Recensione Romanzo Horror
Il 36° Giusto

Libri > Recensioni > Il 36° Giusto, di Claudio Vergnani, edito da Gargoyle Books nel 2010 al prezzo di 15 euro. Leggi la trama.

Clicca per leggere la scheda editoriale di Il 36° Giusto di Claudio Vergnani Con Il 18° vampiro Claudo Vergnani aveva fatto il colpaccio: esordiva per Gargoyle Books con un romanzo horror fresco e accattivante, parlava di vampiri regredendoli a un primitivo aspetto mostruoso e deforme, mostrava un approccio alla materia sincero e devoto, violentissimo, disgustoso, marcio, sboccato.

Trascorre oltre un anno, l’ottimo ricordo di quel suo primo lavoro non si è affievolito, è più facile ora riconoscerne imperfezioni, lacune e un’eccessiva lunghezza, ma le avventure sanguinarie di Claudio e Vergy sono ancora ben impresse in tutto il loro rivoltante, disperato assalto splatter. L’attesa e la curiosità per questo sequel sono quindi notevoli, c’è voglia di immergersi di nuovo nelle vite lerce di quel gruppo di disadattati, vedere cosa combinano, semplicemente sapere come stanno.

Apparentemente, Il 36° Giusto non cambia le carte in tavola, e il primo impatto è di quelli felici, appaganti: la narrazione in prima persona di Vergnani è sempre sinuosa e iperbolica, fatta di lunghissime descrizioni che si soffermano sui particolari più stomachevoli e nauseanti, sovraggettivando spietatamente, caricando ogni scena di primissimi piani su corpi squarciati, ferite slabbrate, infezioni purulente. È una festa splatter che vomita frattaglie in continuazione, non c’è un momento di pausa dal flusso di sangue che inonda le pagine, un torrente di atrocità bestiali che non lasciano alcunché all’immaginazione.

È una scelta vincente, si incastra perfettamente con uno scenario dove i vampiri sono bestie immonde, creature prive di intelletto dominate da istinti primordiali che nemmeno credono di possedere, mostri distrutti dall’incapacità di procacciarsi prede e bere sangue eppure pericolosissimi, putridi derelitti dal corpo ridotto a brandelli, costretti a strapparsi, tagliarsi, mutilarsi e divorare la propria linfa vitale pur di tirare avanti strisciando, sfasciandosi lentamente come un cadavere che diventa polvere sotto terra.

Ci sono scene potentissime, sguardi allucinanti e crudeli su questi mostri disperati che neanche sanno di essere vampiri, istanti terribili come l’incontro tra Claudio e la folle succhiasangue che si riempie la bocca di terra pur di non sentire la pulsione, il desiderio di bere, o la parentesi di glaciale immobilità con i vampiri nudi e devastati nel bosco, che guardano e compatiscono quel gruppo di stupidi umani che non sono poi messi peggio di loro.

E com’era ne Il 18° vampiro, anche in questo sequel è la disperazione ad affiorare come un corpo maciullato in un mare di sangue e frattaglie, la disperazione provata dai protagonisti nel fuggire nel mausoleo di Modena dilaniati dai crampi alla pancia, la disperazione che si avverte mentre scendono nei bui cunicoli dell’edificio abbandonato a Parigi, quella disperazione, vera e palpabile, di annullare la propria vita con tranquillanti e alcol, cercare di dormire il più possibile per non vivere, per non dover fare l’unica cosa che loro malgrado sono in grado di portare a termine.

A mutare è però la struttura, non più una storia unica, ricca di un’atmosfera epica che portava a un gran crescendo finale, ma più storie autoconclusive legate tra loro da sottili elementi (Paride che affida una missione dopo l’altra a Claudio, Vergy & Co; i personaggi femminili di contorno, che incidono sull’umore e sui ricordi pseudomalinconici dei protagonisti), scelta che ricorda una certa meccanica delle serie tv di una volta.

Sono aumentati inoltre il gore, raggiunge vertici splatter in cui raramente mi sono imbattuto in narrativa, e la componente umoristica più sguaiata e volgare, ma non tutto gira a meraviglia, in questo secondo capitolo, in particolar modo questo ricorso a una volgarità esasperata, davvero, davvero esasperata, talmente forzata in alcuni passaggi da creare un effetto ahimè deleterio all’indiavolato spirito cinico dell’io narratore. Le battute scurrili di Vergy, così come le metafore colorite di Claudio, tendono saltuariamente a ripetersi, e a leggere decine e decine di volte che cosa farebbero al culo di quello e a che tipo di merda corrisponda quell’altro, si storce il naso. La simpatia del gruppetto di protagonisti rimane immutata, intendiamoci, il loro tono sboccato è spesso esilarante nonché l’ideale per sottolineare certi momenti drammatici (la fuga con la cacarella è da antologia), ma a lungo andare si rivela eccessivo, sovrabbondante, un accessorio di cui, qua e là,si poteva fare tranquillamente a meno.

Anche la prosa di Vergnani si incarta di tanto in tanto in alcuni passaggi meccanici, fatti di dialoghi a volte superflui, ridondanti. La sensazione è quella di un romanzo troppo lungo – 528 cartelle secondo l’impaginazione della Gargoyle, che sfrutta un carattere minuscolo, ma almeno, direi, un 700 secondo formati più classici – che necessitava di qualche taglio, di un poco d’ordine (penso ai flashaback sulla fuga dalla mattanza modenese, tra l’altro bellissimi nonostante l’odioso ricorso al corsivo: sembrano inseriti a caso nella prima parte, risultando un po’ fini a se stessi) e di una necessaria correzione di bozze (c’è almeno un refuso in ogni pagina).

Il Trentaseiesimo Giusto è un lavoro interessante, la formula di una serie di lunghi racconti travestiti da storia unica mi è piaciuta, collegamenti e rimandi tra l’uno e l’altro sono ben sfruttati, ed è giusto e preciso l’aggancio finale per un terzo capitolo, però manca qualcosa, una maggior coesione, una maggior credibilità umoristica, che forse ne indeboliscono il valore complessivo.

Se vi è piaciuto Il 18° vampiro, Il 36°giusto è in ogni caso acquisto irrinunciabile, abbiamo a che fare con un buon lavoro, soltanto sprovvisto di quel quid che aveva fatto brillare il primo episodio. E se pur un gradino sotto a Il 18° vampiro (la cui lettura non è indispensabile per comprendere il sequel), poter rileggere delle vicissitudini tragicosessuali di Claudio e delle abrasive prese in giro di Vergy non ha prezzo, così come non ce l’ha la potenza orrorifica/descrittiva di Vergnani.

Ora mi metto in attesa del terzo atto, mi aspetto le scintille più brillanti e le scoregge più puzzolenti!


Recensione originale apparsa il 21/09/2010 su Midian, il blog ufficiale di Simone Corà.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del libro Il 36° Giusto
Recensione scritta da: Simone Corà
Pubblicata il 30/09/2010

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Recensioni Letterarie:

3:33 di Danjel Maraniello
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy