La Maledizione dell'Anno Zero

Una misteriosa maledizione colpirebbe i Presidenti degli Stati Uniti eletti in anni che finiscono col numero zero

La Maledizione dell'Anno Zero Sette Presidenti degli Stati Uniti morti in circostanze tragiche in poco più di cento anni: è questo il biglietto da visita della Maledizione dell'Anno Zero.

Secondo questa maledizione tutti i Presidenti americani eletti in anni che finiscono col numero zero sarebbero destinati a una prematura scomparsa prima della fine del loro mandato (primo o ultimo che sia).

Secondo la leggenda, questa letale maledizione, nota anche come Zero-year curse, Curse of Tippecanoe, Tecumseh's curse, Presidential curse, Twenty-year curse e Twenty-year presidential jinx, fu scagliata nei primi anni del 1800 dal capo pellerossa Tecumseh, morto nella battaglia di Thames del 5 Ottobre 1813, o più probabilmente da suo fratello Tenskwatawa, detto Il Profeta.

A documentare quest'ultima teoria, una missiva consegnata da alcuni soldati liberati dalla tribù dei Shawnee all'allora Generale dell'Esercito William Henry Harrison:
"No president has ever died in office, but Harrison will die I tell you. And when he dies you will remember my brother Tecumseh's death. You think that I have lost my powers. I who caused the sun to darken and Red Men to give up firewater. But I tell you Harrison will die. And after him every Great Chief chosen every 20 years thereafter will die. And when each one dies, let everyone remember the death of our people."

Tradotta pressappoco come:
"Nessun Presidente è mai morto durante la sua carica, ma Harrison morirà, ve lo dico io. E quando morirà vi ricorderete della morte di mio fratello Tecumseh. Voi pensate che io abbia perso i miei poteri. Io che ho oscurato il sole e che ho fatto rinunciare all'alcool la mia gente. Ma vi dico che Harrison morirà e dopo di lui ogni grande capo scelto ogni 20 anni da oggi morirà. E quando ognuno di loro morirà, ricorderà a tutti la morte della mia gente."

Una tragica profezia che si realizzò il 4 aprile del 1841: a un anno dall'elezione a Presidente, lo stesso Harrison morì stroncato da una polmonite contratta dopo aver tenuto il discorso di insediamento sotto un fortissimo diluvio.

Dopo altri sei presidenti e venti anni di apparente tranquillità, la maledizione tornò a colpire con l'elezione di Abraham Lincoln, avvenuta nel 1860. L'importante lavoro per rendere gli Stati Uniti un Paese moderno e democratico (su tutti la liberazione dalla schiavitù degli afro-americani), non gli evitò di morire il 14 Aprile del 1865 sotto i colpi di pistola sparati da John Wikes Booth, un attore della Virginia contrario ai suoi principi politici.

Un dipinto con l'omicidio di Abraham Lincoln
foto: l'omicidio di Abramo Lincoln.


La stessa sorte toccò nel 1881 al Repubblicano James Garfield, ventesimo Presidente degli Stati Uniti, che si insediò a Washington il 4 Marzo e morì il 19 Settembre dello stesso anno, dopo due mesi di agonia causati da un attentato subito a Orange per mano di un disoccupato, Charles Guiteau, a meno di un anno dalla sua elezione.

Il nuovo secolo si aprì con il giuramento di William McKinley, ma la maledizione non sembrò cessare, colpendo il Presidente il 6 settembre del 1901 (un anno dopo la sua elezione), quando l'anarchico di origini polacche Leon Czolgosz gli sparò due colpi d'arma da fuoco.

Nel 1920 fu la volta del discusso Warren G. Harding, Presidente coinvolto in vari illeciti, che morì dopo poco più di due anni di mandato, colpito da un infarto mentre si trovava in visita a San Francisco, intento a recuperare credibilità in seguito all'ennesimo scandalo che lo aveva visto coinvolto.

Un'immagine con la morte di James Garfield
foto: l'omicidio di James Garfield.


Nel 1934 la maledizione fu "ufficializzata" dallo scrittore americano Robert Ripley, che ne parlò per la prima volta nel libro Che ci crediate o no! (Believe it or not!), in cui riportava i tragici casi dei cinque Presidenti morti, legandoli tutti all'anatema scagliato da Tenskwatawa. Il libro ha avuto anche una recente trasposizione cinematografica (2009) in cui lo scrittore è interpretato dall'eclettico Jim Carrey.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, la maledizione dell'anno zero colpì l'allora Presidente Franklin Delano Roosevelt che nel 1945, a cinque anni dalla sua elezione, morì in seguito a una emorragia cerebrale a cui il suo fisico, già profondamente debilitato dalla sindrome di Guillain-Barré (una malattia auto-immune del sistema nervoso periferico), non seppe reagire.

Un'immagine con la morte di William McKinley
foto: l'omicidio di William McKinley.


Il più celebre Presidente degli Stati Uniti vittima della maledizione dell'anno zero fu, però, John F. Kennedy, eletto nel 1960 e morto tre anni più tardi a Dallas per mano di Lee Harvey Oswald.

Kennedy fu il Presidente che più di ogni altro sintetizzò la maledizione, perché legato da altre strane coincidenze ad Abraham Lincoln (anch'egli vittima dell'anatema):
- i due furono eletti al Congresso a cento anni esatti di distanza (nel 1846 Lincoln, nel 1946 Kennedy)
- si candidarono alla presidenza sempre a cento anni di distanza (nel 1856 Lincoln, nel 1956 Kennedy)
- furono eletti Presidenti ancora una volta a cento anni di distanza (nel 1860 Lincoln, nel 1960 Kennedy)
- entrambi morirono per un colpo d'arma da fuoco alla testa
- a entrambi succedette un vicepresidente dal cognome Johnson

L'anno della presunta fine della maledizione dell'anno zero arrivò nel 1980, quando venne eletto Presidente Ronald Reagan che un anno più tardi, il 30 marzo 1981 scampò miracolosamente a un attentato (sopravvivendo a un proiettile sparatogli a due centimetri dal cuore), spezzandola per la prima volta.

Un avvenimento che troverebbe, però, la sua giustificazione nella lettura alternativa proposta da alcuni astrologi, secondo cui il tragico destino che ha unito tutti questi Presidenti degli Stati Uniti sarebbe da far risalire alla congiunzione astrologica tra Giove, pianeta sovrano, e Saturno che rappresenta la morte.
Dal 1800, la combinazione tra questi due pianeti sarebbe infatti avvenuta in coincidenza degli anni che terminavano con lo zero e sempre in un segno di Terra, tranne per il 1820 in cui avvenne in Ariete (segno di fuoco) e proprio il 1980, anno dell'elezione di Reagan, in cui avvenne in Bilancia (segno d'aria):

Presidente Eletto

Segni di fuoco

Segni di Terra

Segni d'Aria

1800
Thomas Jefferson

19/7/1802
(Vergine)

1820
James Monroe

17/6/1821
(Ariete)

1840
William Harrison

25/1/1842
(Capricorno)

1860
Abraham Lincoln

23/10/1861
(Vergine)

1880
James Garfield

16/4/1881
(Toro)

1900
William McKinley

28/11/1901
(Capricorno)

1920
Warren Harding

12/9/1921
(Vergine)

1940
Franklin Delano Roosevelt

1/8/1940
(Toro)


27/10/1940
(Toro)


10/2/1941
(Toro)

1960
John F. Kennedy

19/2/1961
(Capricorno)

1980
Ronald Reagan

7/1/1981
(Bilancia)


10/2/1981
(Bilancia)


24/2/1981
(Bilancia)

2000
George Bush Jr.

25/5/2000
(Toro)




L'unico sopravvissuto alla maledizione sembrerebbe, quindi, il solo George Bush Jr., eletto nel 2000 con congiunzione in Toro, e arrivato indenne a fine mandato, nel 2007.
Secondo alcuni, la causa sarebbe da attribuire al numero 2000 che, contenendo tre zeri, potrebbe non far parte della maledizione.

Fino a oggi, infatti, gli zeri presenti negli anni funesti sono stati al massimo due, per cui ci sarà da aspettare almeno fino al 2020 prima di sapere se davvero l'anatema scagliato da Tenskwatawa sia stato sconfitto.


Di seguito una tabella esplicativa dei Presidenti vittime della maledizione dell'anno zero:

Presidente

Anno Elezione

Data Morte

Causa del decesso

William Henry Harrison

1840

4 Aprile 1841

Polmonite

Abraham Lincoln

1860

15 Aprile 1865

Omicidio

James Garfield

1880

19 Settembre 1881

Omicidio

William McKinley

1900

14 Settembre 1901

Omicidio

Warren Harding

1920

2 Agosto 1923

Apoplessia

Franklin Delano Roosevelt

1940

12 Aprile 1945

Emorragia Cerebrale

John Fitzgerald Kennedy

1960

22 Novembre 1963

Omicidio

Ronald Reagan

1980

30 Marzo 1981

Sopravvissuto all'attentato




Fonti:
Ripley, Robert, Big Book Ripley Believe It Or Not (Simon & Schuster, 1934)
www.wikipedia.it
www.corriere.it
www.snopes.com


Condividi la lettura con i tuoi amici!

La Maledizione dell'Anno Zero
Articolo scritto da: Marcello Gagliani Caputo
Pubblicato il 21/02/2012

Da Misteri e Folclore:

Il Mercato dei feticci e il Voodoo Festival in Togo e Benin
Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy