Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter

Presentiamo ai lettori di LaTelaNera.com alcune frasi e delle citazioni rilasciate nel corso della propria carriera dal regista John Carpenter (La Cosa, 1997: Fuga da New York, Halloween)

Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter

Conoscere i pensieri e i punti di vista di una persona attraverso le sue parole è un'occasione da non perdere per chi desidera comprendere a pieno i "perché" di certe scelte, azioni e situazioni.

Oggi a LaTelaNera.com dedicheremo dello spazio agli aforismi, alle citazioni e alle frasi famose delle celebrità andando a presentarvi quelle legate a John Carpenter, uno dei registi "di genere" più amati dal nostro pubblico.

John Howard Carpenter - nato il 16 gennaio 1948 a Carthage, New York, sotto il segno del Capricorno - ha debuttato cinematogrifacmente nel 1970, come co-sceneggiatore, compositore e diretto del montaggio di The Resurrection of Broncho Billy, un western diretto da James Rokos che vinse un premio Oscar nella categoria cortometraggi.

Si fece notare nel 1974 dirigendo il fantascientifico Dark Star, per poi raggiungere una certa notorietà due anni più tardi con Distretto 13: le brigate della morte (Assault on Precinct 13), un violentissimo action/thriller diretto su una sua sceneggiatura originariamente western.

Nel 1978 Carpenter arrivò al successo planetario con Halloween - La Notte delle Streghe, la pellicola che rese famoso il sottogenere slasher e gli appiccicò per sempre l'etichetta di "regista horror" nonostante in realtà si sia dedicato a progetti di altri generi.

Seguirono Fog, 1997: Fuga da New York, La Cosa, Christine - La macchina infernale, Starman, Grosso guaio a Chinatown, Il Signore del Male, Essi Vivono, Avventure di un uomo invisibile, Body Bags - Corpi estranei, Il seme della follia, Villaggio dei dannati, Fuga da Los Angeles, Vampires, Fantasmi da Marte, Cigarette Burns, The Ward - Il reparto.

Qua sotto puoi leggere gli aforismi, le citazioni e le frasi celebri di John Carpenter...

Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter


John Carpenter con le sue parole

Quello che spaventa me è quello che spaventa te. Temiamo tutti le stesse cose. Ecco perché l'horror è un genere così potente. Tutto quello che devi fare è chiederti cosa ti spaventa e saprai cosa mi spaventa.

In Inghilterra sono un regista di film horror. In Germania sono un autore di film. Negli Stati Uniti sono un poveraccio.

Per rendere Michael Myers spaventoso l'ho fatto camminare come un uomo, non come un mostro.

Il Male che si nasconde in mezzo a noi è un tema antico.

Lavorare con molti o pochissimi soldi è la stessa cosa... è tutta una questione di saper raccontare una storia.

In Halloween ho pensato ai personaggi come a dei normali adolescenti. Laurie, il personaggio interpretato da Jamie Lee Curtis, era timido e in qualche modo represso. E Michael Myers, l'assassino, era decisamente represso. I due si somigliavano.

Ho due tipi differenti di "film preferiti". Uno è quello dei film preferiti a livello emozionale, significa che generalmente sono film che ho visto quand'ero un ragazzino. Tutto quello che vedi nei tuoi anni di formazione è più potente, perché starà letteralmente con te per sempre. La seconda categoria è quella dei film che ho visto mentre stavo imparando il mestiere del "fare cinema".

Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter

Essi Vivono è stato un urlo primordiale contro il Reaganismo degli anni '80. E gli anni '80 non se ne sono mai andati. Sono ancora qui con noi. Ecco perché Essi Vivono sembra ancora così fresco, è una testimonianza di avidità e pazzia. Parla della vita negli Stati Uniti di allora e di oggi. Se non altro, le cose sono peggiorate.

Ci sono due tipi di storie nel cinema horror: interne ed esterne. Nei film horror "esterni", il male viene dal di fuori, dall'alltra tribù, questa cosa nell'oscurità che non riusciamo a comprendere. Quelli "interni" sono tutti sul cuore dell'uomo.

Adoro fare film.

Gli appassionati di cinema che non vivono a Hollywood hanno fantasie su quello che è essere un regista. Ai film e alle persone che fanno i film resta associato molto glamour. Ma la verità è che nulla è come si pensa. Tutto è molto differente. C'è da lavorare duro.

Tanto tempo fa, quando ero giovane, ero un fan del wrestling. Ma anche quando capii cosa fosse realmente il wresling rimasi un fan.

Posso suonare praticamente ogni tastiera ma non riesco a scrivere o a leggere una singola nota.

Mi è molto piaciuto The Avengers. Però io non potrei fare quel genere di film. I supereroi non sono il mio genere.

Ci sono un sacco di film di cui non mi frega nulla, specialmente i remakes.

Io non guardo i miei film. Li ho visti già abbastanza dopo averli montati e averne composto la colonna sonora. Non li voglio vedere mai più.

Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter

Devi lottare duramente per cercare di avere una vita privata, e a volte neppure riesci ad averne una. Arriva solo dopo un po'. È dura.

Nel 1978 ho preso una decisione, ai tempi in cui fui pagato per dirigere Halloween: avrei avuto il mio nome sopra il titolo così da poter dare il mio personale brand ai film.

Non mi sono dedicato a questo lavoro, al cinema, per fare film horror. Sono arrivati a bussare alla mia porta per conto proprio e mi hanno dato un'etichetta. Il che va bene, mi piace, ma io mi sono dedicato al cinema per fare westerns. E il tipo di westerns che mi piaceva fare è morto. Per cui non ha funzionato.

Ci sono certi argomenti che non voglio affrontare, non credo che riuscirei a realizzarci un buon lavoro. Non credo che farei un buon lavoro con... la commedia? Non lo so. Forse lo farei.

Non voglio far parte della massa. Voglio essere un individuo. Mi porto cucito addosso con orgoglio ognuno dei miei film. Ecco perché tengo a tutte le critiche negative che ricevo. Se i critici cominciassero ad apprezzare i miei film sarei in guai seri.

Nel 2001 [dopo Fantasmi da Marte, NdR] smisi di dirigere film per 4 o 5 anni, fino a quando lavorai alla serie TV Masters of Horror. Avevo lavorato duro come regista fin dal 1970. Un sacco di tempo. Ero prosciugato.

Una persona può fare soldi e costruirsi una carriera con film a basso costo su assassini che uccidono durante le festività. È sempre lusinghiero avere qualcuno che ti copia.

Quando qualcuno che lavora nel cinema - che sia un attore, uno sceneggiatore, un produttore o un regista - arriva a una certa età, bisogna ammirarlo. Fare un film è un atto di coraggio, un coraggio per cui la vita non ti ha mai preparato. È molto duro e molto distruttivo. Ma noi lo facciamo perché lo amiamo.


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Aforismi, citazioni e frasi celebri di John Carpenter
Articolo scritto da:
Pubblicato il 15/08/2014


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy