Recensione
Godsend

Godsend: visiona la scheda del film Cosa diamine è successo a Robert De Niro (15 minuti - Follia omicida a New York, Ronin) negli ultimi tempi? Troppi conti da pagare? Sindrome di Marlon Brando? Ha cambiato agente? Quello che un tempo era uno dei più grandi attori viventi ha cominciato lentamente, qualche anno fa, ad accettare parti fuori dalle sue corde badando più alla quantità che alla qualità, quasi (e come non comprenderlo) che la sua precedente carriera lo abbia privato di ogni ulteriore stimolo recitativo.

Lo vediamo ora caracollare per questo Godsend, borbottando (con classe, ma pur sempre di borbottio si tratta...) frasi incoerenti e cercando di apparire ora novello Frankenstein ora furioso Saturno. Impresa difficile in un progetto che sembra destinato al fallimento fin dal soggetto, che mischia echi di fantascienza vecchio stampo (ci sono limiti morali oltre i quali la scienza umana non può andare sembra di sentir sussurrare Mary Shelley per tutto il film) con sfumature orrorifiche che inevitabilmente vanno a pescare a piene mani in quel vasto territorio di "bimbi disturbati", una landa che parte da Il giro di vite per terminare con Il Sesto Senso attraversando "villaggi dei dannati" ricchi di "presagi".

Un soggetto così frusto e già visto ha bisogno di vigorosi twist di sceneggiatura per poter trovare una buona soglia di attenzione in un pubblico se non esperto comunque smaliziato dal bombardamento mediatico. Tali trovate geniali latitano e la vicenda spiraleggia ripiegandosi ben presto su se stessa, cercando nei consueti colpetti di paura a base di suoni e visioni improvvise il veicolo privilegiato per scuotere la platea. Peccato che i momenti di stasi e pausa saturino ben presto lo script prevalendo sui pochi istanti di tensione.

Ecco allora che se la suspense e l'orrore mancano, se il soprannaturale svanisce sconfitto a colpi di para-scienza, il povero regista Nick Hamm (Martha da legare e The Hole, entrambi comunque più pregevoli di questo) non può far altro che giocare la carta dell'atmosfera, magica parola che in questo caso si traduce in un gran lavoro da parte del fotografo per saturare il nero e i colori freddi generando claustrofobia e senso di inverno perenne. Peccato che questo sia in pratica l'unico aspetto positivo (e comunque abusato) di una pellicola che, privata della presenza di Bob De Niro non avrebbe varcato i confini nazionali.

Da notare anche l'inadeguatezza in Godsend del resto del cast, da un Greg Kinnear (The gift - Il dono) che tende a sovrarecitare (probabile reazione alla presenza di De Niro) a una Rebecca Romijn-Stamos (X-Men - Conflitto finale, The Punisher) che, ammettiamolo, sembra più a suo agio in ruoli nei quali il suo (peraltro magnifico) corpo possa parlare più della sua bocca.

Banale e insipido lo score musicale, magnifici i titoli d'apertura a cura degli ineffabili Kaleidoscope Films Group.


Titolo: Godsend
Titolo originale: Godsend
Nazione: Canada, USA
Anno: 2004
Regia: Nick Hamm
Interpreti: Greg Kinnear, Rebecca Romijn-Stamos, Robert De Niro, Cameron Bright, Elle Downs

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Recensione del film Godsend
Recensione scritta da: Elvezio Sciallis
Pubblicata il 09/09/2004

Concorsi letterarii in Italia
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Esperto Ambientale a Mestre

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139