Natale > Racconti e Storie > Pater Noster

Pater Noster

Un racconto sul Natale scritto da Nicola Orofino

“Nonna, è la notte di Natale! Finalmente puoi rivelarmi le parole che dici per fami passare il mal di testa”.
Nonna Matilde quasi cade dalla poltrona. Chi avrebbe mai pensato che quel pestifero di Luigi si sarebbe ricordato? Era estate quando, per toglierselo di torno vista la sua insistenza, gli aveva dato quella risposta.
Eppure non era soltanto un modo per allontanarlo. Era proprio un’usanza da rispettare: guai a rivelare la formula in un momento diverso.
La nonna guarda Luigi e fa finta di non averlo sentito: è l’unico modo che ha per evitare di metterlo al corrente.
L’anziana si alza, facendo finta di nulla dopo lo sgomento iniziale, e va in cucina ad assaggiare qualcosa dalla ricca cena che svetta sulla tavola. Luigi è testardo e la insegue, ripetendo più volte la domanda.
Matilde non vuole rispondere al piccolo: “Guarda quante statuine abbiamo nel presepe, quest’anno!”
Lui corre a guardarle, ne afferra una e la porta alla nonna. Matilde si lascia sfuggire una timida lacrima.
Luigi torna, tutto eccitato.
“Nonna, ti offro la statuina più bella del presepe in cambio del tuo segreto!”
Matilde prende in mano la statuetta di un pastorello con una pecora sulla schiena. Sospira, e inizia a rivelare: “Il Padre nostro che è nei cieli ci ha fornito un’arma per combattere contro satana e le sue opere e tentazioni: la preghiera. Ma per ogni preghiera detta, satana si infervora e diventa più cattivo. La notte di Natale, il Bambin Gesù ci protegge e nasconde la nostra voce al maligno.”
Luigi è agitato e affascinato. La vecchia conclude: “Ora ti rivelo la formula, ma ricorda: se vuoi alleviare il mal di testa di qualcuno, quello finirà a te. E così per ogni cosa, Luigino bello. Usa questa preghiera solo se sei in grado di sopportare il malessere che vuoi far scomparire all’altro, perché poi lo riceverai tu”.
La nonna rivela la formula; Luigi la impara immediatamente a memoria.
“E ora - annuncia Matilde - spacca per terra questa statuina”.
Il piccolo la butta in terra e quella si frantuma in innumerevoli pezzetti di gesso bianco.
Gesso bianco. Innumerevoli pezzetti.
“Luigi - dice nonna Matilde che ha conferma dei suoi dubbi - prova a spaccarne un’altra…”
Luigi è subito felice di questo nuovo gioco.
Nel momento in cui la seconda statuetta si frantuma in terra, rientra il padrone di casa.
“Che cazzo fate?” chiede adirato a sua mamma e a suo figlio.
Nonna Matilde si affida al tatto e schiaccia sulla tastiera del cellulare i tasti uno uno due, non avendo ormai più alcun dubbio su come faccia il figlio a spacciare cocaina.
Parla a voce molto alta rivolta al figlio, col cellulare in mano e la mano dentro la sottana, per nasconderlo: “Gliel’ho detto io, Giancarlo. Ma stai calmo. Non fare una delle tue solite scenate in via dei Platini dodici anche la notte di Natale, che in via dei Platini dodici ne abbiamo già ricevute tante di botte, da te!”.
Ha dato l’indirizzo, ma il Carabiniere dall’altra parte del telefono non ha capito nulla e, infastidito da questa chiamata che ritiene partita per sbaglio, ha riappeso il ricevitore.
“Scenate la notte di Natale, dici tu?” le grida di rimando il figlio, avvicinandosi.
Matilde è ancora convinta di essere in linea col 112 e guadagna tempo, dicendogli di calmarsi e non picchiare nessuno come fa sempre.
Giancarlo si avvicina di scatto a Matilde e la colpisce con uno schiaffo violento, urlando: “Brutta puttana, gliel’hai detto tu di spaccarmi le statuine a quel verme?”.
La afferra per i capelli e la trascina per terra dove giace la cocaina dispersa, sbraitando: “Raccoglila, vecchia deficiente” e prendendola a calci nei reni.
Matilde sputa sangue e cessa di muoversi. Il cellulare è per terra, sotto la poltrona. Giancarlo dice al figlio: “Ora arrivo anche da te, coglione!”.
Luigi guarda la statuina del Bambin Gesù e inizia a recitare la Santa Preghiera che nonna Matilde gli ha insegnato qualche minuto prima.
Un Carabiniere stacca dal lavoro e si reca al cenone.


L'Autore:
Nicola Orofino risiede a Ravenna ed è diplomato in Lingue e laureato in Scienze Giuridiche e in Giurisprudenza (2009).
Frequenta l’Istituto Musicale “Giuseppe Verdi” di Ravenna alla classe di trombone, quarto corso: dall’ottobre 2010 fa parte della banda musicale cittadina di Ravenna.
Scrive poesie, racconti e canzoni; nel 2005 ha pubblicato il mio primo album autoprodotto, Reverendo, a cui è seguito l’anno successivo Pioveva.
Ha ottenuto vari riconoscimenti e pubblicazioni a diversi concorsi.

Concorsi letterarii in Italia
Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy