Brian Keene e il fantastico apocalittico: parla Claudio Vergnani

Libri > Notizie > Il viaggio de LaTelaNera.com alla scoperta dei segreti del successo di un genere come il fantastico apocalittico sta giungendo al termine. Oggi risponde per noi Claudio Vergnani

Brian Keene e il fantastico apocalittico: parla Claudio Vergnani Il nostro Fabrizio Vercelli, giunto ormai quasi al termine del suo viaggio nel fantastico apocalittico ispirato a I vermi conquistatori, di Brian Keene, ha incontrato un disponibile Claudio Vergnani.

Modenese, ha esordito nel 2009 con Il 18° Vampiro, cui ha fatto seguito nel 2010 Il 36° Giusto, entrambi con Gargoyle Books. A settembre 2011 è previsto, per la medesima casa editrice, L’Ora più buia, a conclusione della trilogia.


[La Tela Nera]: Quali ritieni siano le motivazioni che portano il pubblico e gli stessi autori, ultimamente, ad avvicinarsi così tanto a opere di taglio horror, ma soprattutto apocalittico, non solo di narrativa e cinematografia, ma anche inchieste e documentari?
[Claudio Vergnani]: A volte le cose succedono per caso. La nostra è un’epoca che – per motivi vari sui quali molti hanno detto tanto, e meglio di come potrei dirlo io – indaga su antiche leggende, segreti (o pseudo tali) che aprirebbero il vaso di Pandora, congiure intergalattiche giunte ormai a compimento, meta letture della Bibbia, lasciti Templari la cui rivelazione scuoterebbe il mondo e chi più ne ha più né metta.
Gli esseri umani da sempre hanno bisogno di evadere dal quotidiano, sempre che il suddetto quotidiano assicura loro la pancia piena e un tetto sulla testa (e in effetti credo che il Terzo Mondo se ne sbatta altamente del catastrofismo, perché è evidente che lo vive ogni istante sulla propria pelle, e quindi coltiva fantasie opposte). La magia ormai è stata superata, l’ideale di un mondo giusto e unito, pure. La politica è ridotta ad un trogolo per maiali. La religione è stata umiliata e ridotta a poche trite frasi fatte.
Il desiderio (infantile ma viscerale) di molti è quello di un’occasione per fare tavola rasa. Per uscire dalla melassa dell’avvilimento, della disillusione, della vergogna per sé stessi, per superare la fine delle illusioni di una vita con un senso. Dal momento che però il Nuovo Inizio non potrà mai venire da noi (gli ideali, come dicevo, sono da tempo finiti giù per il cesso) ecco che una catastrofe planetaria potrebbe offrire – paradossalmente – la nuova frontiera dell’umanità. Pericoli e minacce finalmente chiari cui opporsi, con coraggio vero, visibile, per agire una volta per tutte senza più ambiguità.

[LTN]: Concordi ci sia una maggiore attenzione, e una maggiore profondità, per questi temi?
[CV]: Attenzione sì. Tanta. Profondità non so. Da ignorante, mi pare che il catastrofismo mediatico serva quasi solo a far guadagnare chi lo propone, o a destare interesse per gli ascolti. In letteratura, invece, suppongo che ci sia chi, in buona fede (forse lo stesso Keene) "preso" dalla tematica, sforna il meglio di sé. Letteratura e cinema propongono a tambur battente scenari da fine del mondo, spaventosi ma anche catartici per lettori/spettatori. Ognuno pensa che sarà tra i sopravvissuti a popolare un nuovo mondo (migliore).
La loro colpa è ignorare che la fine del mondo stia arrivando davvero, ma per cause vili e banali, che nulla hanno a che vedere con mostri (almeno non spaziali) e invasioni, che siano dal cielo o dal sottosuolo.

[LTN]: Se sì: pensi che gli autori horror e di fantascienza stiano in qualche modo cogliendo segnali d'allarme reali, oppure si tratta semplicemente di una tendenza del momento?
[CV]: I segnali, come dicevo, ci sono tutti, ma non sono i cerchi nel grano o i tanti tsunami e non è necessario decodificarli nell’arco di un’ora di film o di trecento pagine di libro. Basta guardarsi allo specchio.


La copertina de I vermi conquistatori di Edizioni XII:
La copertina del romanzo I vermi conquistatori


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Brian Keene e il fantastico apocalittico: parla Claudio Vergnani
Notizia scritta da: Fabrizio Vercelli
Pubblicata il 18/06/2011
Fonte: LaTelaNera.com

Da Novità in libreria:

Teoria dell'orrore. Tutti gli scritti critici di H.P. Lovecraft
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello

Da Notizie Letterarie:

Delitti al Thriller Café: una raccolta letale di racconti gialli e thriller
Il giorno dei Lord, un estratto dal romanzo di Michael Dobbs
Eisenberg, un estratto dal romanzo di Andreas Föhr

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy