Il Pozzo senza Fondo > Natura Letale > Siafu, le formiche killer (Dorylus nigricans)

Siafu, le formiche killer (Dorylus nigricans)

Le formiche Siafu sono considerate il predatore più mortale di tutta l'Africa: possono uccidere oltre un milione di prede al giorno

Siafu, le formiche killer (Dorylus nigricans) Siafu, termine swahili, o Formiche africane, sono tra gli insetti più mortali al mondo e vengono considerate il predatore più mortale di tutta l'Africa, dal momento che possono uccidere oltre un milione di prede al giorno. Si muovono in colonie di venti milioni di individui. L'effetto è tale che si dice che anche gli elefanti fuggano al vederle ed è questo il motivo per cui non ci sono elefanti in Tanzania.


Nome comune: siafu, african ant, driver ant, safari ant, army ant, formiche scacciatrici, formiche safari, formiche Matabele.

Nome scientifico: Dorylus (Anomma) nigricans.

Classificazione: Genere: Dorylus, Sottofamiglia: Dorylinae. Il genere conta 59 specie e 68 sottospecie. La Dorylus nigricans comprende 8 sottospecie.

Formica Siafu: Distribuzione e habitat

Il genere Dorylus è distribuito in tutta l'Africa centrale e nell'Africa del Sud. Ma una specie compare anche in Thailandia e un'altra in Malesia. La specie Dorylus nigricans si trova nell'Africa dell'Ovest (Costa d'Avorio) e nel Congo. Abitano la foresta pluviale e la savana.

Le formiche africane hanno un notevole impatto nel loro habitat rispetto ad altre creature. Sono costrette a cambiare territorio a intervalli regolari per cercare nuove aree di alimentazione. Durante questi spostamenti, le formiche costruiscono dei nidi temporanei chiamati “bivacchi”, in cui lasciano alcuni membri della colonia e le larve. Quando migrano o sciamano in cerca di cibo, si formano delle lunghe code di formiche lavoratrici, circondate da formiche soldato pronte a difendere la colonia in movimento.

Tutte le formiche della colonia sono femmine. La regina, responsabile per la riproduzione, depone uno o due milioni di uova ogni mese, quasi di continuo. Viene fecondata da una formica maschio, che misura circa 3 cm di lunghezza e vola da una colonia all'altra fino a incontrare lo sciame. A quel punto, al maschio vengono strappate le ali e viene tenuto come donatore. Il maschio delle siafu è chiamato “salsiccia volante”.

Formica Siafu, un primo piano
foto: un primo piano di una formica killer africana.

Formica Siafu: Aspetto

Le caratteristiche fisiche di queste formiche sono differenti negli individui lavoratori e nei soldati. I primi misurano fino a mezzo centimetro di lunghezza, mentre le formiche soldato possono arrivare a quasi il triplo.

La regina presenta un enorme addome e ha l'aspetto di una formica di grandi dimensioni. È infatti la formica regina più grande al mondo, arrivando a misurare fino a 5 centimetri di lunghezza.

I maschi invece raggiungono i 3 centimetri. La formica presenta una testa larga, occhi piccoli e laterali e antenne corte. Le mandibole sono allungate, strette e molto appuntite. Il torace è molto robusto e coperto da una peluria setosa.

Un primo piano di una formica Siafu
foto: una formica Siafu in dettaglio.

Formica Siafu: Dieta

Si nutrono letteralmente di ogni animale che incontrano sulla loro strada, arrivando a uccidere fino a 100.000 prede in unico raid. Quando c'è carenza di cibo, l'intera colonia si mette in movimento, marciando compatta e divorando tutto ciò che può darle sostentamento.

Totalmente cieche, si muovono grazie al tatto, agli odori e a segnali chimici. La colonia è in grado di percorrere fino a 20 metri in un'ora, distruggendo tutta la vita animale sul suo cammino.

Le formiche possono anche entrare nelle case e divorare tutto il cibo che trovano, perfino cani e gatti, se restano intrappolati al loro interno. Alcune popolazioni temono che possano entrare negli obitori e consumarne i cadaveri.

Una colonia di Siafu in movimento
foto: una longa colonna di formiche killer Siafu in movimento.

Formica Killer: Come ti ammazza

Quando le formiche siafu ti assalgono potresti non sentirle. In alcuni casi sono entrate nei vestiti, senza che le persone se ne accorgessero.
Si dice che mordano tutte in una volta, in accordo a un segnale.

Un bambino, camminando nel buio, ha calpestato una colonia di formiche e in breve tempo ne è stato ricoperto. In quel caso si è salvato, ma i genitori e gli amici hanno dovuto staccare le formiche dal suo corpo una per una.

Le vittime umane sono morte per asfissia.
Alcuni neonati, lasciati incustoditi dai genitori, sono stati divorati dalle formiche. Sebbene sia facile evitarle, poiché sono lente e cieche, sono comunque riuscite ad attaccare infanti, gente che dormiva e perfino un ubriaco che non riuscì a fuggire a causa di una gamba rotta.

Mucche e capre, lasciate legate la notte e impossibilitate a fuggire, sono state divorate dalle formiche siafu.

Ciò che le rende particolarmente spaventose è che possono mordere e pungere, anche se non è questo il modo in cui uccidono. Durante l'attacco, le formiche riescono a entrare in ogni orifizio che trovano, come naso, bocca e orecchie. Le vittime muoiono infine di asfissia, coi polmoni pieni di formiche.

Formiche Siafu soldato controllano il territorio

Formiche Siafu: Consigli di sopravvivenza

Alcuni, se le formiche infestano la loro casa, semplicemente l'abbandonano per un paio di giorni. Altri utilizzano dei veleni. Alcuni missionari usano foglie di eucalipto, inserendole nelle fessure delle porte, per impedire alle formiche di entrare.

Altri ancora si affidano alla paraffina al kerosene, ma senza bruciarla, oppure le disturbano con dei ramoscelli o usano la cenere. Qualcuno consiglia di gettare nel loro nido un camaleonte vivo, in modo che lo mangino e poi si trasferiscano altrove.

Formiche Killer: Body Count

Le formiche killer sono considerate pericolose per l'uomo, a causa del numero elevato dei membri della colonia che in pochi attimi possono ricoprire qualunque cosa incontrino sulla loro strada. È quindi molto rischioso trovarle in casa oppure essere impossibilitati a muoversi quando ci si imbatte su una colonia in movimento.

Sono stati registrati casi di persone – generalmente giovani, inferme o comunque debilitate, che non sono riuscite a mettersi in salvo – uccise e consumate completamente dalle formiche.
Si calcola comunque che il numero di morti in un anno sia basso, di pochi individui, poiché è limitato appunto a persone che non sono state in grado di fuggire a causa delle loro condizioni fisiche o sorprese nel sonno.

Immagini di formiche killer Siafu

Formiche Siafu: Curiosità

I membri delle tribù maasai usano queste formiche per chiudere le ferite, in caso d'emergenza. Si fanno mordere ai lati della ferita, poi spezzano il corpo della formica, in modo che solo la testa ne resti attaccata. Le mandibole possono tenere chiusa la ferita per giorni.

Un altro beneficio che i maasai ottengono dalle formiche siafu è l'eliminazione dei parassiti dalle comunità agricole, poiché le colonie di insetti consumano altri insetti e ratti, dannosi per le piantagioni.



Condividi la lettura con i tuoi amici!

Siafu, le formiche killer (Dorylus nigricans)
Articolo scritto da:
Pubblicato il 21/07/2011

Da Misteri e Folclore:

Simboli e significati della Farfalla, tra mitologia ed esoterismo
Simbolo animale: significato della Civetta tra mitologia ed esoterismo
Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo

Da Natura Letale:

Grande Squalo Bianco (Carcharodon carcharias)
Serpenti velenosi: la classifica dei venti col veleno più potente
Vipera di Russell (Daboia Russelii)

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139