Il Dybbuk e la sua possessione

Nelle credenze ebraiche il Dybbuk è lo spirito errante di un morto che prende possesso del corpo di un essere vivente

Il Dybbuk e la sua possessione Secondo le credenze ebraiche, il Dybbuk (conosciuto anche come dibbuk, al plurale dybbukim, dall'ebraico "ledavek", che significa "attaccamento") è lo spirito di un defunto che entra nel corpo, prendendone possesso, di una persona vivente. Un dybbuk può essere animato sia da cattive che da buone intenzioni, con una netta prevalenza delle prime.

Tale spirito vaga sulla Terra in quanto non ha mai avuto accesso al Sheol (Sh'ol), il regno dei morti ebraico, o perchè fuggito da Gehenna il luogo infernale (identificato nel Nuovo Testamento) dove regnano sostanze impure, di punizione eterna e dove il fuoco brucia i peccatori.

Tra le cause che possono aver portato a questo tormentato errare ci possono essere l'aver compiuto, una volta in vita, azioni molto gravi (per esempio il suicidio) così come il non aver portato a termine importanti compiti.

A uno spirito incapace di portare a termine in vita la propria funzione viene data un'altra possibilità nella forma di un dybbuk. In questo caso lo spirito invasore abbandonerà l'essere posseduto una volta raggiunti i propri obiettivi, a volte addirittura dopo essere stato aiutato da un vivente.

La credenza nel Dybbuk era prevalentemente diffusa nel XVI e XVII secolo nell'Europa dell'est, ed era legata un antico concetto base più ampio chiamato gilgul, la trasmigrazione delle anime risalente al misticismo ebraico del XIII secolo.

Il Dybbuk fu riportato all'attenzione pubblica agli inizi del 1900 quando l'opera teatrale Der Dybbuk (Un Dybbuk, conosciuta anche come Between Two Worlds) del folklorista S. Ansky venne tradotta in varie lingue e portata in scena in diverse parti del globo.

Più recentemente è stato citato nel film horror Il mai nato (The Unborn), diretto nel 2009 da David S. Goyer, dove viene esorcizzato da un rabbino e una giovane ragazza (gli attori Odette Yustman e Gary Oldman).

Un rabbino e una ragazza esorcizzano un Dybbuk
foto: Odette Yustman e Gary Oldman esorcizzano un dybbuk nel film Il mai nato (The Unborn)

Nel 2011 dovrebbe invece debuttare sul grande schermo Dibbuk Box, una pellicola prodotta da Sam Raimi che narra di una famiglia tormentata da una cassa contenente un'antica maledizione...


Condividi la lettura con i tuoi amici!


Il Dybbuk e la sua possessione
Articolo scritto da:
Pubblicato il 09/01/2011

Da Divinità, Demoni, Semidei:

Dedalo e Icaro tra invenzioni, labirinti e ali di piume e cera
Il Vaso di Pandora, la prima donna della mitologia greca
Satana e Lucifero: due entità distinte e differentemente ribelli

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Il Catalogo delle Bici Elettriche 2018

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139