Herbert Baumeister, la storia del serial killer

Nome Completo: Herbert Richard Baumeister

Soprannome: lo Strangolatore della I-70

Data di nascita: 7 aprile 1947

Data di morte: 3 luglio 1996

Numero di vittime accertato: 16, ma sospettato per molte altre

Modus operandi: Adesca le vittime (giovani gay) nei bar, poi li sottomette obbligandoli a giochi erotici estremi. Infine li strangola per poi bruciarne i cadaveri.


Herbert Baumeister: infanzia e adolescenza
Herbert Richard Baumeister nasce il 7 aprile 1947 nello stato dell'Indiana e, al contrario della media dei molti serial killer trattati sulle nostre pagine, conduce un’infanzia relativamente tranquilla. Suo padre è un anestesista e sua madre una casalinga, Herbert ha una sorella maggiore e due fratelli minori. In seguito Herbert si lamenterà di generici maltrattamenti e violenze da parte del padre (e di compagni di scuola) ma non si potrà mai accertare il fatto.

I primi problemi sorgono nell’adolescenza: 1961, all’età di 14 anni, Herbert entra alla North Central High School senza mai riuscire a inserirsi, problema che lo affliggerà per tutta la durata degli studi. Nell’ambiente scolastico contano molto i risultati sportivi e Baumeister non brilla in questo campo. Suoi compagni lo sentono spesso porsi strane domande (“Che sapore avrà l’urina?”) e in una occasione ha un comportamento clamoroso: raccoglie un corvo morto e lo depone sulla cattedra di un insegnante.

Il padre, preoccupato dagli strani comportamenti del figlio, lo porta a fare una batteria di test psicologici e ne risulta un quadro preoccupante, con possibile schizofrenia e personalità multipla. Come spesso accade in questi casi, i test vengono effettuati più per la speranza di una risposta negativa che possa fugare ansie e paure, ma una volta che, invece, i timori sono confermati, allora non si muove muscolo per modificare la situazione. Herbert torna a scuola, guadagnandosi la nomea di ragazzo strano e non ha un singolo appuntamento con le ragazze.

Diplomatosi, si iscrive all’Università dell’Indiana dove conosce la sua futura moglie, Juliana Saitor. I due sono attratti da una comune visione del mondo, improntata a un forte senso di religiosità e a un aggressivo conservatorismo in politica (sono entrambi iscritti alle fila degli Young Republicans).

Comincia, verso i 20 anni, un lungo periodo di instabilità per Herbert: molla gli studi universitari dopo un solo anno di frequenza e trova lavoro in un quotidiano locale. O meglio, è suo padre a muovere qualche amicizia per trovare un buon lavoro al figlio che ha una intelligenza superiore alla media ed è molto ambizioso ma non sembra capace di interessarsi o concentrarsi a lungo in nessun impiego.

Capitoli: 1 2 3 4

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:
Elvezio Sciallis

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy