L’autostoppista pelosa

La mamma lo dice sempre: meglio non caricare gli sconosciuti

La leggenda metropolitana dell'autostoppista pelosa

È una sera invernale e una signora sta caricando la spesa sulla sua auto, nel parcheggio del supermercato.
All’improvviso un’anziana signora, tutta imbacuccata, le si avvicina e le racconta una triste storia.
La donna più giovane si impietosisce e decide di dare un passaggio alla vecchietta. Finisce di sistemare le borse nel baule e sul sedile posteriore, poi le due partono.
Spinta dalla curiosità, la conducente comincia a osservare l’anziana, che stringe convulsamente tra le braccia una sportina. Proprio mentre sta scrutando, la donna alla guida si accorge di un particolare che la inquieta.
Infatti, sedendosi, la gonna lunga della vecchietta si è un po’ sollevata e mostra parte della gamba. Sotto i collant fa capolino una fitta peluria.
La guidatrice osserva meglio e nota che l’anziana è ancora tutta imbacuccata, nonostante nell’abitacolo si sia creato un bel tepore e lei stessa si sia sfilata la sciarpa per il caldo.

Prendendo coraggio, la donna annuncia che c’è qualcosa che non va a una ruota. Accosta, chiede all’anziana di controllare se la ruota posteriore destra sia forata. La vecchietta posa la borsa, apre la portiera e scende.
La donna riparte sgommando, impaurita dall’inquietante incontro.
Una volta a casa, racconta tutto al marito.
– Un uomo? Ma come ti è venuto in mente, stai scherzando? – la rimprovera lui.
– Ti dico che gli ho guardato le gambe, e poi nei suoi lineamenti c’era qualcosa di strano, per quel poco che si vedeva. – si difende lei.
Nel frattempo l’uomo apre la sportina che la stessa anziana ha lasciato in macchina: spera di trovarne i documenti e di poter restituire la borsa alla legittima proprietaria. Magari insieme alle scuse delle moglie.
Mentre la consorte cerca di farfugliare ancora spiegazioni per il suo comportamento, l’uomo sbianca e le mostra attonito il contenuto: una piccola accetta pronta per squartare le automobiliste poco prudenti nel dare passaggi.

Come per tutte le leggende metropolitane, non è facile dare un’origine sicura anche a questa. Ne esistono varie versioni ambientate soprattutto in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma anche in Italia, in cui talvolta la donna al volante, insospettita, riesce a far intervenire lo sceriffo o le forze dell’ordine e il travestito viene da questi smascherato o gli vengono trovate addosso delle armi.
Andando a ritroso di qualche secolo, ci si imbatte in storie molto simili in cui, al posto delle moderne automobili, ritroviamo calessi e diligenze nonché un uomo a cavallo disposto a dare un passaggio a una vedova affranta. La quale, una volta che il cavaliere l’ha fatta scendere con la scusa di farsi raccogliere il cappello, gli urla dietro di buttarle la sua borsa.
Forse perché era piena dei soldi che, con il suo travestimento, l’uomo era riuscito a rubare agli ignari popolani.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

L’autostoppista pelosa
Articolo scritto da:
Pubblicato il 21/11/2005

Da Misteri e Folclore:

Il Mercato dei feticci e il Voodoo Festival in Togo e Benin
Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy