Michele Profeta, la storia del serial killer

Nome completo: Michele Profeta

Soprannome: il Mostro di Padova

Nato nel: 1947

Morto il: 16 luglio 2004

Vittime accertate: 2

Modus operandi: omicidio per mezzo di un colpo di pistola alla nuca.


L’infanzia, i matrimoni, i fallimenti.
Michele Profeta nasce a Palermo, nell’ottobre del 1947.
Figlio di una famiglia medio borghese, vive fin da bambino un grande conflitto di inferiorità nei confronti del fratello maggiore, Maurizio, continuamente presentato dalla madre come irraggiungibile modello di riferimento.
Dopo aver frequentato i primi anni delle elementari presso una scuola pubblica, i genitori decidono di iscriverlo alla scuola privata “Don Bosco”. I coniugi Profeta hanno già pianificato la vita dei loro figli: diventeranno persone importanti, rispettate e ben retribuite. Ma sia Michele che Maurizio si fermano al diploma. Maurizio trova lavoro in banca; Michele, invece, si iscrive alla facoltà di giurisprudenza, ma non porterà mai a termine gli studi. Per volere della madre quest’ultimo è costretto a lasciare anche il suo grande amore, Concetta, una ragazza di un rango sociale molto basso e quindi a lui non adeguata. Poco dopo, Profeta incontra e sposa Adriana, dalla quale ha due figli. La separazione giunge comunque in breve tempo.
Una volta libero dal suo matrimonio, e dal peso dei suoi genitori, Michele riprende il rapporto con Concetta. La sposa nel 1979, diventa padre di altri due figli. Le cose sembrano andare per il verso giusto: la donna che ha sempre amato è diventata sua moglie e madre dei suoi figli, è impiegato presso una società immobiliare, chiude parecchi contratti e guadagna bene. Ma una notte insonne lo porta a scoprire una cruda verità: la donna che ha sposato e credeva di conoscere non esiste, la realtà, quella che emerge dai diari trovati nella sua libreria, è ben diversa... Tutto si sgretola, il suo amore per Concetta si muta improvvisamente in ripudio, il lavoro comincia a fare acqua da tutte le parti. A causa di una condanna in un processo civile, Profeta non può più essere titolare di agenzie immobiliari. Poco tempo dopo, un azzardo pubblicitario addirittura costringe lui e il socio a dichiarare fallimento. Ritrovatosi senza lavoro, decide di mettersi in proprio, optando per il settore finanziario. Conosce così Antonella, che rimarrà per lui un punto di riferimento anche dopo l’arresto.
Non avendo il coraggio di lasciare Concetta, però, comincia ad avere una doppia vita: due donne che ignorano l’una l’esistenza dell’altra.
Dopo l’ennesimo fallimento lavorativo Michele lascia definitivamente la Sicilia, sistema Concetta e Antonella in due città lontane e trova lavoro presso un’agenzia immobiliare. Le cose sembrano andare bene fino a quando non viene licenziato e si ritrova di nuovo sull’orlo baratro: senza una lira, due famiglie da mandare avanti. Deve trovare una soluzione, e l’unica a cui giunge è folle e senza speranze: inizia così il suo percorso da omicida seriale.

Capitoli: 1 2 3 4

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:
Assunta Alvino

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez
Master Gestione Rifiuti a Bologna
Master Responsabile Ambientale Aziendale a Milano

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy | P.I. 03460680139