La babysitter e la telefonata del maniaco al piano di sopra

La leggenda metropolitana della babysitter che scopre di trovarsi in casa con un maniaco...

La storia di paura della babysitter e del maniaco al telefono

Sulle pagine dedicate alle "storie urbane di paura" di LaTelaNera.com torniamo a occuparci delle babysitter, quelle (spesso) giovani, carine e indifese ragazze che genitori desiderosi di una serata di libertà chiamano affinché tengano d'occhio i loro figli piccoli.

Abbiamo visto in passato la leggenda metropolitana della babysitter cannibale, oggi invece andremo a conoscere la storia legata al vero e proprio incubo di ogni "guardiana di bambini", ovvero quello di ritrovarsi ad affrontare da sola tra le mura di casa (in questo caso al piano superiore) un individuo animato da intenzioni maligne e violente.

Per introdurre l'argomento non c'è niente di meglio che un racconto di paura e suspense...


Il Racconto: La telefonata

un racconto di Carmelo Massimo Tidona ispirato alla leggenda metropolitana della babysitter e dell'assassino che le telefona dal piano di sopra...

Sarah sedeva sul divano: una gamba penzoloni, l'altra sollevata, le dita delle mani intrecciate attorno al ginocchio come per tenerlo su.
Di fronte a lei, sull'enorme schermo televisivo, i personaggi di un film si muovevano e parlavano senza emettere un suono. Non aveva voglia di sentire cosa dicessero, le immagini servivano solo a tenerle compagnia.
Detestava quel lavoro, ma era necessario.
Lo squillo inatteso del telefono la fece sobbalzare.
Ripresasi, si allungò con un tuffo sui cuscini in pelle per afferrare l'apparecchio prima che potesse suonare un'altra volta, e se lo portò all'orecchio.
«Pronto?»
«Hai controllato i bambini?»
La voce dall'altra parte era maschile, roca, e sembrava in qualche modo artefatta, impostata. Anche concedendo tutto il beneficio del dubbio alle distorsioni della linea, non poteva certo trattarsi dei padroni di casa. E poi il tono stesso della domanda non sembrava autentico, dava quasi l'idea di una presa in giro. Malevola.
«Chi parla?», chiese comunque, quasi per abitudine.
«Hai controllato i bambini?», ripeté la voce nel medesimo tono.
No, non li aveva controllati. Erano nella loro stanza quando era arrivata e lì continuavano a essere, non c'era nulla da controllare. Chiunque fosse al telefono, doveva trattarsi di uno scherzo idiota.
Riattaccò.
Tornò alla posizione precedente, gettò uno sguardo distratto allo schermo e decise che ne aveva abbastanza della televisione, muta o no che fosse.
Senza spegnerla, si alzò, infilò le scarpe che aveva abbandonato sul pavimento e si diresse in cucina, con l'intento di mangiare qualcosa.
Aveva appena aperto il frigorifero quando il telefono squillò di nuovo.
Non esitò un istante prima di sollevare il ricevitore di quello attaccato al muro. Anche se fosse stato di nuovo l'imbecille di prima, doveva rispondere. Se i bambini si fossero svegliati sarebbe stato un problema, e anche se dal piano di sopra non avrebbero dovuto sentire, non poteva esserne certa.
«Pronto?», rispose sperando di non sentire quello che si aspettava.
«Hai controllato i bambini?»
«Piantala cretino!»
Le rispose solo il silenzio.
«Chi sei? Sergio?», lanciò un'accusa quasi a caso, scegliendo tra le sue conoscenze il più probabile ideatore della burla. Dall'altra parte non giunse alcuna risposta, a parte una specie di risata cupa e smorzata.
«Beh, chiunque tu sia piantala!», sibilò nella cornetta prima di riattaccarla con più forza di quanto avrebbe voluto. Guardò l'interno del frigorifero, ma l'appetito le era passato. Voleva solo che la serata finisse presto.
Sulla lavagnetta appesa alla porta dell'elettrodomestico, sorretto dalla base magnetica del pennarello, un biglietto recitava "Per le emergenze:", seguito da un numero di cellulare.
Staccò foglio e supporto assieme e uscì dalla cucina guardando il numero come se lo vedesse per la prima volta. Le venne voglia di comporlo, ma uno scherzo telefonico non si poteva certo definire un'emergenza, e lasciò perdere.
Era tornata in salotto da neanche cinque minuti quando l'ennesimo squillo la fece sobbalzare.
La prima volta non aveva neppure pensato a guardare il display per vedere chi stesse chiamando, e in cucina il telefono era un vecchio modello. Stavolta però rischiò uno squillo in più per alzarsi il cordless davanti al viso, anche se era sicura che sarebbe stato inutile.
Ciò che vide la raggelò.
Erano solo sei lettere, tutte maiuscole perché nessuno perdeva mai tempo a passare al minuscolo quando inseriva i nomi in rubrica. Solo sei. "STUDIO".
Il telefono le cadde di mano, ancora squillante. Rimbalzò sul divano e rotolò sul tappeto.
Il suo sguardo seguì invece il percorso inverso, sollevandosi verso la porta chiusa dall'altro lato del corridoio. Lo studio. Dove c'era un'altra linea telefonica.
Rimase ferma, immobile, con il suono del telefono che le vibrava nelle orecchie.
Aveva la fortissima tentazione di scappare, ma non poteva... i bambini...
Stringendo il pennarello come fosse stato un'arma, si fece forza e percorse il corridoio. Solo quando fu a ridosso della porta dello studio vide la lama di luce che ne filtrava, lambendo la moquette.
Prese un respiro. Esitare non serviva a niente, a questo punto doveva sapere.
Afferrò la maniglia e la girò. Proprio in quell'istante, il telefono infine tacque.
C'era un uomo in piedi davanti alla scrivania di mogano, cornetta in una mano, un coltello da cucina macchiato di rosso nell'altra, ma non fu quello ad attirare l'attenzione di Sarah. Ai suoi piedi, coperti di sangue, c'erano due piccoli, miseri corpi gettati lì come sacchi della spazzatura.
«Che hai fatto?», urlò.
L'uomo si produsse in un'altra sgradevole risata da maniaco. «Ti avevo detto di guardare i bambini.»
«Che cosa hai fatto?», ripeté lei. «Perché li hai portati fuori dalla loro stanza?»
Sul volto dello sconosciuto si dipinse un'espressione di stupore a quell'insolita reazione. Restò lì solo un istante, poi venne rimpiazzata da un ghigno mentre l'uomo sollevava il coltello e si apprestava ad avanzare, e subito riprese il suo posto quando qualcosa glielo impedì.
Sarah ne seguì lo sguardo col suo, verso le piccole, fredde mani che gli si erano avvinghiate attorno alle caviglie. Mani che avrebbero dovuto essere troppo deboli anche solo per rallentarne il passo ma che, lo sapeva, lo stavano tenendo bloccato.
La ragazza non volle vedere il resto.
Fece un veloce passo indietro, chiuse la porta e prese a mormorare frasi senza senso apparente, mentre col pennarello tracciava sul legno i simboli che avrebbero impedito alle creature di uscire, almeno fino al ritorno dei padroni di casa.
Ci furono delle urla, ma cessarono quasi subito, e mentre completava il lavoro Sarah si ritrovò a sperare che il telefono ricominciasse a squillare.
Almeno l'avrebbe aiutata a non sentire il rumore dei denti che masticavano.


Il maniaco al piano di sopra e la babysitter, la leggenda

Al di là dell'inedita svolta horror, quella dell'uomo (un maniaco) al piano di sopra è una delle varie leggende metropolitane a vedere coinvolta la figura di una babysitter come vittima o, talvolta, carnefice.

Lo sviluppo della storia, che - come tante di quelle trattate sulle pagine di LaTelaNera.com- pare abbia origine intorno agli anni sessanta, è abbastanza lineare, anche se tende a lasciare parecchi dubbi aperti.

Una ragazza sta facendo da babysitter per una coppia agiata quando riceve una telefonata che le chiede se abbia controllato i bambini... cosa che lei evidentemente non ha fatto sebbene si supponga che sia lì apposta, ma questo è un altro discorso...
Sulle prime, la ragazza pensa a uno scherzo di qualche suo amico, e più che essere spaventata è irritata, specie quando le telefonate si susseguono, sempre più insistenti.

A questo punto esistono fondamentalmente due versioni di come la storia prosegua.

la locandina di Quando chiama uno sconosciuto del 1979Nella prima, la ragazza a un certo punto chiude il telefono in faccia all'interlocutore e così facendo lo sente ridacchiare nella stanza accanto.

Nella seconda, seccata, la babysitter chiama la polizia per segnalare il disturbatore. Dopo qualche minuto gli agenti la richiamano dicendole di uscire subito di casa perché la telefonata proviene dall'interno dell'abitazione.

In entrambe le versioni, la ragazza scappa e viene messa in salvo dalla polizia, giunta lì per caso o di proposito secondo i casi, che poi entra in casa e trova i bambini morti e un maniaco serial killer in attesa che la ragazza colga i suoi velati indizi ed entri nella stanza da letto di questi ultimi per diventare un'ulteriore vittima.

Un serial killer evidentemente piuttosto svogliato visto che non si era sforzato di andare a prendere la ragazza al piano di sotto...

Numerose sono le versioni alternative.

In alcuni casi il maniaco chiama ma non parla, o si limita ad ansimare o a ridere, o addirittura dice esplicitamente di essere al piano di sopra con i bambini.

In altre versioni più leggere a fare le chiamate è uno dei bambini per fare uno scherzo, o il padre di questi ultimi in preda a una raucedine che fa sembrare la sua voce inquietante.

Non mancano neppure interpretazioni ancora più horror, con tanto di seconde babysitter fatte a pezzi di fronte alla prima, asce insanguinate e via dicendo, nonché l'ovvia versione in cui la povera ragazza non si salva affatto.

Se si considera che la maggior parte delle leggende metropolitane nascono come una sorta di moderne cautionary tales, volte a deprecare o sconsigliare determinati comportamenti (non appartarsi in auto per evitare il killer con l'uncino, non prendere animali sconosciuti perché potrebbero non essere quello che sembrano e via dicendo), resta un po' il dubbio su quale voglia essere il significato dietro le righe di questa leggenda in particolare.

Forse non fare la babysitter? O farla ma evitare accuratamente di andare nella stanza dei bambini, e dunque fare il proprio lavoro, perché potrebbe esserci un assassino pigro nascosto lì?


La leggenda e il suo impatto mediatico

Le vicende narrate in questa leggenda sono state oggetto di alcune trasposizioni cinematografiche.

Si può citare Quando chiama uno sconosciuto del 1979, in cui in effetti la leggenda vera e propria si esaurisce nella prima parte del film e le viene poi dato un seguito, e il remake del 2006 Chiamata da uno sconosciuto.
La leggenda compare anche tra le tante referenziate nel film Urban Legend del 1998.


Fonti:
http://en.wikipedia.org/wiki/The_Babysitter_and_the_Man_Upstairs
http://www.snopes.com/horrors/madmen/babysit.asp


Condividi la lettura con i tuoi amici!

La babysitter e la telefonata del maniaco al piano di sopra
Articolo scritto da: Carmelo Massimo Tidona
Pubblicato il 19/07/2012

Da Misteri e Folclore:

Il Mercato dei feticci e il Voodoo Festival in Togo e Benin
Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Il Catalogo delle Bici Elettriche 2018

Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139