Recensione Romanzo
Vlad Dracula

Libri > Recensioni > Vlad Dracula, di Michael Augustyn, edito da Newton & Compton nel 2006 al prezzo di 9.90 euro. Leggi la trama.

Clicca per leggere la scheda editoriale di Vlad Dracula di Michael Augustyn Questo romanzo storico affonda le sue radici nel quindicesimo secolo, in Europa Orientale, per raccontare più verosimilmente possibile i tratti salienti della vita di un personaggio ben più famoso nella letteratura horror che in quella “storiografa”. Vlad Dracula. Lo stesso autore afferma che ha cercato in tutti i modi di attenersi alla realtà dei fatti, benché di quel periodo, e soprattutto di quel particolare voivoda valacco, non ci siano documentazioni così complete che permettano di scriverne senza sconfinare nel “romanzato”, o nella leggenda…
L’opera si compone di tre parti ben distinte: il Fuggitivo, il Principe, il Prigioniero.
La prima di esse parla del primo ma brevissimo regno di un Vlad adolescente, già principe della Valacchia ma senza trono, conteso dalle diverse famiglie di sangue nobile presenti sul territorio. E dei suoi successivi e continui spostamenti in cerca di un esercito personale o di un alleato che possa affiancarlo per riscattare ciò che è implicitamente suo. Dai musulmani del vasto Impero Ottomano, ai cattolici ortodossi dei reggenti di Moldavia, ai cattolici papisti del Regno d’Ungheria. Vlad si dimostrerà sin da giovane un abile diplomatico, oltre che uno spietato guerriero, utilizzando queste diverse esperienze per affinare doti e tecniche che poi lo renderanno, nel bene o nel male, il “famoso” voivoda sanguinario.
La seconda parte del romanzo - il Principe - è senz’altro quella più interessante e corposa di contenuti. Partendo dalla presa di Tirgoviste, la capitale valacca, Vlad tornerà voivoda per il periodo più lungo della sua turbolenta vita, riacquistando a pieno titolo il nominativo di Dracula, “figlio del drago”, quale discendente della stirpe della Societas Draconis. Atto che coinciderà, nell’agosto del 1456, con il passaggio nel cielo di quella che in futuro verrà chiamata Cometa di Halley. Presagio funesto per la popolazione intera tranne che, ovviamente, per Vlad…
Il nuovo principe attuerà in Valacchia tutta una serie di provvedimenti atti a liberare la sua terra dai briganti, a favorire i suoi mercanti nell’Europa dell’Est contro la dura concorrenza sassone, a limitare i poteri dei suoi boiardi, i potenti proprietari terrieri. E lo farà con una ferocia, una crudeltà e una spregiudicatezza tale da “meritarsi” l’appellativo rumeno di Ze’-Pesh. Tepes: l’impalatore.
Tra le righe di questo capitolo si nascondono poi degli aneddoti che sfiorano la leggenda, come quello del calice d’oro “pubblico”, messo dal voivoda in persona sulla fontana principale della capitale per permettere a chiunque di abbeverarsi in suo nome. Oppure riguardo alla costruzione della sua fortezza principale, il Castello, tra gli irti rupi dei Carpazi transilvanici. O ancora quello più macabro della foresta degli impalati…
La terza e ultima parte invece, tratterà un Vlad decisamente più maturo. Perso per la seconda volta il trono, esso si rifugerà in Ungheria dove verrà tenuto “sotto controllo”. Prigioniero di lusso in attesa di possibili sviluppi nella storia, perché anche il Re e la Chiesa stessa riconosceranno il fatto che, prima o poi, questo pazzo voivoda temuto persino dall’Imperatore turco, possa in qualche modo tornare utile. Sfruttando ancora le sue grandi abilità politiche e belliche, Vlad conquisterà per la terza e ultima volta il trono di Valacchia, ricevendo anche la “storica” scomunica dal vescovo ortodosso del regno - il metropolita - per essersi convertito al papismo ungherese. Una maledizione che, con la sua morte, lascerà per molte generazioni a venire cupe e tenebrose leggende popolari….

Affascinante. Con una narrazione semplice ed immediata il romanzo di Michael Augustyn scorre attraverso la vita di questo particolare personaggio storico e di un settore dell’Europa in un periodo in cui le guerre di religione sono al suo apice.
Il voivoda Vlad è un personaggio molto controverso. Nella sua efferatezza e pazzia si nasconde comunque il desiderio di vedere la sua povera terra, la Valacchia, ergersi con onore al fianco dei più grandi e rinomati regni confinanti. Voglia che lo porterà ad avere un nutrito seguito di sostenitori, tra cui anche la Chiesa che lo definirà: Il Crociato della Cristianità.
L’autore è molto bravo a far abbassare la guardia al lettore, a fargli provare forse un po’ di ragionevole compatimento per un principe che ha cercato “semplicemente” di controllare e gestire come meglio poteva un piccolo regno in quell’oscura epoca. Ma, alla fine del libro, sarà inevitabile anche un altro rilevante interrogativo. E’ davvero più terrificante il vampiro della leggenda, o il reale voivoda valacco che l’ha ispirato?

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del libro Vlad Dracula
Recensione scritta da: Enzo Milano
Pubblicata il 18/04/2007

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Recensioni Letterarie:

3:33 di Danjel Maraniello
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy