William Bonin (pagina 2)

William Bonin: l'esercito e il Viet Nam
William Bonin continua nel suo percorso di avvicinamento allo status di serial killer con un'altra tappa molto frequente: il servizio nell'esercito.
Il ragazzo, inquieto e poco portato agli studi, si arruola e viene mandato in Vietnam dove colleziona ben 700 ore di missione come mitragliere a bordo di elicottero. Gli viene persino data una medaglia e l'esercito lo congeda con onore, salvo poi scoprire che mentre era in servizio stuprava dei giovani, minacciandoli con le armi.

Dopo il congedo William è pronto, non gli rimane che trasferirsi dal Connecticut alla California, uno degli stati più "ospitali" per i serial killer.

William Bonin: Kalifornia Dreaming
Le prove generali nel 1969. Bonin viene arrestato per cinque episodi di violenza su minori: offriva passaggi a dei ragazzi, li ammanettava e quindi li sodomizzava.
Schiva la prigione e viene mandato in clinica psichiatrica dove gli diagnosticano uno stato maniaco depressivo e non meglio determinate ferite in un'area del cervello preposta a controllare gli impulsi violenti.

Non si capisce bene che tipo di cura gli venga somministrata, fatto sta che quando William, cinque anni dopo, viene rilasciato dall'ospedale è un pedofilo fatto e finito che ha imparato due o tre cose sull'esigenza di prestare maggiore attenzione alla legge.

L'ultimo giro di vite prima di oltrepassare la sottile linea nera risale al 1975: Bonin offre un passaggio a un quattordicenne e procede quindi a violentarlo, minacciandolo con una pistola.
Lo stupro ben presto si trasforma in qualcosa di più serio e definitivo: l'uomo comincia a serrare la gola del ragazzo usando la maglietta come corda.
Ma vi è ancora un sottile velo da strappare: il ragazzo, piangendo, implora pietà e pietà il buon William concede.

La vittima, liberata, denuncia il tutto e William finisce dietro le sbarre per tre anni.

Capitoli: 1 2 3 4 5 6

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:
Elvezio Sciallis

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy