Albert Fish, la storia del serial killer

Nome Completo: Hamilton Howard "Albert" Fish

Soprannome: Il Vampiro di Brooklyn

Nato il: 19 maggio 1870

Morto il: 16 gennaio 1936

Arrestato il: 13 dicembre 1934

Vittime Accertate: 3

Modus Operandi: Rapiva, violentava, torturava, uccideva, squartava e mangiava bambini e ragazzini.


Il Vampiro di Brooklyn, così era soprannominato per le sue gesta Albert Fish, uno dei peggiori serial killer americani mai esistiti (se non il peggiore in assoluto), che diffuse il terrore in tutti gli Stati Uniti d'America di inizio XX secolo, mutilando, torturando e mangiando le sue giovani vittime.

Pedofilo, cannibale e assolutamente senza alcuna pietà oltre che fortemente instabile di mente, asserì che come un angelo aveva fermato la mano di Abramo un attimo prima che uccidesse suo figlio, così qualcuno avrebbe dovuto fermare lui. E se nessun angelo ancora ci aveva provato, era evidente che le sue azioni erano ben volute dal Signore, e che forse egli era un messia.

Isabella Ninfole racconta la sua terribile storia ai lettori di LaTelaNera.com.


Albert Fish: l'infanzia e la famiglia

Albert Fish nasce come Hamilton Howard Fish il 19 maggio 1870 a Washington D.C (sotto il segno zodiacale del Toro), in una famiglia fortemente disagiata.

Della sua famiglia, uno zio paterno soffriva di una psicosi religiosa e morì in ospedale, un fratello fece la stessa fine, il fratello più giovane soffriva di idrocefalea e morì in poco tempo, un altro fratello era affetto da alcolismo cronico, una sorella aveva una sorta di malattia mentale. La madre soffriva di allucinazioni, mentre una zia paterna era completamente pazza.

Albert, com'era chiamato in casa, cresce quindi in un ambiente decisamente poco sano, e da qui hanno inizio le sue ossessioni per il peccato e per l’espiazione mediante il dolore.

La sua è un'infanzia che definire "travagliata" è quindi poco, e dopo la morte del padre finisce in orfanotrofio, dove restarà per anni nell'attesa (vana) che qualcuno lo adotti. Una volta uscito dall’orfanotrofio, riesce a mantenersi con lavoretti saltuari e nel 1898 sposa una ragazza di diciannove anni, dalla quale ha sei figli.

Una delle poche foto esistenti di Albert Fish

Capitoli: 1 2 3

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:
Isabella Ninfole

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Master Gestione Rifiuti di TuttoAmbiente.it
Scuola di Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti di TuttoAmbiente.it
Corso web marketing ambientale Milano 2017

La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139