Recensione Raccolta
Il velo strappato e altre storie

Libri > Recensioni > Il velo strappato e altre storie, di Autori Vari, edito da La Tartaruga nel 2007 al prezzo di 16.50 euro. Leggi la trama.

Clicca per leggere la scheda editoriale di Il velo strappato e altre storie di Autori Vari Fra i meriti de La Tartaruga, dal 1975 principale marchio dell’editoria al femminile, di certo c’è quello di aver contribuito alla riscoperta, in Italia, di una chiara vocazione fantastica in diverse autrici anglosassoni tra il XIX e il XX secolo, donne che utilizzarono gli elementi della ghost story e del mistero per affrontare temi e istanze improponibili altrimenti a quel tempo, dalla decana Mary Shelley ai nomi selezionati da Richard Dalby per Il grande libro dei fantasmi, che riunisce in edizione italiana i tre volumi di The Virago Book of Ghost Stories dall’età vittoriana al Novecento.
Il velo strappato e altre storie prosegue in questa direzione, riunendo quattro racconti tardo-ottocenteschi tra il fantastico e l’orrore psicologico, tutti usciti a suo tempo su rivista, classici del genere e meno noti esempi di altrettante firme di prestigio.

Parlando di classici, scontata la presenza di George Eliot (pseudonimo di Mary Ann Evans, 1819-1880) con The Lifted Veil, pubblicato nel luglio 1859 sul Blackwood's Magazine di Edimburgo, una storia tragica di premonizioni e chiaroveggenza lontana dall’abituale realismo dell’autrice, che si addentra qui in speculazioni pseudoscientifiche più che preternaturali, un po’ alla maniera della Shelley. Tradotto da Francesca Avanzino, Il velo strappato era stato già pubblicato in passato presso il medesimo editore.

Lo stesso vale per l'inquietante The Yellow Wallpaper dell’americana Charlotte Perkins Gilman (1860-1935), pietra miliare non solo di un fantastico femminile e femminista ma di tutto un filone weird in bilico tra follia e possessione, realistici orrori e suggestioni dell’inspiegabile. La carta gialla, tradotto da Bibi Tomasi, è apparso in origine su The New England Magazine del gennaio 1892 e resta la più famosa e ristampata fra le opere della Gilman, altrimenti poetessa e riformatrice sociale.
Entrambi titoli costantemente in stampa o reperibili in più di un’antologia.

Benché indissolubilmente legata alla sola “letteratura per l’infanzia”, almeno per il grande pubblico, Louisa May Alcott (1832-1888) ha scritto per il mercato più popolare anche un certo numero di thriller d’effetto, e storie nere e soprannaturali alcune delle quali solo recentemente ritrovate. Più interessante, quindi, la proposta del suo lungo racconto Dietro la maschera nella traduzione di Simonetta Mustari.

Pubblicato sotto il nome di A.M. Barnard sul periodico Flag of Our Union fra l’ottobre e il novembre 1866, Behind A Mask; or, A Woman Power è un mistery incentrato sulla figura di una vendicativa governante, scabrosa erede degli implacabili villains maschili del romanzo gotico e vera protagonista delle trame oscure di questa vicenda. Un prototipo di “donna fatale” che innanzi a una delle sue vittime dichiara: “Io sono una strega, e un giorno il mio travestimento svanirà e mi vedrete come sono.”

Chiude il volume The Fullness of Life, rara opera giovanile di Edith Wharton (1862-1937) nella versione italiana di Laura Rossi, una fantasia ultraterrena alquanto differente dalle tipiche e rarefatte ghost stories della Wharton, tutte giocate sul filo dell’esitazione.
Apparso sullo Scribner's Magazine del dicembre 1893, La pienezza della vita è uno dei suoi primi racconti, che non volle tuttavia includere in alcuna delle raccolte pubblicate in vita, considerandolo immaturo o assai più probabilmente a causa degli elementi autobiografici contenuti, troppo facilmente riconducibili al suo primo matrimonio persino nei precisi riferimenti d’ambiente.

Manca però un’introduzione a presentare e legare insieme il tutto, a fare approfondimento su contenuti e autrici al di là delle note biografiche di fondo. La presenza, insomma, di un qualche apparato critico… le cui funzioni, come si osserva in generale e sempre più di frequente in libreria, tendono ormai quasi ovunque a delegarsi ai soli risvolti se non alla quarta di copertina, con buona pace di un lettore sempre più occasionale che già più non distingue tra informazione e promozione.


Recensione originale apparsa su In Tenebris Scriptus, il blog ufficiale di Andrea Bonazzi.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del libro Il velo strappato e altre storie
Recensione scritta da: Andrea Bonazzi
Pubblicata il 18/12/2007

Da Novità in libreria:

Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
3:33 di Danjel Maraniello
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Da Recensioni Letterarie:

3:33 di Danjel Maraniello
Ombre di Carmen Cirigliano e Carmine Menzella
L'Accolita dei contisani di Marica Petrolati

Concorsi letterarii in Italia

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy