici in colate di sterco fumante è rara, se non unica, al giorno d’oggi. L’ingenua incapacità filmica che lo contraddistingue l’ha reso in una manciata di anni uno dei filmaker più odiati della storia del cinema, e la finta presunzione e la tamarra arroganza di cui si fa portavoce non hanno fatto altro che rendere ancora più leggendaria la sua figura.
Tutt’altro che abbattuto dalle sconvolgenti reazioni ottenute con House of the Dead e Alone in the Dark, ha magicamente racimolato nuovi fondi e interessi altrui per modellare i poligoni del videogmae made in Majesco sulle curve di Kristanna Locken, e dar vita al suo terzo, indiscusso capolavoro.

Basta davvero poco per far scattare l’applauso, perché altro non si può fare quando uno dei primissimi scambi di battute vede un oscuro individuo dire all’oste, con estrema tranquillità: «Mi dia un calice di assenzio», in totale spregio alla morte che appare come unica motivazione a questo gesto folle.
E sono molti altri i momenti di pura idiozia narrativa, agevolati da una sceneggiatura debolissima, palesemente devota ad action/horror come Underworld, mai in grado di coniugare i momenti di azione con quelli di, ehm, approfondimento psicologico.
Si può ricordare la citazione di un improbabile paese dei balocchi dove «gli uomini giocano tutto il giorno», oppure le continue contraddizione messe sulla bocca di Rayne, senza contare l’orribile evil Ben Kingsley che siede inspiegabilmente per tutto il film sul trono, impersonificando la noia nella sua essenza più pura.

È chiaro che il film si muove con imbarazzo di scena in scena, diretto da una mano di Boll molto più sicura che in passato, ma pur sempre incerta e poco significativa. Il filmaker tedesco non possiede alcun senso del ritmo, sbaglia tutti i tempi (le interminabili riprese aeree... yawn...) e, senza contare un motaggio privo di controllo, si nota subito come la pellicola manchi di vitalità e di brio.

La storia prosegue per voragini, e vengono date per scontate troppe situazioni che fungono da ponte tra uno scontro e l’altro. Basti pensare alla comparsata di Billy Zane, sulla carta indispensabile per la comprensione della, oh, trama, ma rilegata in tre-minuti-tre che non fanno altro che aumentare il senso di repulsione visivo e l’ammirazione per Boll.

Ammirazione, certo, perché il top attillato in pelle che (s)veste la Locken è quanto di più ridicolo possa esistere nel contesto medioeval-horror in cui è calata la storia.
Perché l’inevitabile scena di nudo cerca il disgusto e la rabbiosa frenesia dell’azione, ma inciampa in un’improbabilissima messa in scena (è umanamente impossibile che Rayne e il collega di Vladimir possano fare sesso in quella posizione), che, tra l’altro, mette in mostra abbondantemente le peculiarità della Locken, ma ne censura in modo incomprensibile il popò con un’inquadratura elementarmente stupida.
Perché anche il cast (stellare, per un film di questo calibro) si ritrovata demotivato e in balia degli eventi. Ben Kingsley offre la sua peggiore interpretazione di sempre, con una statuaria fermezza abbellita da un parrucchino sconvolgemente buffo. Michael Madsen e il suo sguardo fiacco e sofferente potranno funzionare con Tarantino, ma con Boll non accade la stessa magia, soprattutto se impugna la spada per la lama e non si taglia mai. E, poppe a parte, fingiamo che la Locken non esista.
La decenza, quanto meno, permette un minimo di interesse nell’apparizione di un sempre ottimo e carismatico Billy Zane (scommetto i pollici che la divertente parte finale del suo monologo l’ha inventata lui di sana piana per sopperire al terremoto narrativo della sua parte)

Di Bloodrayne possono salvare la scelta cromatica, davvero apprezzabile nel suo alternarsi di colori caldi e scuri che ragalano bellissime immagini, e l’alto tasso sanguinario, con molte scene splatter di pura goduria emoglobinica.

Per il resto, l’avvertimento è il solito: se si riesce ad apprezzare un certo, ehm, modo di fare cinema, e anzi, si trae piacere dal vedere quella che, a conti fatti, è pura immondizia filmica, allora Bloodrayne apparirà come una meritevolissima pellicola trash. Altrimenti, be’, altrimenti evitate di incappare nella Boll production anche solo per sbaglio.


Recensione apparsa originariamente su Midian.


Titolo: Bloodrayne
Titolo originale: Bloodrayne
Nazione: Germania, USA
Anno: 2006
Regia: Uwe Boll
Interpreti: Ben Kingsley, Kristanna Loken, Michelle Rodriguez, Matt Davis, Udo Kier, Michael Par, Geraldine Chaplin, Michael Madsen, Meat Loaf, Billy Zane

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Bloodrayne
Recensione scritta da: Simone Corà
Pubblicata il 01/01/2009

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Esperto Ambientale a Mestre

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139