Folie à deux

Serial Killer > Wiki > Una sindrome clinica chiamata in psichiatria disturbo psicotico condiviso

Folie à deux Tra i serial killer che preferiscono uccidere in coppia si instaura quella che comunemente viene detta folie à deux (follia in due).
Si tratta di una sindrome clinica piuttosto rara chiamata in psichiatria disturbo psicotico condiviso. È caratterizzata dal transfert di sintomi psicotici, principalmente deliri paranoici ma a volte anche allucinazioni, da un soggetto a un altro.

Anche se quasi mai gli assassini seriali sono soggetti affetti da sindromi psicotiche, l’espressione "follia in due" risulta particolarmente efficace, in quando dà l’esatta idea di ciò che accade: due persone percorrono assieme una strada costellata di atti scellerati e al di fuori del comune concetto di normalità; una strada che può portare all’omicidio seriale.

Il primo a descrivere tale disturbo fu Legrand du Saulle nel 1871, che parlò di "idee di persecuzione trasmesse, o delirio a due o tre persone". Successivamente Lasègue e Falret formalizzarono due condizioni necessarie affinché si potesse parlare di "follia in due": la prima, i soggetti della coppia devono trascorrere un certo periodo della loro vita in uno stesso ambiente, la seconda, il delirio si deve mantenere nella sfera del reale e basarsi su attività concrete.

Partendo da queste teorie, nel 1949 Gralnick descrisse quattro tipi di follia in due, distinguendoli sulla base della relazione tra i due individui affetti:

- La folie imposée (“imposta”) è la tipologia più comune: in essa, un individuo dominante trasferisce i propri sintomi a un altro soggetto, solitamente più giovane, sottomesso e suggestionabile. In genere la separazione delle due persone provoca una regressione della sindrome psicotica nell’individuo sottomesso.

- Nella folie simultanée (“simultanea”), due pazienti che vivono a stretto contatto, entrambi predisposti a psicosi, sviluppano sintomi nello stesso momento e in maniera indipendente. In questo caso, nessuna delle due parti sembra dominante e non si riscontra nessun miglioramento a seguito della loro separazione.

- Nella folie communiquée (“comunicata”), invece, i due pazienti 34 predisposti sviluppano una psicosi con un intervallo di tempo: il soggetto dominante induce un sistema delirante simile al proprio nel sottomesso. Una volta comparso, però, questo non si annulla dopo la separazione delle due parti.

– Nell’ultima tipologia, folie induite (“indotta”), infine, due pazienti con una preesistente psicosi arricchiscono i propri deliri adottando l’uno parte di quelli dell’altro.

(l'articolo è un estratto dal saggio In due si uccide meglio – quando i serial killer uccidono in coppia rimaneggiato per i cereal Wiki da Biancamaria Massaro per gentile concessione degli Autori).


Condividi la lettura con i tuoi amici!

Folie à deux
Articolo scritto da:
Pubblicato il 15/03/2010

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal

Il Catalogo delle Bici Elettriche 2018

La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139