Robert the Doll, il bambolotto maledetto

In Florida, a Key West, riposa in un museo una bambola dalla fama misteriosa e maledetta...

Robert the Doll, il bambolotto maledetto Per un bambino, anche gli oggetti più innocui a volte possono apparire spaventosi. Così come capita che un giovanotto scoppi in lacrime vedendo Babbo Natale, o rimanga terrorizzato alla vista del clown che gli ha annodato il palloncino a forma di giraffa, può succedere che le paure si riversino su un giocattolo dall'aspetto innocente, come un orsacchiotto o una bambola.

Forse questa è l'interpetazione più ragionevole del mistero che sta dietro Robert, meglio conosciuto come "Robert the Doll", alla stregua di un fuorilegge del far west.
Robert, un giocattolo con la fama di essere un bambolotto maledetto, una bambola dalla brutta reputazione proprio come Mandy, la bambola maledetta presentata mesi fa sulle nostre pagine.

Andiamo a conoscerlo meglio!


Robert la bambola maledetta: la storia

La storia inizia nei primi anni del Novecento, nella residenza della famiglia Otto a Key West, in Florida.

Uno dei numerosi servitori della casa regalò al piccolo Robert Eugene Otto un bambolotto da lui relizzato: alto quasi un metro, vestito di un completino bianco da marinaretto con tanto di berrettino, e con in braccio un pupazzetto, il regalo era sicuramente il compagno di giochi perfetto per il giovane rampollo degli Otto. Fu il bambino stesso a decidere di dare alla bambola il suo stesso nome, e Robert divenne da subito una presenza costante nelle sue giornate.

Eugene passava buona parte del suo tempo in compagnia di Robert, giocando e chiacchierando col suo nuovo amico. Spesso Eugene sfruttava Robert come copertura per le sue marachelle. Quando un soprammobile di cristallo cadeva a terra, una finestra veniva lasciata aperta, un biscotto rubato, Eugene si giustificava dicendo che era stato Robert.

A volte i genitori lo sentivano parlare per ore da solo, e rispondersi con una voce completamente diversa dalla sua. Ma, nell'immaginazione di un bambino, anche quello poteva essere un gioco.

La presenza di Robert si fece però gradualmente più opprimente: forse reso inquieto dallo sguardo fisso eppure così profondo della bambola, Eugene iniziò ad avere incubi frequenti. Si svegliava gridando in preda al terrore, e quando i genitori accorrevano nella sua camera per tranquillizzarlo trovavano spesso mobili spostati e oggetti a terra. La spiegazione di Eugene era sempre "Robert did it!" (È stato Robert!), la stessa che aveva ripetuto ogni volta che qualcosa di strano avveniva in casa.

Questi stessi avvenimenti inspiegabili si fecero più frequenti: argenteria sparsa per la casa, letti disfatti, giocattoli fatti a pezzi.

In alcune occasioni, i vicini degli Otto videro Robert affacciarsi a finestre in stanze diverse, quando in casa non era presente nessuno. La servitù giurava di aver visto la bambola correre per i corridoi, e spesso di notte si udiva la risata gioiosa di un bambino.

Robert, un bambolotto maledetto?Anche le conversazioni tra Eugene e Robert proseguivano. In una particolare occasione, il tono di Eugene era così spaventato, e quello dell'altra voce così violento, che Mrs. Otto irruppe di corsa nella stanza del figlio, trovandolo rannicchiato in un angolo, in lacrime, mentre la bambola sedeva sul letto, lo sguardo apparentemente rivolto verso Eugene.

La storia andò avanti fin quando Eugene, cresciuto, andò a studiare a Parigi. Qui conobbe Anne, sua futura moglie, con la quale tempo dopo, in seguito alla morte del padre, si trasferì nella vecchia casa di Key West.

Robert era rimasto in soffitta per tutti quegli anni, e durante i lavori di ristrutturazione della villa Eugene fece costruire una stanza in scala appositamente per lui, con mobili di dimensioni ridotte e soffitto ribassato. Il nuovo padrone di casa Otto insisteva perché Robert fosse trattato come una persona, facendolo addirittura sedere a tavola durante i pasti.

Non trascorse troppo tempo prima che Anne ne avesse abbastanza di quel vecchio pezzo di stoffa, e in assenza del marito lo chiuse di nuovo in soffitta. Quando Eugene scoprì quello che era successo si mostrò furioso e spaventato allo stesso tempo, e si affrettò a riportare Robert nella sua stanza, continuando ad accusare la moglie.

Il rapporto tra i due si sfaldava, con Anne che cominciava a dubitare della sanità mentale del marito, ed Eugene che si dimostrava sempre più scostante e violento nei suoi confronti. Con la morte di Eugene nel 1972, Anne abbandonò in fretta Key West, andando a vivere a Boston e lasciando la casa Otto (ormai conosciuta come "The Artist House" ) in affitto.

Una particolare clausola del contratto da lei voluta stabiliva però che Robert doveva essere l'unico occupante della stanza in cui si trovava, e così il bambolotto rimase solo per alcuni anni.

Quando anche Anne morì quattro anni dopo suo marito, la clausola divenne nulla e la stanza di Robert fu aperta per alcuni lavori. Gli operari incaricati riferirono che la bambola sembrava spostarsi ogni volta che giravano lo sguardo, e più di una volta sentirono una risata risuonare nelle stanze.

Per poter affittare anche quella stanza, Robert fu di nuovo trasferito in soffitta. Da quel momento, gli occupanti successivi della Artist House lamentarono episodi simili a quelli accaduti agli Otto: rumori notturni, oggetti distrutti, stanze messe a soqquadro. Una bambina che aveva trovato Robert in soffitta e aveva iniziato a giocare con lui iniziò ad avere incubi e raccontò che la bambola l'aveva attaccata.

Infine, Robert fu donato al Fort East Martello Museum, dove rimase rinchiuso in uno scatolone per molti anni, prima di essere messo in esposizione, seduto col suo leoncino in braccio, in una teca di vetro.

La bambola maledetta Robert non va presa in giro


Robert il bambolotto maledetto: qualche considerazione razionale

Per quanto possano sembrare già assurdi, fin qui sono stati riportati soltanto dei fatti, avvenimenti documentabili e riferiti da testimoni che non avevano motivo di mentire.

Come veniva ipotizzato all'inizio, la storia di Robert può benissimo essere spiegata con un trauma di qualche genere subito da Eugene, forse dovuto proprio alla presenza inquietante del bambolotto, che lo ha in seguito portato a riconoscere in Robert una presenza malvagia e compiere “in suo nome” atti inspiegabili. E per gli ospiti successivi della casa degli Otto, si può pensare che si sia trattato di suggestione.

La storia di Robert è ben nota a Key West, tanto che nella zona, quando qualcosa va storto, gli abitanti sono soliti commentare "Blame it on Robert". Condizionati da questi racconti, i nuovi inquilini potrebbero aver ingigantito piccoli episodi del tutto normali. Senza contare che la vista di quegli occhietti neri vecchi di un secolo in un bambolotto alto quasi un metro seduto su una sedia può davvero incutere un certo timore.


Robert la bambola posseduta: approfondimenti inquietanti

Ma c'è un'altra parte della storia che ancora manca. Quella parte formata dalle dicerie, le voci non ufficiali di chi ha vissuto la vicenda da vicino, che forse costituiscono solo delle illazioni, ma possono fornire anche un'interpretazione diversa degli avvenimenti.

Tornando all'inizio del racconto, a quel servitore che ha realizzato il bambolotto, ci sono alcuni dettagli da considerare.

