Vincenzo Verzeni, la storia del serial killer

Nome Completo: Vincenzo Verzeni

Soprannome: il Vampiro di Bergamo, il Vampiro della Padania

Nato il: 11 aprile 1849

Morto il: 23 luglio 1874

Vittime Accertate: 2

Modus operandi: Avvicinava le sue vittime in luoghi isolati, per poi aggredirle all'improvviso provando a strangolarle e in caso di morte procedeva poi ad atti di mutilazione, vampirismo e cannibalismo.


Benché Vincenzo Verzeni, ribattezzato dalla stampa il Vampiro di Bergamo, abbia avuto all’attivo solo due vittime, è rimasto impresso nell’immaginario collettivo italiano per l’efferatezza dei sui delitti e per la sua aberrante sete di sangue. E non vi è dubbio che, se non fosse stato catturato dopo "soli" due omicidi, le sue gesta di morte sarebbero proseguite ancora.

Attivo già dall’età di diciotto anni (concluderà la sua breve "carriera criminale" a ventidue), è inoltre il primo serial killer italiano di cui si abbia una seria e dettagliata documentazione, grazie agli studi su di lui condotti dal famoso antropologo e criminologo Cesare Lombroso.

Questa, raccontata sulle pagine di LaTelaNera.com da Alessandro Nespoli e Alessio Valsecchi, è la sua storia...


Vincenzo Verzeni: la famiglia difficile e la povertà

Vincenzo Verzeni nasce a Bottanuco, un piccolo paesino in provincia di Bergamo, situato sulla riva sinistra del fiume Adda, l’11 aprile 1849. Alto 1,66 per 68 kg di peso, a vent'anni Vincenzo è quello che comunemente si può definire "un bravo ragazzo", silenzioso, docile e molto solitario. Ma dietro quella calma apparente, si cela una personalità pericolosamente borderline.

Verzeni, come molti assassini seriali, proviene da una situazione familiare decisamente complessa: un padre contadino alcolizzato e violento e una madre remissiva e bigotta (oltre che malata di epilessia). A chiudere questo triangolo all’insegna del precariato emozionale vi è un’inguaribile avarizia, che pone costantemente i membri della famiglia gli uni contro gli altri.

Questo clima, altamente patogeno, concorse ad alimentare le instabili fantasie del Verzeni, il quale non perse tempo a dare sfogo alla sua crudeltà, trasformandosi in un incubo lungo quattro anni, dal 1870 al 1873.

Il cadavere mummificato di Vincenzo Verzeni
foto: la mummia di Vincenzo Verzeni conservato al Museo di Arte Criminologica di Roberto Paparella.

Capitoli: 1 2 3 4

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:
Alessandro Nespoli

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy