Recensione
Wrong Turn - Il Bosco ha fame

Wrong Turn - Il Bosco ha fame: visiona la scheda del film La scena horror statunitense del 2004 sembra vivere una generale dicotomia (con la sana e naturale eccezione di alcuni fortunati e rari prodotti): da un lato un fiume incessante di remake e sequel spesso privi del minimo interesse e dall'altro lato un gruppo di pellicole che, pur non proponendo tematiche o soluzioni formali nuove, riesce a mantenere una buona media qualitativa.

Questo Wrong Turn - Il bosco ha fame, che ha impiegato più di un anno per trovare la via alle nostre sale, appartiene senza dubbio al secondo gruppo: collocabile sulla scia dei film cannibali degli anni settanta (da The Texas Chainsaw Massacre a Le Colline hanno gli Occhi) la pellicola di Rob Schmidt incrocia questo tema con quello del conflitto città/campagna tipico di pellicole quali Un tranquillo week-end di paura.

Schmidt riesce a evitare le pastoie del metacinema rifuggendo citazioni, omaggi e movimenti di camera inconsueti, cosa che rafforza lo straordinario senso di tensione che permea la pellicola, una volta tanto non deviato o bloccato da continui riferimenti testuali ad altre fonti. Il regista è esclusivamente interessato a mostrarci il massacro perpetrato da alcuni folli individui nei confronti di un gruppo di giovani e riesce a farlo con perizia, alzando il tasso di gore e splatter che in alcuni momenti (la casa dei cannibali, l'inseguimento sugli alberi...) oltrepassa di gran lunga la media cinematografica di questi ultimi anni.

E se il filmaker conferma quanto aveva già mostrato di saper fare in Delitto + Castigo a Suburbia, il soggettista/sceneggiatore (Alan McElroy, proveniente da lavori quali Ballistic o Halloween 4 - Il ritorno di Michael Myers), pur senza grande scavo psicologico, tratteggia un gruppo di giovani privo delle classiche banalità o stereotipizzazioni viste in mille situazioni del genere portando a compimento uno script solido e dai dialoghi assai realistici tenuto conto della materia trattata.

A interpretare personaggi migliori del solito vengono chiamati alcuni giovani attori anche loro più efficaci del solito e tutti questi elementi non fanno altro che rafforzare la sensazione di trovarsi di fronte a un film dalle radici forti, un prodotto che pur non rappresentando una pietra miliare dell'horror assicura 90 minuti di ottimo intrattenimento.

Ci sono anche dei settori nei quali Wrong Turn brilla di una luce intensa: dal make up dei mostri (un plauso a Stan Winston che figura anche nella veste di produttore) a certe soluzioni scenografiche che sfiorano il deja vu (il cimitero di macchine, l'antro dei cannibali) ma sanno scavare nel torbido senza ridursi a mere copie carbone di lavori precedenti.

L'orrore viene somministrato attraverso quello che possiamo avvertire come un "triplice assalto": da un lato la pura adrenalina dell'inseguimento e delle uccisioni (alcune davvero "intense"), quindi l'intensità gore delle location e dei mostri e infine la pressione psicologica derivante dall'inspiegabilità delle gesta dei killer, del puro uccidere per uccidere che sembra animare questi mutanti.

Non ci rimane altro che invitarvi a dare un occhiata a questo Wrong Turn, che giunge a rischiarare una stagione estiva affollata di titoli horror ma fino a questo punto priva di interesse, e segnalarvi la vera star del film su cui puntare gli occhi, ovvero il cannibale magrolino e ridanciano (sorta di Joker dei boschi...).


Versione 2.0 | Recensione pubblicata originariamente il 08/08/2004


Titolo: Wrong Turn - Il Bosco ha fame
Titolo originale: Wrong Turn
Nazione: USA, Germania
Anno: 2003
Regia: Rob Schmidt
Interpreti: Desmond Harrington, Eliza Dushku, Jeremy Sisto, Emmanuelle Chriqui, Lindy Booth, Kevin Zegers

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Wrong Turn - Il Bosco ha fame
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 08/08/2005

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy