Rosemary West, la storia del serial killer

Nome Completo: Rosemary Pauline West (Letts)

Soprannome: La killer delle babysitter

Nata il: 29 novembre 1953

Morta il: in vita (al marzo 2014)

Vittime accertate (presunte): 11 (13+)

Modus Operandi: uccideva soffocandole o pugnalandole giovani ragazze dopo averle violentate e torturate nei modi più efferati... in compagnia del marito Fred West.


Sulle pagine di LaTelaNera.com raccontiamo oggi la storia di Rosemary West, la metà di una delle coppie di serial killer più note, malvagie e malate mai esistite.

Rosemary e il marito Fred West si sono resi responsabili della morte di minimo 12 persone (ma si sospetta fortemente che siano almeno 13 se non 30) nell'arco di un periodo che va tra la fine degli anni '60 e la fine dei '90 diventanto, di fatto, una delle storie più macabre dell'Inghilterra moderna.


Rosemary Letts (West): l'infanzia e la gioventù

Mentre Fred West cominciava in maniera travagliata la sua vita da adulto, la futura moglie Rosemary, cognome da nubile Letts, era solo una bambina, essendo nata il 29 novembre del 1953.

I suoi genitori non erano meno atipici e devianti rispetto a quelli di West. Il padre, Bill, era violento e dispotico, clinicamente affetto da schizofrenia con tendenze paranoiche.

La madre, Daisy, con un tale compagno accanto, fu colpita da depressione patologica che la portò addirittura, nel corso della gravidanza al termine della quale sarebbe nata Rosemary, a subire un trattamento di elettroshock terapeutico.

L’abuso psicologico e la violenza fisica erano all’ordine del giorno in casa Letts, sia per la madre sia per i fratelli, ma non per la giovane Rosemary che, in base alle testimonianze sulla sua infanzia e gioventù, era sempre riuscita a scampare punizioni e sfuriate del padre, grazie al suo comportamento particolarmente remissivo e il carattere docile.

Questa circostanza è molto importante dal punto di vista psicologico, perché ci mostra lo sviluppo di un sistema di protezione da parte di un soggetto debole al cospetto di un individuo violento che, nel suo sviluppo, porta il dominato a saper toccare i tasti giusti nel soggetto dominante per sviare le punizioni e divenire in pratica colui che può detenere il controllo nelle situazioni più pericolose e di maggior sfogo dell’altra persona.

Nel 1968, Daisy Letts riuscì a scovare sufficiente coraggio per abbandonare il marito portando con sé i figli. Tutti, tranne la quindicenne Rosemary che rimase col padre, con grande sorpresa dei parenti che avevano visto troppo a lungo quell’uomo tiranneggiare la famiglia.

Sorse il sospetto che con l’adolescenza, al carattere remissivo di Rosemary si fosse aggiunta una componente sessuale per tenere sotto controllo le sfuriate del genitore, costituendo il binomio di controllo che in seguito avrebbe irretito anche Fred West, in cui si sarebbe imbattuta di lì a poco.

Essendole proibito dal padre di frequentare ragazzi della sua età, Rose sviluppò una sessualità legata a uomini più grandi di lei, con uno dei quali convisse a lungo nel 1968 prima di ritornare, ancora una volta senza ragioni precise, a casa del padre.

Ormai anche Rosemary aveva sviluppato il profilo psicologico completo che l’avrebbe condotta al numero 25 di Cromwell Street.


Rosemary Letts (West): l'incontro con Fred

Rosemary e Fred West in una foto di tempi feliciRosemary incontrò il suo futuro marito Fred West nel 1969, alla tenerà età di 16 anni.
Quest'ultimo lavorava ai tempi come autista per le consegne di una panetteria e avvicinò la giovane Letts con tutte le intenzioni di farne una sua potenziale vittima.

Ma Rosemary era diversa dalle altre ragazze, e le cose andarono in modo decisamente inaspettato.

Rosemary negli anni spesi col padre aveva sviluppato una notevole capacità di divenire dominante in un rapporto con un soggetto violento e sadico, l'identikit perfetto del giovane e scatenato Fred: i due legarono in fretta, si innamorarorono e diventarono presto simbiotici.

Da lì ad arrivare alla convivenza fu un passo rapido, anche se il padre della ragazza si oppose (anche violentemente) alla loro relazione.

I due andarono a vivere in una casa in Midland Road a Gloucester e nel 1970, a diciassette anni, Rosemary divenne madre della piccola Heather. E quando Fred finì in prigione - condannato per furto - si dovette occupare di crescere anche delle altre due bambine di lui, Charmaine e Anne Marie.

In quel periodo le due bimbe "non sue" divennero il bersaglio della cattiveria della donna: Rosemary tormentava e puniva le due in continuazione, in particolare Charmaine, già dotata di carattere e volontà ferree.

Nell’estate del 1971, quando ancora Fred era in carcere, Charmaine scomparve nel nulla.
Si dovrà aspettare fino agli anni novanta per conoscerne il fato: Rosemary l'aveva uccisa e ne aveva sepolto il corpo sotto il pavimento della cucina di casa.

L’omicidio di Charmaine creò un’unione fortissima tra la giovane Letts e Fred West e gettò le basi per le loro violente, sadiche e malate azioni future...

Continua a leggere la storia di Rosemary West all'interno del nostro dossier sulla vita e le azioni di Fred West.

Di seguito gli eventi seguenti al giorno della sua condanna...

Capitoli: 1 2

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy