Fantasmi

Andiamo a scoprire una delle creature soprannaturali più note al mondo...

Fantasmi Un fantasma (dal greco antico Phantazomai, "io appaio") è un'entità legata al mondo dell'aldilà. Esso appartiene al patrimonio folcloristico di molti paesi presentando particolari differenti a seconda delle diverse nazioni.

Leggende popolari e romanzi di fama internazionale hanno contribuito a creare quella che oggi è, per molti, la classica figura del fantasma: un'entità evanescente, incorporea, spesso identificata con una sinistra nebbiolina che si muove in modo insolito o con una figura fluorescente dalle sembianze vagamente umane avvolta in un sudario. Questo è il tipo base e più universalmente riconosciuto di apparizione.

Altre fonti, invece, ci parlano di fantasmi somiglianti in tutto e per tutto a esseri umani la cui vera natura è rivelata solo da comportamenti bizzarri e capacità soprannaturali.

Esso non è altro che lo spirito di un defunto che non è riuscito a ricongiungersi coi suoi antenati e a raggiungere l'aldilà, rimanendo così sospeso tra il mondo terreno e quello ultraterreno, in una dimensione che non sempre possiamo cogliere. Ciò accadrebbe quando una persona muore in circostanze particolarmente traumatiche o comunque violente, oppure quando la suddetta persona non intende distaccarsi dalla dimensione terrena, preferendo rimanere vicina alle persone e ai luoghi che ha amato in vita.

Fantasmi nelle diverse culture e popoli

Già nei testi antichi dei romani e dei greci si hanno dei riferimenti ad apparizioni sovrannaturali, ma si tratta principalmente di apparizioni di ombre collegate a specifiche persone, com'è narrato nell'Odissea e nell'Eneide, mentre altre fonti fanno riferimento a fenomeni di tipo uditivo e olfattivo.

Gli egizi credevano che gli spiriti dei morti potessero tornare nei loro corpi rianimati, come nella leggenda di Imhotep che torna nel suo corpo dall'aldilà per istruire Tessalo sulle erbe medicinali più efficaci.

In molte altre culture, invece, è diffusa la credenza che lo spirito del defunto possa manifestarsi sotto forma di animale, demone e persino sotto forma di pianta.

In tali culture il fantasma non è considerato un'apparizione che incute timore, è anzi visto come una figura, se non positiva, assolutamente naturale. Per tale motivo in molti paesi si celebravano feste appositamente pensate per i morti, o comunque strettamente legate a esse, come il capodanno celtico, detto Samhain (dal quale discende la moderna festa di Halloween), nel quale si credeva che il velo che dividesse il mondo dei vivi dal mondo dei morti (il Sidhe) si assottigliasse e permettesse alle anime dei defunti di tornare nel mondo terreno.

Oppure come la festa romana dei Lemuralia, nella quale il capofamiglia iniziava a girare in cerchio in una stanza della casa per nove volte, gettando fave nere alle proprie spalle in modo da placare gli spiriti dei morti.

Fantasmi e Cristianesimo

Subito dopo la nascita del cristianesimo, i culti che celebravano i morti furono considerati pagani e tali culture vennero demonizzate. Così facendo si evitava che la gente si rivolgesse ai propri morti in funzione vicaria di Dio durante le preghiere.

Quando nel medioevo nacque il concetto di "purgatorio", la Chiesa stessa favorì lo sviluppo di storie sui fantasmi in modo da evidenziare la funzione che essa aveva di intermediaria tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti per favorire la vendita delle indulgenze.

Da questo momento in poi, dopo una lunga assenza dovuta alla demonizzazione di tale figura, il fantasma torna a infestare i vecchi manieri e le case, ma, essendo stato precedentemente indotto a esecrare tale figura, il popolo inizia a temerla favorendo la nascita di leggende e racconti provenienti da tutto il mondo che sono arrivate fino ai giorni nostri mostrandoci un'infinità di spiriti appartenenti ad altre culture.

1854: il boom dei fantasmi

Il 1854 è una data particolarmente importante per l'evoluzione della figura del fantasma.
In questo anno le sorelle Kate, Leah e Margaret Fox tentano, per la prima volta nella storia, di comunicare con un'entità ultraterrena con risultati sorprendenti: nella loro abitazione di Hydesville le tre sorelle iniziarono a udire strani rumori, i mobili si spostavano da soli, e si sentiva bussare incessantemente alle pareti.

La notte del 31 marzo la giovane Kate decise di sfidare la presenza creando un codice fatto di colpi al quale la presenza reagiva rispondendo coerentemente. Interrogando il fantasma, le tre sorelle scoprirono che si trattava dello spirito del defunto Charles B. Rosma, un venditore ambulante che fu imprigionato e ucciso in quella casa.

Fu la svolta per la neonata dottrina filosofica francese dello Spiritismo nata grazie ad Allan Kardec, ma resa famosa dalle sedute pubbliche delle sorelle Fox.

Dopo quell'anno fiorirono romanzi e storie che avevano un unico comune denominatore: i fantasmi, che diventarono personaggi tipici del romanzo gotico e della letteratura fantastica in generale.

Fantasmi e scienza

Ovviamente la scienza nega l'esistenza dei fantasmi. Si può affermare ancora più radicalmente che la scienza nega l'esistenza del soprannaturale e di tutto ciò che non risponde alle leggi della fisica, come l'aldilà.

La Parapsicologia è l'unica disciplina che si è occupata, dal 1882, di indagare i fenomeni paranormali.
Per quel che riguarda i fantasmi, i parapsicologi affermano che le apparizioni non sono altro che allucinazioni provocate da un forte stress emotivo e dalla suggestione. La mente posta sotto lo stress derivante dalla paura e dalla convinzione dell'esistenza degli spiriti, induce l'individuo ad avere allucinazioni che possono essere di tipo visivo, uditivo, olfattivo e tattile.

Laddove la presenza di trucchi e allucinazioni viene esclusa con assoluta certezza, subentrano altre spiegazioni:

1- Nel caso due o più persone assistano alla stessa apparizione, si parla di allucinazione collettiva. Secondo alcune teorie parapsicologiche un individuo posto a forte stress può trasmettere telepaticamente l'immagine che ha registrato il suo cervello permettendo ai propri compagni di vedere ciò che vede anche lui.

2- Herman WIlkins e Peter Underwood (rispettivamente professore dell'università dell'Ohio e cacciatori di fantasmi) hanno formulato l'ipotesi dei buchi spaziotemporali secondo la quale, in particolari condizioni ambientali si creerebbero degli squarci spaziotemporali simili a finestre su un'altra epoca che renderebbero visibili eventi passati. Questo spiegherebbe il fatto che alcuni fantasmi sono stati avvistati mentre fluttuavano nell'aria o mentre attraversavano dei muri. Probabilmente nell'epoca in cui quella persona era lì a camminare quel muro non esisteva o la strada era più alta di come è oggi.

3- La teoria della proiezione telepatica, invece, ci suggerisce che un individuo, sempre in condizioni di forte stress psicologico, possa involontariamente sdoppiare telepaticamente la propria immagine proiettandola nello spazio circostante o addirittura a miglia e miglia di distanza. Quest'ultimo caso costituisce una casistica a parte che va sotto il nome di "ubiquità" o "fantasmi vivi", ovvero apparizioni dell'emanazione astrale di persone vive.

Nel caso di un oggetto che si sposta da solo, una volta eliminata ogni possibilità di frode o di allucinazione, la parapsicologia ha avanzato l'ipotesi della telecinesi, ovvero la capacità di poter muovere gli oggetti con la mente. Le persone capaci di fare ciò spesso non ne sono consapevoli e in condizioni di forte stress iniziano a muovere oggetti nella stanza causando fenomeni che spesso sono imputati ai poltergeist.

Ovviamente nessuna di queste ipotesi è sufficientemente supportata da esperimenti o metodi scientifici, pertanto vengono escluse da ogni casistica ufficiale a favore della semplice allucinazione.

Il Vaticano, al contrario della parapsicologia, crede all'esistenza dei fantasmi per quello che sono, spiriti dei morti, ma le loro manifestazioni non sarebbero sempre positive. Potrebbero infatti essere anime mandate da Satana, per tale motivo il Vaticano consiglia, prima di fare qualunque mossa, di consultare un esorcista.

I fantasmi più famosi

Come già detto precedentemente, esistono vari tipi di fantasmi. Essi cambiano a seconda della tradizione alla quale appartengono, presentano caratteristiche e comportamenti ben diversi e infestano luoghi differenti.

I più conosciuti sono:
Aatxe: spiritello malvagio della cultura basca
Banshee: spirito femminile del folclore irlandese e scozzese
Baubau (o uomo nero): fantasma malvagio della cultura italiana
Bella 'mbriana: spirito della casa napoletano, antagonista del munaciello
Cane Nero (Barghest): fantasma malvagio, messaggero dell'oltretomba del folclore della Gran Bretagna
Canguro fantasma: creatura leggendaria americana
Incubo: spirito/demone della tradizione romana che causa brutti sogni alle proprie vittime
Jinn: geni della religione preislamica
Munaciello: spiritello della tradizione napoletana
Poltergeist: spirito rumoroso diffuso in tutto il mondo
Strzyga: categoria di spettri della mitologia slava
Spettro infestatore: tipologia di spettro che infesta solo case
Strigoi: spirito inquieto della mitologia rumena
Succubo: equivalente femminile dell'incubo
Yokai: un gruppo di esseri soprannaturali della mitologia giapponese, vi appartengono spiriti e demoni
Yurei: fantasmi giapponesi (non appartengono al gruppo degli Yokai)

Condividi la lettura con i tuoi amici!


Fantasmi
Articolo scritto da: Paolo Mazzeo
Pubblicato il 30/01/2012

Da Mostri, Esseri e Creature Leggendarie:

Mothman, il misterioso Uomo Falena della Virginia Occidentale
Il Serpente Marino, il predatore dell'oceano
Jormungand, l'enorme serpente di Midgard

Da Misteri e Folclore:

Bambini morti senza Battesimo: il mistero della loro sorte
Simboli e significati del Cinghiale, tra mitologia ed esoterismo
Simboli e significati della Farfalla, tra mitologia ed esoterismo


Concorsi letterarii in Italia

Corso web marketing ambientale Milano 2017

Tutti i migliori film horror del 2017

Tutti i migliori film horror del 2016

Film con zombie: i migliori

La classifica dei 10 serial killer più famosi

Simboli Esoterici: significato, origini e uso

Film con vampiri: i migliori

Misteri e storie incredibili

Le più spaventose leggende metropolitane

I 10 animali più velenosi al mondo

Favole Horror: le fiabe che fan paura da morire

Tutto sulla festa di Halloween del 31 ottobre

Il malato mondo dei serial killer

I peggiori disastri della storia umana

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139