Il Pozzo senza Fondo > Leggende Metropolitane > I segni degli zingari

I segni degli zingari

Il codice segreto di chi viene a rubare nelle vostre case?

I segni degli zingari Il primo ad avere l’idea di contrassegnare - per uno scopo ben preciso - delle case fu Mosè, il quale, per convincere il Faraone a lasciar andar via gli Ebrei dall’Egitto e a liberarli dalla schiavitù, cominciò a mostrargli i prodigi di Dio, come la trasformazione di un bastone in serpente o l’invasione dell’Egitto da parte delle rane.

Il Faraone non aveva alcun interesse a credere che Mosè non fosse un semplice stregone e gli schiavi che poteva liberamente percuotere o far percuotere facevano parte delle sue ricchezze e del suo potere.
Così, inascoltato, Mosè ordinò a tutti gli ebrei di uccidere un agnello di età inferiore a un anno e, con il suo sangue, dipingere l’architrave e gli stipiti della porta di casa, per poi chiudersi dentro fino al mattino. Il popolo obbedì e, durante la notte, sull’Egitto passò l’angelo del Signore che uccise tutti i primogeniti delle case che non erano state contrassegnate.
Nelle ore seguenti, il Faraone concesse al popolo ebraico di partire.

Secondo una leggenda metropolitana, anche gli zingari si servirebbero di una serie di simboli speciali per contrassegnare le case da colpire e i momenti più favorevoli per farlo.

Il codice usato dagli zingari prevederebbe una serie di indicazioni sulle case più "deboli" - quelle in cui, per esempio, vi è una donna sola in casa oppure donne disposte a dare soldi - e sulle abitazioni più ricche, dove è più facile poter realizzare un bottino cospicuo.

Ci sono delle case che vanno assolutamente evitate: quelle dei membri delle forze dell’ordine oppure di persone amiche degli zingari. O, ancora, le case di coloro che si sono mostrate gentili o hanno dato lavoro a qualcuno della comunità.

Tra i simboli trovano posto anche alcune lettere che indicherebbero quando effettuare il furto: la notte, il pomeriggio, la mattina, la domenica.

Nonostante si tratti di una bufala senza fondamento, capita ogni tanto che alcune amministrazioni sollecitino i loro cittadini perché adottino delle precauzioni e stiano attenti che i segni non compaiano sui loro campanelli o sugli stipiti dell’ingresso: nel marzo 2006, per esempio, il comune di Ospedaletto Euganeo (Padova) ha diffuso un volantino in cui mette in guardia gli abitanti e riporta i simboli sospetti.

Eppure, sarebbe stupido pensare che gli zingari utilizzino ancora un codice già conosciuto dalle possibili vittime. E sarebbe sciocco anche contrassegnare le case più appetibili per un furto, con il rischio che a rubare ci vada qualcun altro a conoscenza del codice...

In ogni caso, per soddisfare la curiosità di chi non li avesse mai visti, pubblichiamo l’immagine dei simboli che si dice siano utilizzati dagli zingari. Qualcuno dice di averli visti anche in dei bagni pubblici...



Ora scusate, ma devo andare a dare una pulita agli stipiti del mio ingresso: dei cialtroni ci hanno inciso una X e una N.
Che incivili...


Condividi la lettura con i tuoi amici!

I segni degli zingari
Articolo scritto da:
Pubblicato il 01/10/2006

Da Misteri e Folclore:

Pentagramma di Agrippa: significato, usi e storia del simbolo esoterico
Abracadabra: significato, usi e storia del simbolo esoterico
Gunther von Hagens, cadaveri e sculture plastinificati del Dottor Morte

Da Leggende Metropolitane:

Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal
Il subaqueo morto carbonizzato su un albero
Polybius, il videogioco psichedelico e subliminale

La Newsletter de LaTelaNera.com

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

Libri gialli, neri e fantastici

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Domande & Risposte | Collaborare con noi | Supportaci