Recensione Romanzo Thriller
Opera Sei

Libri > Recensioni > Opera Sei, di David Riva, edito da Edizioni XII nel 2010 al prezzo di 13,00 euro. Leggi la trama.

Clicca per leggere la scheda editoriale di Opera Sei di David Riva Mi son sempre andati a genio gli scrittori che non si occupano di un singolo genere letterario, ancor più se le storie che scrivono riescono a fondere argomenti di ampio respiro e atmosfere contrastanti.
È il caso di David Riva e del suo primo romanzo, Opera sei, edito da Edizioni XII nella collana Mezzanotte.

Chirurgia, psicologia, orrore e proprio un pizzico di fantascienza, qui concorrono a sviluppare un percorso che porta il lettore a porsi domande che non hanno risposte definitive: l’anima e il corpo hanno un legame inscindibile? Abbiamo il diritto di modificare il nostro corpo come desideriamo o esistono limiti che non devono essere nemmeno avvicinati?
È giusto che una persona, percependosi in un corpo sbagliato, debba soffrire semplicemente perché la società non gli permette di cambiare? Di essere quello che vuole?

Dubbi diventano nostri attraverso l’esperienza di personaggi ben caratterizzati e lo sviluppo della trama.
Lettura attiva, quindi, che rimane agile anche nei momenti introspettivi, utili a veicolare gli stati d’animo e gli obiettivi dei principali protagonisti della storia. Ovvio che ne guadagna anche la loro tridimensionalità.

Passaggi più tecnici – come gli interventi chirurgici – ci portano invece in una dimensione confinante con il transumanesimo. Quest’ultimo è un movimento che prevede, crede e spinge verso la fusione tra la tecnologia e l’essere umano, dove la prima è da intendersi come l’insieme di tutte le applicazioni, i supporti e le tecniche utili al miglioramento del secondo: curarsi attraverso l’uso di nanobot rilasciati nella circolazione sanguigna; monitorare il proprio stato fisico (e psichico) attraverso innesti sottocutanei; sostituire arti usurati e danneggiati in modo irreparabile con altri biomeccanici; rimanere ibernati grazie alla crioconservazione, in attesa che la scienza trovi cure adeguate per le malattie che ci affliggono…

In tutto ciò, dunque, possiamo infilarci anche la drastica modifica del corpo per un’esigenza dell’animo? Non è anche questo un miglioramento?
Soggettivo, certo, percepibile solo da chi lo subisce… e per questo, forse, con un valore maggiore.
Perché se è vero che il nostro spirito è portato a spasso da un contenitore di carne, è fuor di dubbio che viviamo meglio se là dentro ci sentiamo a nostro agio, a prescindere da quello che “detta” la società e da quelli che potremmo definire “limiti accettabili”.

Ma la modifica del corpo umano può essere considerata arte?
Non sono in pochi quelli che la attuano a questo proposito, anche se spesso si scontrano con persone sprovviste della chiave per comprendere il linguaggio artistico trasmesso. Tuttavia, ciò accade sovente, anche se si osserva un quadro senza le conoscenze adeguate per comprenderne gli aspetti meno superficiali e ovvi.

C’è chi crede, in qualche caso a ragione, che la body art sia solo una esternazione fisica – e sul fisico – di un sentimento così preciso e intimo da non poter essere espresso in altro modo.
Voi cosa ne pensate?

Il romanzo Opera sei non si pone l’obiettivo di dare risposte, ma di sicuro mostra punti di vista interessanti. Come lo è, d'altronde, la scelta di una struttura narrativa non lineare a supporto di una trama ben sviluppata e originale.

Passato e presente si intrecciano, gettando lunghe ombre sul futuro di protagonisti e antagonisti. E, benché la storia non sia esplosiva – fast and fourios, ama dire qualcuno – non mancano momenti adrenalinici e intensi. Per esempio il diario di Ester: uno squarcio "psico-temporale" che approfondisce motivazioni ed emozioni, oltre a dare ordine a eventi che hanno un peso specifico importante nell'economia dei fatti.

Come accennato sopra, l'autore ha saputo dare equilibrio alla sua scrittura, fondendo precisione, eleganza e tecnica in uno stile godibile da tutti. Cosa per niente facile e scontata quando ci si allontana dal racconto per raggiungere l'agognata meta del primo romanzo.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del libro Opera Sei
Recensione scritta da: J. Romano
Pubblicata il 11/09/2010

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Recensioni Letterarie:

3:33 di Danjel Maraniello
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy