Ted Bundy (pagina 2)

Ted Bundy: La laurea e Stephanie

Nell'estate del 1973, Bundy si laureò all'Università di Washington, e fu presto accettato alla scuola di legge dell'università dello Utah. Tuttavia, forse per la relazione con Meg o per il suo impegno con il Partito Repubblicano, Ted decise di non frequentare la scuola fino all'anno seguente.

Durante uno dei viaggi per il partito, Bundy rivide Stephanie e, forte della sua nuova immagine di uomo di successo, la frequentò segretamente per alcuni mesi e fece in modo che lei si innamorasse del nuovo Ted Bundy. Nessuna delle due donne di Bundy sapeva dell'esistenza dell'altra, ma soprattutto entrambe erano inconsapevoli della trasformazione che questi aveva subito.

Tra la fine del 1973 e l'inizio del 1974 Ted smise improvvisamente di cercare Stephanie e diventò insensibile nei suoi confronti.

Nel febbraio 1974, quando la ragazza lo chiamò per avere delle spiegazioni sul perché l'avesse lasciata, Ted si mostrò impassibile e mise giù il telefono. Stephanie non lo vide né lo sentì più. Freddo e calcolatore, Bundy aveva fatto in modo che la ragazza si innamorasse di lui per poterla scaricare nello stesso modo in cui lei l'aveva piantato in precedenza.


Ted Bundy: Il primo omicidio

Nel 1974 ebbe inizio la spirale di morte che avrebbe trasformato un'affascinante e seducente promessa del partito repubblicano in uno spietato serial killer.
Ted Bundy scelse metodicamente ogni vittima: ognuna evocava nell'aspetto la figura snella di Stephanie e i suoi capelli neri con la riga in mezzo.

Il 4 gennaio del 1974, la diciottenne Joni Lentz divenne la sua prima vittima.

Joni divideva un appartamento a Seattle con diverse compagne e quella mattina, quando non scese per la colazione, nessuna di loro pensò che qualcosa non andasse. Solo con il passare delle ore, si insospettirono e decisero di controllare che stesse bene. Joni sembrava essere sveglia quando entrarono nella sua stanza ma, non appena si avvicinarono, si resero conto con orrore che giaceva in una pozza di sangue. Quando scostarono le coperte, vennero colte dal terrore e dal raccapriccio: una delle aste dell'intelaiatura del letto era stata spezzata e usata per picchiare Joni sul viso e sulla testa ed era stata poi conficcata profondamente nella sua vagina.

Nonostante la violenza, sembrava che Joni respirasse ancora, così le sue compagne chiamarono i soccorsi e la polizia locale.
Quando l'unità mobile arrivò, la ragazza era in coma. Era riuscita a sopravvivere all'aggressione ma aveva subito danni cerebrali e lesioni interne molto gravi. Non ricordava nulla dell'accaduto.
Bundy era riuscito a entrare e a scappare grazie a una finestra lasciata aperta.

Ted Bundy, il killer delle studentesse giura

Capitoli: 1 2 3 4 5 6 7

Condividi la lettura con i tuoi amici!

Dossier scritto da:

Da Il mondo dei Serial Killer:

Serial killer per induzione (by Proxy): quando l'assassino è un burattinaio
Serial killer atipici: forme particolari e non comuni di omicidio seriale
Razze, Razzismo e false certezze

Da Serial Killer Dossier:

Robert Black
Anthony Hardy
Steve Wright

Raccolta racconti Delitti al Thriller Cafè
La storia del serial killer Andrei Chikatilo

La storia del serial killer Robert Berdella

La storia della serial killer Leonarda Cianciulli

La storia del serial killer Jeffrey Dahmer

La storia del serial killer Ted Bundy

La storia del serial killer Charles Manson

La storia del serial killer Albert Fish

La storia del serial killer Ed Gein

La storia del serial killer Aileen Wuornos

La storia del serial killer Richard Ramirez

Disclaimer e Diritti | Recapiti e Contatti | Questo sito usa i cookie: consulta le nostre privacy policy e cookie policy