La Firma

Serial Killer > Wiki > Un comportamento non necessario per il crimine, ma che soddisfa un bisogno psicologico del Serial Killer

La Firma La Signature, o Firma, è un elemento non sempre presente o individuabile in un omicidio seriale. Anzi, è piuttosto raro nella realtà, ma molto presente in romanzi e film sui serial killer.

Comprende tutto ciò che l'assassino seriale deve mettere in atto per raggiungere il completo "'appagamento".
Si tratta di comportamenti che non sono necessari per l’attuazione del crimine, ma soddisfano un bisogno psicologico del criminale. Ne consegue che è costante in ogni delitto e non varia negli anni.

Può essere, per esempio, la messa in posa del cadavere, magari esponendo alla vista degli scopritori i genitali della vittima. Rappresenta la concretizzazione nella realtà delle fantasie di sesso, morte e violenza che il serial killer ha immaginato “vivendo” nella sua mente l’atto omicidiario ed è strettamente legata al movente “profondo” del soggetto.

Per la realizzazione di un buon criminal profiling è fondamentale capire la differenza tra Modus Operandi e firma. Si potrebbe dire che il modus operandi coincide con il “come” un crimine si è consumato, mentre la firma con il “perché”.

Riportiamo di seguito un esempio “classico”, tratto dal Crime Classification Manual che riguarda gli stupratori seriali.
Primo caso: lo stupratore sorprende marito e moglie a casa. Costringe l’uomo a sdraiarsi a terra e gli mette una tazza con piattino sulla schiena, dicendogli che ucciderà la moglie se sentirà la tazza muoversi, poi va nella stanza accanto e violenta la donna.
Secondo caso: lo stupratore sorprende la donna da sola e la costringe a far venire a casa il marito con una scusa. Lega poi l’uomo alla sedia e lo costringe ad assistere mentre violenta la moglie.
Il primo stupratore ha sviluppato un ottimo modus operandi per agire indisturbato, mentre per il secondo, per sentirsi, appagato, è necessario che il marito assista allo stupro della moglie. La sua firma, quindi, è costringere un altro uomo all’impotenza e “sottrargli” la moglie. Paradossalmente, lo stupro è di per sé secondario.


Condividi la lettura con i tuoi amici!

La Firma
Articolo scritto da:
Pubblicato il 30/03/2009

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Leggende Metropolitane:

Elvis Presley è vivo! ...e altre leggende sul Re del Rock dal 1977 a oggi
Cannibali metropolitani: i mangiatori di uomini che vivono nelle città
Ozzy Osbourne, storie e miti da incubo per l'artista simbolo del metal

La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Responsabile Ambientale Aziendale a Milano

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139