All'epoca, il personale di servizio non era certo trattato con rispetto, e anzi gli Otto erano piuttosto rinomati per la loro severità, tanto più che buona parte della servitù proveniva dalle isole delle Bahamas, e potevano a tutti gli effetti essere considerati degli schiavi. Secondo alcuni, l'uomo che fabbricò la bambola agì con lo specifico intento di vendicarsi dei torti subiti, infondendo nel giocattolo una particolare "energia negativa" che si sarebbe riversata sul piccolo Robert Eugene.

Le speculazioni arrivano fino alle pratiche voodoo, e la tesi è avvalorata dal fatto che i capelli di Robert siano stati prelevati da Eugene stesso.

Inoltre, sempre stando a quanto si dice, il servitore fu espulso dalla casa poco tempo dopo, quando Mrs. Otto trovò lui e altri servitori radunati in giardino mentre compivano alcuni riti insoliti, che identificò subito come magia nera.

Tra gli altri particolari interessanti, è da sapere che prima di ricevere il regalo, Eugene era sempre stato chiamato col suo primo nome, Robert. Fu quando iniziò a giocare con la bambola che insistette perché lui venisse chiamato Eugene, dato che Robert non era il suo nome, ma appunto quello del suo compagno di giochi.

Infine, se è vero che i capelli di Robert sono quelli del suo padroncino, è da notare che, nel corso dei decenni, dal castano si sono progressivamente schiariti, fino a diventare quasi bianchi, come se avessero seguito l'invecchiamento della persona da cui provengono. Ma naturalmente si tratta solo di dicerie, come quella secondo cui il comune di Key West avesse concesso i pieni diritti di cittadino a Robert: quale persona ragionevole crederebbe mai a cose del genere?

Un primo piano del volto della bambola Robert


Robert il bambolotto maledetto: un presente da star

Voodoo o suggestione, possessione o paranoia, oggi Robert se la passa più che bene. Esposto nella sua teca al museo Fort East Martello, ha raggiunto una certa popolarità, ed stato più volte intervistato per varie trasmissioni televisive (sul suo sito ufficiale si trovano i collegamenti alle sue apparizioni più recenti).

Ormai incluso in tutti i ghost tour della Florida, riceve migliaia di visitatori ogni anno. Può darsi che Robert gradisca l'attenzione che gli viene concessa, ma è ancora piuttosto permaloso: per potergli scattare una foto, infatti, i turisti devono prima chiedergli gentilmente il permesso. In caso contrario, la fotografia non sarà visibile e l'attrezzatura potrebbe danneggiarsi, come è successo anche ad alcune troupe televisive.

E guai a scherzare su di lui: pare che la maledizione della bambola colpisca chiunque non mostri il giusto rispetto nei suoi confronti. Viene da pensare che questa sia l'ennesima autosuggestione, ma probabilmente non sarebbero d'accordo le centinaia di persone che hanno lasciato al museo lettere di scuse o hanno scritto sul blog di Robert per chiedere perdono per la loro impudenza, ed essere infine liberati dal maleficio.

Se avete abbastanza fegato da sostenere il suo sguardo, Robert vi aspetta.
Magari, per farvelo amico, potreste prima aggiungerlo come amico su facebook e scambiare due chiacchiere.

E se proprio non ve la sentite, al modico prezzo di 40 dollari potrete acquistare una sua simpatica riproduzione (la bambola di una bambola!) e scaricare su di lui ogni vostra colpa con tre semplici parole: "Robert did it!"

Robert è esposto all'interno del Fort East Martello Museum


Fonti:
http://www.robertthedoll.org/
http://www.squidoo.com/dollrobert
http://holeinthedonut.com/2009/05/06/curse-robert-the-doll/
http://www.paranormalnewscentral.com/hauntings/related-topics/haunted-objects/270-robert-the-doll


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Robert the Doll, il bambolotto maledetto
Articolo scritto da: Andrea Viscusi
Pubblicato il 30/03/2012

Da Misteri e Folclore:

Il Mercato dei feticci e il Voodoo Festival in Togo e Benin
Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal


Concorsi letterarii in Italia

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
Film horror: tutti i migliori del 2018

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy