Il maniaco con l'uncino

Un'altra classica leggendaa

La leggenda metropolitana della coppia e il maniaco dell'uncino

Un adolescente è in macchina con la sua ragazza dopo una serata passata fuori insieme.
Prima di riaccompagnarla a casa, i due parcheggiano l’auto nel Viale dell’Amore e cominciano a baciarsi.
La musica in sottofondo s’interrompe e il discjockey annuncia una grave notizia: dal Manicomio Criminale è scappato un maniaco omicida chiamato l’Uncino. Tale soprannome gli è stato dato perché al posto della mano destra ha un uncino affilato come un rasoio, ed è considerato molto pericoloso perché in passato girava sui Viali dell’Amore, dove i ragazzi vanno in genere ad appartarsi, e aggrediva le coppiette tagliando loro la testa con l’uncino.
L’annunciatore aggiunge che molte teste sono state trovate nel suo frigorifero quando, anni prima, il criminale era stato catturato.
Il discjockey mette in guardia contro ogni persona con un uncino e consiglia ai suoi ascoltatori di non appartarsi in luoghi bui.
La ragazza, sentita la notizia, comincia a innervosirsi.
– Andiamo a casa, dai – dice, ma il suo compagno continua imperterrito a toccarla.
– Non ho paura di quello lì – le risponde – e poi sarà lontano chilometri e chilometri da qui.
– Io invece ho un po’ paura, il manicomio non è molto distante da questo posto!
– Dai, non preoccuparti, ci sono io a proteggerti – la rassicura il ragazzo.
I due riprendono a baciarsi, ma la ragazza sente un rumore e si agita di nuovo.
– Andiamo via, ho sentito un rumore. E poi siamo da soli qui, non ci sono altre macchine!
– Sono tutti dei fifoni, non c’è nulla di cui preoccuparsi – cerca di nuovo di convincerla.
Ma la giovane è ormai agitata. Piange, si innervosisce, diventa isterica. Dice di vedere qualcuno accovacciato dietro l’auto, nel buio, che la guarda e sogghigna.
Infine, rinfaccia al ragazzo che se non la porta a casa non tornerà mai più lì con lui.
Irritato, il ragazzo mette in moto la macchina e parte di scatto: lei l’ha innervosito e per tutto il tragitto non le parla.
Una volta davanti alla casa di lei, il ragazzo si scusa.
– Mi dispiace, non avrei dovuto insistere per rimanere.
– Scusami tu, mi sono agitata per una sciocchezza – risponde la giovane. I due si scambiano un lieve bacio.
Lei fa per aprire la portiera ma non riesce. Qualcosa la tiene bloccata.
Il ragazzo scende e fa il giro della macchina. Una volta arrivato davanti alla portiera di lei si blocca e sbianca.
– Ehi, cosa succede? – gli chiede lei dal finestrino abbassato.
Il ragazzo sviene e la ragazza passa sull’altro sedile e scende per soccorrerlo.
Quando si ritrova davanti alla portiera capisce perché il ragazzo è rimasto così scioccato: appeso alla maniglia vi è un uncino che penzola insanguinato.

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Il maniaco con l'uncino
Articolo scritto da:
Pubblicato il 05/10/2005

Da Misteri e Folclore:

Il Mercato dei feticci e il Voodoo Festival in Togo e Benin
Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy