Hugh Hefner: niente più foto di donne nude su Playboy

Libri > Notizie > Il padre-padrone della famosissima e disinibita rivista Playboy ha approvato l'abolizione del nudo dalle pagine della sua creatura.

Hugh Hefner: niente più foto di donne nude su Playboy Hugh Hefner ha dato la sua approvazione: dal 2016 sulla rivista Playboy non ci saranno più foto di donne nude.

La notizia (che suona un po' horror per molti maschietti, lo so!) è stata annunciata ieri al New York Times dai vertici della testata guidata dall'amministratore delegato Scott Flanders, che ha dichiarato «Oggi con un click puoi trovare tutto il sesso che vuoi».

Già, e quindi la decisione presa è quella di rimuovere dal marzo 2016 tutte le foto di donne nude dalle pagine del magazine per lasciare spazio a immagini semplicemente molto provocanti e femminili. Si tratterà probabilmente di scatti molto glamour, molto artistici, molto gatta morta, molto se t'avvicini te sdraio, pieni di trasparenze e semi-nudi e sguardi provocanti.

Cosa dire?

Se anche lo stimatissimo Hugh Hefner è d'accordo con questa decisione squisitamente editoriale noi non possiamo fare altro che accettarla con serenità.

E del resto qualche cambiamento andava fatto per salvare dal calo di vendite (oltre 5 milioni nel 1975, meno di un milione oggi) il magazine che per 62 anni anni circa (è nato nel 1953) ha fatto letteralmente scoprire a milioni di persone nel mondo centinaia e migliaia di gran topolone.

Hugh Hefner, il creatore, il padre, il nonno di Playboy
Hugh Hefner, creatore della rivista Playboy e amante delle belle donne...


Dalla prima copertina con Marilyn Monroe alle quattordici con la "bagnina" Pamela Anderson, sono centinaia le attrici, modelle, starlette e playmate che sono state protagoniste sulle sue pagine in totale nudità.

Certo è che questa è proprio una notizia che testimonia quanto i tempi stiano cambiando, e di come veramente il sesso, l'erotismo, la provocazione siano alla (facile) portata di un click. Tra Facebook farcito di selfie e YouPorn.com ce n'è per tutti i gusti insomma.

Ma tornando ai contenuti del giornale, viene naturale chiedersi: senza più donnine nude, senza più conigliette, quali saranno i nuovi contenuti?

Pamela Anderson, indimenticabile coniglietta poi divenuta bagnina
Una delle più celebri conigliette mai apparse in copertina di Playboy: Pamela Anderson.


Beh, adesso non è che vogliamo fare gli uomini di mondo, però non è che Playboy avesse (anzi, ha) solo foto molto sexy al suo interno!

Hugh Hefner l'ha sempre definito come un "prontuario per il maschio urbano" e più di una persona ha dichiarato (sul serio!) "lo compro solo per leggere gli articoli".

Sfogliandolo c'era (c'è) da rimanere stupiti sui contenuti al suo (caldo) interno: politica, attualità, interviste a personaggi influenti e... cultura!

Eh, sì, tanta tanta cultura.

Soprattutto tanti autori, narratori e scrittori di grande talento.

Sono numerosissimi gli scrittori di fama nazionale e internazionale che hanno lasciato il segno sulle pagine patinate di Playboy, magari a una sfogliata di distanza dal bel seno di una procace coniglietta nuda. Anche del fantastico, del giallo e dell'horror.

Non ci credete?

Facciamo un nome, uno sopra tutti: Stephen King.

Il Re dell'Horror pubblicò lì nel 1983 Word Processor of the Gods, poi inserito nella sua famosa raccolta Scheletri. E nel dicembre 2006 vi ricomparve con il racconto Willa. L'anno dopo con Mute e l'anno dopo ancora con The Bone Church. E nel 2010 col poema Tommy.

Una foto dello scrittore horror Stephen King
Stephen King, più volte pubblicato sulle pagine di Playboy con un racconto.


A far compagnia a King nel club degli "scrittori famosi apparsi su Playboy con della narrativa" ci sono anche autori che non sfigurerebbero sulle pagine di LaTelaNera.com quali Chuck Palahniuk (Guts, 2004), Roald Dahl (A Fine Son, 1959), Ian Fleming (il romanzo con 007 On Her Majesty’s Secret Service fu pubblicato a puntate nel 1963) e Ray Bradbury (Fahrenheit 451, 1956).

Non male, vero?

Altri autori famosi che negli anni hanno piantato un loro seme sulla rivista accusata di essere responsabile della cecità di molti maschi sono stati: Kurt Vonnegut, Jack Kerouac, Norman Mailer, Haruki Murakami, Margaret Atwood, Gabriel García Márquez...

Oh, che dite, è il caso di rispolverare qualcuno dei vostri racconti scritti in gioventù e provare a spedirlo a Playboy? Tanto ora ci sarà spazio e la lettura avrà meno distrazioni...


Fonti:
http://www.corrieredellosport.it/
http://www.ilsole24ore.com/
http://www.toptenz.net

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Hugh Hefner: niente più foto di donne nude su Playboy
Notizia scritta da:
Pubblicata il 13/10/2015
Fonte: LaTelaNera.com

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Notizie Letterarie:

Eisenberg, un estratto dal romanzo di Andreas Föhr
Uno sparo nel buio: un estratto dal romanzo di Vincenzo Cerracchio
Il Cacciatore di Scoop: quando il gossip diventa thriller

Concorsi letterarii in Italia

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139