Fred West (pagina 3)

Fred West: l'inizio della mattanza

I segreti da mantenere e le insistenze furono tali che una notte, senza alcun preavviso stando ai vicini di allora, Anna McFall scomparve misteriosamente.

Molte voci maligne si diffusero su una pazzia commessa da Rena, ma quando le ossa di Anna e del bambino che aveva in grembo furono dissotterrate nel 1994 su indicazione precisa di West, si poté verificare il suo smembramento, con il taglio delle dita delle mani e dei piedi, firma propria degli omicidi di quell’uomo.

Anna McFall divenne così la prima vittima accertata ufficialmente del serial killer Fred West, sebbene vi siano fondati sospetti che quel macabro primato possa spettare alla giovane Bastholm.

La scomparsa della McFall non fu comunque mai denunciata da amici e parenti che credettero alla scusa accampata da Fred: Anna era tornata in Scozia sotto altro nome per cominciare una nuova vita.

Con queste premesse, non stupisce che la nuova convivenza tra Costello e West durasse poco. Dopo lo spostamento in un camping differente vicino a Cheltenham, per lasciarsi alle spalle i casi McFall e Bastholm, Rena resistette un anno prima di abbandonare ancora Fred nel 1968.

L’anno successivo, mentre Fred West era autista di una panetteria, incontrò un’altra quindicenne che sarebbe divenuta la sua seconda moglie: Rosemary "Rose" Letts.


Fred e Rosemary West: una convivenza cementata col sangue

Si è molto discusso se l’approccio iniziale di Fred nei confronti di Rosemary fosse più quello di un serial killer verso una potenziale vittima piuttosto che di un uomo innamorato nei confronti dell’amata.
In effetti è impossibile determinarlo a posteriori, ma già sappiamo che Rosemary aveva sviluppato una propria capacità di divenire dominante in un rapporto con un soggetto violento e sadico, quindi non deve apparire strano ritrovarla a convivere col feroce Fred.

Rosemary e Fred West in una foto di tempi feliciLa loro relazione divenne presto simbiotica e si rafforzò nonostante la strenua opposizione del padre di Rose, il quale si comportò più come un amante tradito che non un padre preoccupato dalle frequentazioni della figlia, fino ad arrivare a minacciare Fred in pubblico al camping.

Nel 1970, con la nascita della sua prima figlia, Heather, la diciassettenne Rosemary si scontrò con un problema davvero difficile da risolvere per qualunque donna pur non adolescente: Fred finì in prigione con una condanna per furto e lei si dovette occupare da sola di tre bambine molto piccole.

Nonostante si fosse presa cura di due figlie non sue, tutte le testimonianze sono concordi nell’affermare che Rosemary trattasse davvero male sia Charmaine sia Anne Marie. La piccola Charmaine, dotata di carattere e volontà ferrea pur alla sua tenera età, divenne il bersaglio preferito della ragazza, madre suo malgrado.

Nell’estate del 1971, quando ancora Fred era in carcere, la bambina scomparve.

La sua sorte sarebbe rimasta un mistero fino agli anni novanta, quando nel corso dell’indagine sugli omicidi di Cromwell Street, il suo corpo fu rinvenuto sotto il pavimento della cucina della casa a Midland Road, dove abitavano i West al tempo della scomparsa. Il suo omicidio fu attribuito a Rosemary.

Uscito di prigione, Fred dovette fornire una scusa al vicinato per giustificare la scomparsa della bambina e si servì di una piuttosto semplice: Charmaine era tornata dalla madre in Scozia.

Seppur semplice, la scusa era anche a doppio taglio, in quanto Rena Costello non appena seppe della sparizione della figlia si precipitò a Gloucester per sapere cosa fosse accaduto. Non solo non seppe cosa era capitato alla figlia, ma si persero anche le sue tracce, finché i suoi resti non furono rinvenuti nel 1994 a fianco di Anna McFall, con la medesima asportazione delle dita di mani e piedi, marchio di fabbrica di Fred West.

L’omicidio di Charmaine da parte di Rosemary creò un’unione indissolubile tra lei e il marito. Ciascuno sapeva cosa aveva fatto l’altro e insieme svilupparono una sessualità deviante che comprendeva sadismo, prostituzione, violenza fisica, fantasie di stupro e omicidio (e non solo fantasie).

Capitoli: 1 2 3 4 5 6

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy