Recensione Romanzo
Il bravo figlio

Libri > Recensioni > Il bravo figlio, di Vittorio Bongiorno, edito da Rizzoli nel 2006 al prezzo di 17.00 euro. Leggi la trama.

Clicca per leggere la scheda editoriale di Il bravo figlio di Vittorio Bongiorno Il bravo figlio si presenta, fin dalle prime pagine, come romanzo fortemente realistico nel suo complesso e negli espliciti riferimenti ad avvenimenti particolarmente noti. L’iniziale recupero memoriale di Nino, “Siamo piccoli e viviamo in un tempo unico e sospeso…”, ci fa pensare subito al leopardiano senso della felicità dell’infanzia, ma il discorso narrativo cambia e la tragicità del vivere, l’inevitabilità di un destino in cui il sangue chiama altro sangue e l’odio alimenta altro odio, senza che un deus ex machina scenda a spezzare la spirale di violenza, ci calano nella difficile realtà della città di Palermo, incancrenita dalla diffusione della droga, in un tessuto sociale in cui, attraverso secoli e secoli di dominazioni straniere, si sono sedimentati modi di vivere e di pensare improntati alla diffidenza, al servilismo, alla paura, alla viltà, alla violenza, armi ritenute necessarie nella lotta per la sopravvivenza; tutto sotto la cappa plumbea della mafia.
Struttura narrativa semplice, moderna e ben articolata, non priva di attinenti e qualificati riferimenti al mondo della musica, al cinema e alla letteratura, tono discorsivo incalzante, dialoghi a volte intrisi di amara ironia, spesso veloci “botta e risposta”, frammentati da silenzi “<<…>>”, resi più caldi ed incisivi da espressioni tipiche del linguaggio parlato e del dialetto siciliano, veicolano la trattazione di importanti argomenti, tra i quali quelli della psicologia dell’età evolutiva: il difficile adattamento di Nino Scialoja alla società palermitana, l’inadeguatezza e l’inserimento irto di ostacoli, spesso, umiliante, nel gruppo di ragazzini che gioca vicino casa, la ricerca di sé, l’amicizia solidale di Turi, la curiosità di visitare il “Pirtùso…, rifugio degli ascari”, l’iperprotezione dei genitori, ciechi alle sue esigenze, alle sofferenze, alle difficoltà, ecc.; le domande inquisitorie e le bugie. Il comportamento del padre di Nino, magistrato della Procura antimafia, figura canonica del servitore dello Stato, ricorda, soprattutto nella prima parte, un po’ Roberto Benigni di “La Vita è bella”; il suo autoritarismo, la graniticità dei suoi convincimenti che non lascia spazio al dubbio e alla ricerca critica della verità, “se la verità servisse a qualcosa nella vita”, alimentano i contrasti generazionali tra genitore e figlio e altri comportamenti tipici dell’età adolescenziale; le telefonate di “amici” che non esistono insospettiscono; la protezione dello Stato genera tensione e nevrosi nella famiglia e Nino si opporrà all’idea che “i destini dei figli sono segnati dai padri”, rivendicherà la libertà di realizzarsi autonomamente. Il padre di Turi, mafioso, losco uomo “d’affari”, con i suoi viaggi misteriosi, dall’aria impenetrabile, “raccontastorie” anche lui, ecc. genera nel figlio interrogativi, dubbi, perplessità. Storie parallele che coinvolgono i due giovani amici, Nino e Turi, che gustano l’ebbrezza di essere sfuggiti agli sbirri, delle gare, delle esplorazioni di luoghi poco frequentati, delle scorribande con Violenzo, Benuccio , Rataplan e Sciarlò, che provano l’emozione della scoperta del sesso, che sfidano i professori di una scuola che ha perduto ormai la sua funzione educativa, che attuano la loro vendetta con l’incendio dell’edificio scolastico. Insomma, “un mondo intero di scappati di casa, affamati…, Tutti contro tutti. O, al massimo, tutti contro il più debole”. Dietro certi atteggiamenti, però, si nasconde il desiderio di libertà, l’illusione atavica dei giovanissimi di poter cambiare il mondo, il vuoto, la sofferenza, la solitudine, ma… “Non bisogna avere paura”.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del libro Il bravo figlio
Recensione scritta da: Simonetta De Bartolo
Pubblicata il 13/12/2007

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Recensioni Letterarie:

3:33 di Danjel Maraniello
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139