Il Pozzo senza Fondo > Misteri e Folclore > Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo

Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo

Tutti i dettagli sul simbolismo animale del Corvo e dei suoi significati attraverso i secoli, i popoli, le culture, le superstizioni e l'esoterismo.

Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo Sulle pagine di LaTelaNera.com andiamo oggi a studiare da vicino uno degli animali più controversi del creato: il Corvo (Corvus corax, Corvus frugilegus).

Sarà infatti molto difficile incontrare, all'interno del nostro lungo viaggio nella simbologia animale e relativi significati, un essere dalla fama così nera come quella del corvo (soprattutto nelle credenze popolari italiane).

Toccherà (come al solito) allo studioso Ottavio Bosco fare luce su questa creatura, analizzando la sua storia e il suo simbolismo attraverso le culture e le superstizioni più diverse, fino ad arrivare alle nostre.

Non mancheranno le sorprese.

Siamo pronti? Uno, due, tre... craaaaa! craaaaa! craaaa!


Il Corvo e il suo simbolismo

È evidente che i comportamenti tipici e più marcati degli animali costituiscono a tutti gli effetti lo spunto fondamentale delle leggende e credenze degli uomini: in questo caso, poiché il corvo si ciba anche di cadaveri di animali e di uomini, spesse volte cavando gli occhi dalle orbite è stato associato alla morte e al male.

Non a caso una delle forme fisico-materiali predilette dal Diavolo sarebbe proprio quella del corvo.

Nell’opera demonologica Ars Goetia, che consiste nella raccolta di varie pratiche di magie nera necessarie per l'invocazione di demoni e che contiene le descrizioni dei 72 demoni che (si dice) furono evocati da Salomone, il trentanovesimo demone è Malphas. Egli è uno spirito molto potente che governa quaranta legioni di demoni che, se evocato, apparirà inizialmente come un corvo, prima di assumere una forma umana.

Nell’ immagine sottostante è visibile la raffigurazione di Malphas riportata nel Dictionnaire Infernal. Trattato di demonologi, pubblicato per la prima volta nel 1818, e scritto da Collin de Plancy.

Raffigurazione del demone Malphas nel libro Dictionnaire Infernal
foto: la raffigurazione del demone Malphas all'interno del libro Dictionnaire Infernal.


Nella mitologia greca il Corvo ha una brutta nomea. Quando Apollo s’innamorò di Coronide, ordinò a un corvo dal piumaggio bianco di fare la guardia alla sua amata incinta mentre lui si recava a fare un viaggio a Delfi. Coronide non fu fedele e tradì Apollo con Ischide, ma il corvo non gli riferì l’accaduto. Quando Apollo ne venne a conoscenza, per punizione, fece diventare nere le piume del corvo.

Nella mitologia scandinava il corvo è l’uccello sacro di Odino: pare che il supremo dio norreno lasciasse liberi i suoi corvi, Huginn (pensiero) e Muninn (memoria), ogni mattina per avere informazioni su ciò che stava accadendo nel mondo. La sera i corvi tornavano, gli si posavano su una spalla e gli raccontavano ciò che avevano visto e sentito.

La foto di un misterioso corvo nero

Nella Genesi, Noè inviò un corvo dall’arca per cercare la terraferma e pare che il profeta Elia fosse stato nutrito dai corvi (1 Re 17,2-6): questo predispose i cristiani a considerare l’uccello con favore, anche se S. Ambrogio lo definì empio per non aver fatto ritorno all’arca.

Secondo altre leggende, furono proprio i corvi a guidare Alessandro presso il santuario di Zeus Ammonio nell’oasi di Siwah in Egitto, mentre in seguito gli preannunciarono la morte.

Lo scrittore greco Porfirio, nel III secolo d.C., scrisse che era possibile acquisire poteri magici mangiando il cuore di un corvo e il poeta Ovidio, nelle Metamorfosi, parla della strega Medea che infuse nelle vene di Giasone una pozione di cervo invecchiato e di testa di corvo vissuto per più di nove generazioni di uomini.

La tradizione vuole che un corvo non possa mai entrare nell’Acropoli di Atene, a causa della sua inimicizia con la dea Atena, il cui simbolo è una civetta.

I latini lo chiamavano Phoebius ales, l’uccello di Apollo e del sole.

La testa di un corvo nero in placida osservazione

Nella cultura e tradizione delle popolazioni dei territori subartici il corvo rappresenta la magia e la metamorfosi perché condivide diversi segreti con il Grande Spirito. Il corvo insegna all’uomo a vivere in modo umile, consapevole e moderato.

Secondo la mitologia di alcune stirpi indiane, sarebbe stato proprio il corvo a creare la terra: l’uccello, infatti, avrebbe portato nel suo becco i ciottoli che lasciava cadere in mare per formare le prime isole.

Come spirito totem delle culture indiane e aborigene, il corvo assume un aspetto totalmente opposto a quello della tradizione nostrana, infatti egli sarebbe in grado di proteggere dalla magia nera e dalla stregoneria, oltreché essere di aiuto per la preveggenza di avvenimenti futuri.

Secondo altre tradizioni dei popoli nativi americani il corvo, come animale forte, rappresenta l’ampliamento della coscienza: le sue piume nere costituiscono un passaggio verso l’infinito e, essendo in contatto direttamente con il Grande Spirito, può avere proprietà curative nei confronti della persona che lo evoca con la magia.

La foto di un corvo nero appollaiato su un cuscino

Nella tradizione alchemica il corvo, a causa del colore nero delle sue piume, rappresenta la putrefazione della materia usata.

Nel Rosarium philosophorum, una raccolta di dottrine alchimistiche del XIV secolo, si afferma che “E sappiate che la testa dell’arte è il corvo che vola senz’ali nel nero della notte e nella luce del giorno”, un chiaro riferimento alla fase della nigredo (la prima è più importante fase di ogni processo alchemico), in cui i componenti solidi della materia subiscono la putrefazione.

In alchimia si fa spesso riferimento al fatto di “tagliare la testa del corvo”, che è necessario tagliare alla fine della Prima Opera alchemica per separare il Mercurio filosofale (ossia farlo decantare): si otterrà così una terra in apparenza disomogenea, ma in realtà calda e umida, farà nascere il “piccolo re” della Seconda Opera alchemica, il basilisco (il fuoco, preambolo della trasformazione dei metalli).

I presagi popolari riguardo ai corvi abbondano.

Se un corvo vola vicino a una finestra e gracchia preannuncia morte, vedere un corvo solitario su un camino è segno di vendetta.

Se un corvo vola tre volte sopra una casa e gracchia tre volte è un cattivo presagio, se si vedono i corvi volare gli uni verso gli altri è un presagio di guerra.

Quando i corvi in stormo abbandonano un bosco vuol dire che è in arrivo una carestia.

Nel folclore russo, e generalmente in quello europeo, si crede che gli spiriti delle streghe assumano la forma di un corvo.

Simboli animali: il significato del Corvo


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo
Articolo scritto da:
Pubblicato il 03/10/2015

Da Misteri e Folclore:

Simboli e significati della Farfalla, tra mitologia ed esoterismo
Simbolo animale: significato della Civetta tra mitologia ed esoterismo
Simbolo animale: significato del Corvo tra mitologia ed esoterismo

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139