Carnevale: Samuel Marolla parla della raccolta di racconti fantastici

Libri > Notizie > Fabrizio Vercelli ha fatto una domanda a ciascuno degli autori di Carnevale, la nuova raccolta della collana Camera Oscura, di Edizioni XII. Cominciamo da Samuel Marolla

Carnevale: Samuel Marolla parla della raccolta di racconti fantastici In occasione della pubblicazione di Carnevale, la nuova raccolta edita da Edizioni XII, Fabrizio Vercelli ha incontrato per noi Samuel Marolla, autore del racconto Peste.

Il racconto è stato il primo a essere analizzato in una serie di articoli a tema apparsi in questi giorni sul blog della casa editrice lecchese, per cercare di scoprire cosa si nasconde dietro la maschera che lo ha ispirato: Le maschere di Carnevale: Peste.


[La Tela Nera]: Samuel, il tuo racconto, Peste, parla di una malattia che si diffonde attraverso la comunicazione. In un'epoca come la nostra, così legata alla debordante presenza di mass media, è possibile, secondo te, distinguere tra comunicazione malata e comunicazione sana?

[Samuel Marolla]: L'informazione di oggi, tranne poche eccezioni, è profondamente malata.
Senza entrare nel facile qualunquismo, quante volte sentiamo al telegiornale, per esempio, informazioni legate all'Europa (di cui facciamo parte), o al mondo? E viceversa, quanti servizi ci siamo sorbiti sulla tragica morte del Polpo Paul?

Quando parlano e scrivono i giornalisti di oggi io non li capisco, mi annoiano.

Se invece leggo cosa scrivevano Montanelli o la Fallaci venti, trenta, quarant'anni fa, è tutto assolutamente chiaro, cristallino.

Moby Dick inizia con "Chiamatemi Ismaele. Alcuni anni fa - non importa quanti esattamente - avendo pochi o punti denari in tasca e nulla di particolare che m'interessasse a terra, pensai di darmi alla navigazione e vedere la parte acquea del mondo. È un modo che ho io di cacciare la malinconia [...]."
Oggi il nuovo romanzo dell'autore italiano più letto in Italia e nel mondo comincia con "Mi chiamo Bravo. E non ho il cazzo". E la cosa viene ripresa dal Corriere della Sera con ampio risalto, definendolo "un inizio che vale un intero romanzo".

Sì, credo ci sia un grave problema di comunicazione malata.
Impossibile distinguerla da quella buona, ormai.

L'unico rimedio, per me, è interrompere le comunicazioni.
Mass media, libri, film, musica. Staccare la spina. Un black-out planetario, su base volontaria, che duri cinque o meglio dieci anni. Divieto assoluto per dieci anni di produrre nuova musica, nuovi film, nuovi libri, nuove trasmissioni TV.

Così, quando poi riaccenderemo la corrente, forse saremo riusciti a scremare un po'.


Un dettaglio della tavola all'interno della raccolta Carnevale dedicata al racconto Peste:
Illustrazione per il racconto Peste della raccolta Carnevale


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Carnevale: Samuel Marolla parla della raccolta di racconti fantastici
Notizia scritta da: Fabrizio Vercelli
Pubblicata il 20/11/2010
Fonte: LaTelaNera.com

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Notizie Letterarie:

Delitti al Thriller Café: una raccolta letale di racconti gialli e thriller
Il giorno dei Lord, un estratto dal romanzo di Michael Dobbs
Eisenberg, un estratto dal romanzo di Andreas Föhr

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy